“SE BAMBI FOSSE TRANS”

IL VIAGGIO PSICOLOGICO E FISICO DI GIACOMO E DELLA SUO ALTER EGO

copertina-se-bambi-fosse-trans_small2.jpg

Un libro diretto, un racconto schietto. Dicotomia di un personaggio, il venticinquenne Giacomo, che si vede costretto a seguire i suoi impulsi e a cambiare radicalmente vita.

Una storia così reale e così frequente che invita a prendere coscienza.

Traspare da questo libro la voglia dell’autore, Emiliano Reali, di raccontare la realtà di molte persone omosessuali che scelgono di travestirsi così come di molti transessuali, per i quali la strada rappresenta un lavoro o semplicemente il posto dove soddisfare i propri desideri sessuali, il proprio “palcoscenico”. Ed è proprio sulla strada che il racconto si apre e si conclude, con un ventaglio di dinamiche psicologiche al suo interno. Consapevolezza di sé, di quel che si è.

Il romanzo è la storia di Giacomo, ragazzo del nord Italia, “regolarmente” fidanzato con una ragazza di nome Luana. Ma Giacomo conduce una doppia vita: si traveste di notte, in incognito. Non tarda ad arrivare il momento in cui il ragazzo fa i conti con la sua natura, con il suo sentirsi donna. Giacomo cerca una guida e la trova in un travestito, Desideria, una figura quasi materna. E con la scoperta di sé inizia il giro di incontri, di sentimenti, di delusioni e di scoperte e di avventure.

I personaggi di questo libro sono ben definiti, incredibilmente reali. Si ha la sensazione di conoscerli in qualche modo perché bene o male ognuno di noi conosce una Luana, una Desideria, un Marco. O lo ha intorno a sé, magari senza accorgersene.

Una pennellata veritiera del mondo transessuale e più in generale, dei sentimenti umani, per usare le parole dell’autore.

Se Bambi fosse trans è arrivato dopo due lavori, il romanzo d’esordio Ordinary, primo AR book in Italia nella nuova edizione del 2013, messo in scena a teatro a Roma e il secondo è un libro per bambini, utilizzato nelle scuole.

cms_1228/Emiliano-Reali_web.jpg

Emiliano Reali è conosciuto anche all’estero: Se Bambi fosse trans uscirà in America con il titolo What if Bambi were a Tranny? (DeBooks 2015) e sarà anche trasposto cinematograficamente dalla BIC Production LLC. A fine anno lo scrittore sarà all’ambasciata di Washington DC (presso l’Ambasciata d’Italia – Istituto di Cultura di Washington DC) per presentare On the edge, la versione americana della sua raccolta di racconti di gran successo Sul ciglio del dirupo (Ded’a 2012) e il “book tour” farà tappa anche a Philadelphia e New York. Prima dell’inizio del suddetto “book tour”, On the edge verrà presentato in anteprima nel mese di ottobre a Willmington DE.

L’America strizza l’occhio allo scrittore romano, laddove nel suo Paese non manca qualche amarezza: la pagina Wikipedia dedicata a Reali è stata più volte eliminata, diverse controversie legate all’enciclopedicità della stessa hanno ostacolato uno degli esponenti più attivi del mondo LGBT, paradossalmente “accolto” meglio all’estero che nella sua Italia.

La società di oggi, purtroppo ancorata a retaggi culturali, non è forse ancora pronta a comprendere le diversità di genere. In un’epoca in cui tutto sembra già superato, in cui la tecnologia avanza e in cui si è continuamente affacciati alla globalizzazione, i pregiudizi non sono stati realmente superati. C’è chi ancora costretto a nascondere e a vivere nella paura di essere scoperto. Il messaggio di Reali, arriva chiaro e forte dalle pagine del suo libro: un incoraggiamento ad amare se stessi, a rispettarsi e venir fuori combattendo tutti i pregiudizi.

Una storia forte, una storia che si può immaginare anche dal titolo: Bambi, il cerbiatto simbolo di purezza e di ingenuità. E se Bambi fosse trans, appunto? Cosa succederebbe se nel periodo più puro, bello e spensierato della vita quale la pubertà e l’adolescenza, ci si scontrasse con la consapevolezza della propria identità sessuale? Dell’essere in qualche modo “diverso”? Ma diverso da chi poi? Bambi può essere il vicino di casa, la collega, il farmacista, la sorella, il cugino, il migliore amico, il peggior nemico. Bambi può essere qualsiasi cosa, può anche essere trans e probabilmente sarebbe solo più bella.

Giacomo Giuseppe Marcario

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su