AL SAN NICOLA IL BARI CALA IL POKER CONTRO LA NOCERINA

CORNACCHINI: “SONO FELICE PER LA PRESTAZIONE. BRAVO MARFELLA NONOSTANTE L’INFLUENZA”

AL_SAN_NICOLA_IL_BARI_CALA_IL_POKER_CONTRO_LA_NOCERINA_.jpg

Gol e spettacolo al San Nicola. Davanti a circa 11.000 spettatori, il Bari supera brillantemente il difficile test Nocerina e guadagna altri tre punti preziosi per la classifica. Una vittoria (4-0) importante che evidenzia, se mai ce ne fosse bisogno, la forza e la consapevolezza del ruolo a cui è chiamata la squadra biancorossa. Ma al di là di questo aspetto, tuttavia, si tratta di una vittoria largamente meritata e significativa perché ottenuta contro una squadra che, prima di incontrare il Bari, era terza in classifica - in coabitazione con il Marsala - con la quarta difesa meno battuta del campionato (9 reti subite) dietro a Bari (4), Palmese (5) e Marsala (8). Il Bari, invece, ancora imbattuto e con la migliore difesa e attacco del campionato, con questo successo conquista la decima vittoria in tredici giornate.

LA PARTITA

Giovanni Cornacchini con il 4-4-2 schiera: Marfella; Turi, Mattera, Di Cesare (77’, Cacioli), Nannini; Piovanello, Hamlili (77’, Pozzebon), Bolzoni (75’, Feola), Floriano (75’, Liguori); Simeri e Neglia (66’, Bollino).

Con il 3-5-2, invece, il tecnico della Nocerina, Gerardo Viscido, manda in campo: Feola; Vuolo, Caso, Salto; Odierna, Cardone (37’, Vatiero), De Feo (59’, Riccio), Ruggiero, Festa; Simonetti (59’, Orlando) e Cioffi (77’, Capaccio).

cms_11034/2.jpg

Ottimo avvio del Bari che alla prima azione passa subito in vantaggio. Piovanello ruba palla a centrocampo e serve immediatamente Floriano (1’) che scarta un difensore e si invola verso la porta, supera anche il portiere e appoggia comodamente in rete tra le urla di gioia dei tifosi biancorossi. Dopo il vantaggio, allora, il Bari lascia il palleggio agli ospiti badando soprattutto a non scoprirsi. Ma i rossoneri lasciano ampi spazi e così i galletti, alla seconda occasione, raddoppiano con Piovanello (16’). L’esterno taglia al centro dell’area, riceve palla da Floriano, scarta Feola e insacca. La partita sembra chiusa, ma i molossi reagiscono e ottengono un calcio di rigore per fallo di Mattera su Cioffi. Ma ancora una volta sale in cattedra Davide Marfella (24’) che vola sulla destra e para il rigore calciato da Simonetti. Passa qualche minuto e i padroni di casa realizzano anche il terzo gol. Di Cesare (36’) che aveva impostato la ripartenza dalla difesa, si ritrova tutto solo in area libero di segnare per la terza volta approfittando del perfetto assist di Simeri. Nella ripresa i rossoneri riprendono a giocare, ma sono ancora i biancorossi a sfiorare il quarto gol con Nannini (49’) dalla distanza, ma Feola devia in angolo. Il poker però non tarda ad arrivare. Il neo entrato Bollino (70’), infatti, con un preciso tiro dalla media distanza trafigge l’incolpevole portiere. Il Bari potrebbe fare addirittura il quinto gol, ma la conclusione di Simeri (79’) finisce sul palo.

ANALISI E COMMENTI

Al San Nicola, dunque, altra prova di forza della squadra biancorossa che conquista tre punti preziosi travolgendo la Nocerina, una squadra che stava vivendo un buon momento di forma. I molossi, va detto, hanno provato a giocare a viso aperto contro i biancorossi pensando di poter sorprendere la retroguardia biancorossa, ma probabilmente è stato questo l’errore più grande perché, concedendo spazi all’armata biancorossa, di questi tempi si rischia l’imbarcata. E così è stato. Ma al di là dell’atteggiamento tattico degli ospiti si è vista una squadra determinata e ben messa in campo. Il gol in avvio di gara ha sicuramente avvantaggiato i biancorossi che però hanno avuto il merito di non accontentarsi e di cercare il gol in più di un’occasione. Tutta la squadra si è mossa bene e si sono viste alcune giocate di categoria superiore come dimostrano i gol di Floriano, Piovanello, Bollino e dello stesso Di Cesare che ha avuto il merito di impostare dalla difesa l’azione del gol – da lui stesso conclusa - con una finezza di alto livello. Senza dimenticare, tuttavia, la prodezza di Davide Marfella che ha giocato nonostante l’influenza. La gara poteva riaprirsi, ma il portiere biancorosso, parando il rigore, lo ha brillantemente evitato mettendo in cassaforte il risultato.

cms_11034/3.jpg

“Sono stato felice dell’atteggiamento della Nocerina – ha dichiarato un soddisfatto Cornacchini al termine della gara – ma non sorpreso. La Nocerina non è lì in classifica per caso. È chiaro però che se concedi spazi allora diventa tutto più facile. Sono felice per la nostra prestazione, ma possiamo ancora migliorare. Sono contento anche per Marfella che non stava benissimo. Nonostante l’influenza è stato bravo e non si è tirato indietro. Bollino? Un caso che non esisteva”.

Con questo successo il Bari vola a 33 punti seguito dalla Turris (27). Ora il calendario riserva al Bari quattro partite che potrebbero regalare altrettanti successi, ma guai a distrarsi.

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App