72esima EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL CINEMA DI CANNES

IL RED CARPET E’ ROBA DA INFLUENCER

IL_RED_CARPET_E’_ROBA_DA_INFLUENCER.jpg

Siamo ormai giunti al rush finale della 72esima edizione del Festival del Cinema di Cannes e il suo red carpet si popola delle influencer più popolari, figure da tempo sotto l’occhio del ciclone dai “puristi” del fashion system, ma adorate e imitate da milioni di millennials di tutto il mondo.

cms_12927/foto_1.jpeg

La prima volta sul red carpet di Cannes della popolare influencer Giulia De Lellis invitata alla prima del film “Les plus annes d’une vie” del regista Claude Lelouch non è passata certo inosservata visto il putiferio che si è scatenato sui social con commenti, alcuni francamente davvero di cattivo gusto, dove il più gentile è stato: “ma tu che ci fai lì?”. L’influencer ha replicato agli insulti degli haters definendoli persone tristi e infelici che a mio modesto parere è la risposta più giusta che si possa dare a della gente che, inspiegabilmente, seguono alcune persone sui social con il solo scopo di deriderle o riempirle di insulti. Giulia De Lellis può piacere o meno e a nessuno è imposto di diventarne suo follower e trovo davvero becero e sterile insultare delle persone forse solo perché si vorrebbe essere lì al posto loro. Se le influencer hanno calcato il red carpet di Cannes qualcuno le avrà invitate e realizzato per loro gli outfit che hanno indossato e quindi sarebbe stato più logico criticare le strategie di marketing delle maison di moda che da anni scelgono le influencer come loro testimonial, non i testimonial. Scrivere cosa ci fai lì tu che non sei un’attrice alla De Lellis è ingenuamente sterile, forse sarebbe stato più giusto porre questa domanda alla casa cinematografica che l’ha invitata alla presentazione del suo film al Festival. Detto questo anche il suo outfit è stato oggetto di commenti tranchant, ma cerchiamo di analizzarlo senza pregiudizi che siano positivi o negativi. L’influencer si è presentata ai flash dei fotografi con un abito rosa fluo della maison INGIE Paris in raso di seta dalle maniche scenografiche e con uno scollo “spiovente” profilato da piume rosa. Ritengo che non sia mai elegante presentarsi ad un evento importante e formale come il Festival di Cannes con un minidress, l’abito ha una scollatura che rende otticamente anche il decolté di una giovanissima come Giulia De Lellis cadente, le maniche di ruches appesantiscono l’abito e a dargli man forte arrivano le piume. La silhouette appare informe e incassata, azzeccata la scelta dello chignon-tormentone del red carpet che l’influencer porta alto e strutturato, come pure è azzeccato il make up focalizzato sugli occhi, la scelta dei sandali nude ton sur ton e i gioielli quasi assenti se non per dei piccoli, ma preziosi orecchini di Chopard. Voto 5

cms_12927/foto_2.jpg

Altra influencer nostrana molto amata sui social che non ha resistito al fascino di Cannes è Paola Turani che per il suo personale red carpet sceglie un abito modello sirena della maison Tony Ward Couture dalla scollatura abissale e uno strascico appena accennato. Un abito difficilissimo da indossare che solo una bellissima come Paola Turani può indossare così splendidamente senza essere neanche per un attimo eccesiva o volgare, certo la scollatura è abissale, ma l’influencer la stempera con un make up sofisticato e glamour e un’acconciatura molto chic. L’unica nota stonata sono gli orecchini a cerchio del tutto superflui in un outfit già di suo scintillante. Voto 8

cms_12927/foto_3.jpg

Per la premiere del film del regista Quentin Tarantino “Once Upon a Time…a Hollywood” sul red carpet di Cannes sono arrivati due attori d’eccezione come Leonardo Di Caprio e Brad Pitt, ma anche l’influencer più influente e famosa al mondo, Chiara Ferragni. L’influencer non è al suo primo red carpet, ma a Cannes ha fatto parlare molto di sé per il nuovo taglio di capelli sfoggiato proprio per l’occasione, peccato però che fosse solo una parrucca perché il bob fintamente spettinato le dona moltissimo, ma rinunciare ad una chioma lunga e fluente è da sempre una scelta difficile per la maggior parte delle donne anche per un influencer. L’outfit della maison Philosophy by Lorenzo Serafini ha un che di fetish, un outfit composto da un crop top con spalline e profili in velluto nero con borchie applicate e due fiocchi centrali tutto tempestato da micro cristalli Swarovski e da una maxi gonna in seta nera con profondo spacco laterale e il punto vita sottolineato da un nastro di velluto nero che riprende il leitmotiv del crop top. Molto belli i sandali gioiello e il make up con base glow e sparkling sugli occhi. L’outfit nell’insieme è glamour, ma un po’ troppo audace per il red carpet di Cannes al quale è richiesto un dress code elegante e glamour. Voto 7

cms_12927/foto_4.jpg

L’influncer Catherine Poulain calca il red carpet di Cannes con un abito modello sirena dal tessuto damascato con ruches laterale e ampio scollo che lascia scoperte le spalle. L’abito ha un fitting perfetto per la sua body shape (clessidra), ma ha un mood un po’ troppo old style come del resto l’acconciatura e i sandali da cui esce malandrino anche un mignolo. Il colore nero dell’abito indurisce i lineamenti del suo viso, mentre lo scollo che lascia ampiamente scoperte le spalle è quello più donante per tutte le donne che si riconoscono in questa body shape che ha come peculiarità fianchi e seno abbondante. Voto 6

cms_12927/foto_5.jpg

Dopo tanta “influenza” da red carpet (di influencer ne sono passate davvero tante quest’anno a Cannes, questi sono stati per me gli outfit più interessanti) torniamo a sognare con le attrici e i loro abiti da sogno come quello sfoggiato dall’attrice Dakota Fanning sorella di Elle Fanning della maison Armani privè. Un abito candido dalla linea essenziale in mikado di seta, scollo con punte laterali, maxi gonna provvista di tasche e una cintura in stile obi (cintura tradizionale che i giapponesi indossano per fermare il kimono) di un giallo pallido. I colori dalle nuance poco sature fanno risaltare al meglio la pelle diafana dell’attrice, l’orlo è perfetto come il make up natural, ma glow e l’onnipresente chignon (che se tanto mi da tanto, quest’estate per le occasioni più eleganti il make up glow e lo chignon saranno elementi imprescindibili per tutte le fashion addicted) un outfit davvero chic, lei e sua sorella sono state le vincitrici di questa maratona da red carpet che è stato il Festival di Cannes. Voto 8

cms_12927/foto_6.jpg

La modella Camilla Monrone nipote del grande attore Al Pacino e oggi attrice e fidanzata del bel Leonardo Di Caprio porta sul red carpet di Cannes un abito della maison Miu Miu bordato nella parte inferiore da piume (altro grande must have per questa stagione) dal mood “vecchi négligé” che si vedevano nei film hollywoodiani degli anni cinquanta. L’abito candido in seta micro plissettata ha uno scollo dritto e un’ampia gonna, il punto vita è sottolineato da una micro cintura dello stesso tessuto dell’abito. Il make up glow, lo chignon con riga centrale danno la giusta ribalta al prezioso collier indossato dalla neo attrice. Voto 9

cms_12927/foto_7.jpg

L’attrice Elle Fanning sceglie per la nona serata da red carpet un outfit dal mood retrò della maison Dior, è un omaggio all’outfit iconico della maison, quello adorato dal grande Christian Dior, camicia in organza di seta, gonna vaporosa in tulle e uno chic cappello di paglia. L’outfit sarebbe da dieci se non fosse per la scelta infelice delle décolleté preferite ad un più appropriato sandalo gioiello, bello il make up e l’acconciatura ad onde piatte che riprende il fil rouge dell’outfit. Voto 9

cms_12927/foto_8.jpg

Il party più glamour e benefico del Festival del Cinema di Cannes è andato in scena come da molti anni nell’esclusivo Hotel du Cap-Eden-Roc di Antibes dedicato alla raccolta fondi per la ricerca e la lotta contro l’AIDS. Quest’anno è stata la 26esima edizione dell’amfAR Gala Cannes che grazie alla generosità delle star presenti al party sono stati raccolti duecento milioni di dollari. E’ stato un red carpet dove c’è stato il trionfo del tulle, pizzi, ruches e piume, abiti vaporosi che sembravano delle nuvole come quelli indossati dall’influencer Chiara Ferragni, dalle top model Kendall Genner, Sara Sampaio e Winnie Warlow, dalla cantante Dua Lipa e da tante altre. Tutti outfit bellissimi, ma Dua Lipa in un abito della maison Valentino Haute Couture e Kendall Genner in un abito della maison Giambattista Valli sono state le più belle in assoluto. Voto 10 per entrambe

T. Velvet

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App