“CHARLIE HEBDO” COLPISCE ANCORA!

CHARLIE_HEBDO__COLPISCE_ANCORA.jpg

Dopo il terremoto di Amatrice, il giornale satirico francese deride di nuovo l’Italia sbattendo in prima pagina la tragedia del ponte e la crisi immigranti

L’irriverente settimanale francese Charlie Hebdo non ha perso occasione per fare del sarcasmo sul recente, e ancora molto critico, evento tragico di Genova e sulla questione degli sbarchi degli immigrati. Prima che uscisse la vera copertina della testata, giorni fa in rete girava una cover provocatoria, in seguito denunciata come bufala, sul crollo del viadotto autostradale: la copertina, che in realtà è opera del vignettista italiano Ghisberto, riportava una carreggiata obliqua, con dei sacchi pieni di monete d’oro che facevano da contrappeso e la bandiera italiana che sventolava in cima al ponte, sulla quale delle macchine scivolavano schiantandosi al suolo. La nuova copertina shock del giornale francese, invece, è uscita sbattendo in prima pagina, oltre alla catastrofe del crollo di Ponte Morandi, anche l’emergenza immigrati. La vignetta numero 1361 del periodico satirico, disegnata su sfondo giallo, raffigura in alto a sinistra il ponte spezzato con il camion fermo sul ciglio e, fra le macerie e due macchine distrutte, un immigrato di colore che spazza il suolo con una ramazza. “COSRUITO DAGLI ITALIANI…PULITO DAI MIGRANTI”: questo è l’aspro commento a caratteri cubitali con il quale Charlie Hebdo, senza scrupoli, fa della macabra ironia su delicate e drammatiche questioni che attanagliano la nostra Nazione. La copertina ha già sollevato forti critiche soprattutto a livello politico.

cms_10053/2.jpg Il primo ad attaccare il giornale è stato il ligure Edoardo Rixi, Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti: "Il giornale francese Charlie Hebdo è senza vergogna e riesce a superare ogni limite nel cattivo gusto -ha scritto sul suo profilo Facebook- Questa sarebbe satira? Per me c’è solo una parola: SCHIFO". Anche il Senatore Marco Marsilio si dichiara indignato di fronte alla velenosa copertina: “Una vignetta di pessimo gusto sul ponte di Genova. Non si capisce chi dovrebbe ridere con questa vignetta, se non qualche cretino sciovinista di oltrecortina. Fa riflettere che, in Francia come in Italia, gli ’intellettuali’ progressisti non perdano occasione per dimostrare la loro siderale distanza dalla realtà”. Anche all’indomani del terremoto di Amatrice, Charlie Hebdo si era fatto notare per una copertina intrisa di sprezzanti luoghi comuni anti italiani senza rispetto per i morti sotto le macerie. Ora replica con Genova", aggiunge Marsilio. Secondo il Senatore di Fratelli d’Italia, il Ministro degli Esteri dovrebbe pretendere scuse e rispetto da Parigi, per una tragedia che alla fine ha provocato decine di lutti. La copertina autentica è firmata Riss, divenuto direttore del giornale satirico dopo la strage terroristica di al-Qaeda, tre anni fa, alla quale lo stesso Laurent Sourisseau (in arte Riss), scampò, seppur ferito.

Nicòl De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App