BENE A META’ LE ALTRE DUE ITALIANE IN CHAMPIONS LEAGUE

VINCE LA JUVE, MA PERDE LA ROMA

VINCE_LA_JUVE__PERDE_LA_ROMA__CHAMPIONS_LEAGUE.jpg

Dopo il buon inizio in Champions di Inter e Napoli è andata bene a metà alle altre due squadre italiane. La Roma, infatti, ha perso al “Bernabeu” contro il Real Madrid per 3-0, mentre la Juventus ha superato in trasferta il Valencia per 2-0.

Il bilancio conclusivo di questo primo turno per le italiane, quindi, è di due vittorie (Inter e Juve), un pareggio (Napoli) ed una sconfitta (Roma).

REAL MADRID-ROMA

Una gara da Real regala agli spagnoli la prima vittoria di questa stagione in Champions. Nel primo tempo i padroni di casa creano diverse opportunità da gol con Bale, Isco e Ramos, ma passano in vantaggio solo nel finale di tempo con Isco (45’) direttamente su punizione. Nella ripresa arriva il raddoppio spagnolo con Bale (58’). Asensio ha la palla del 3-0, ma spreca clamorosamente. Il terzo gol, tuttavia, arriva con Mariano (93’) al termine di una bella azione personale. I giallorossi, al contrario, non hanno fatto nulla per poter impensierire gli avversari. Solo due tiri pericolosi (con Under e Dzeko) effettuati nello specchio della porta in tutta la gara è davvero troppo poco. Di Francesco dovrà lavorare parecchio per ritrovare quella Roma che aveva stupito lo scorso anno in campionato e in Champions. Ma il Real Madrid, quello ammirato contro la Roma, è di un altro pianeta.

Nell’altra gara del Gruppo G, finisce 2-2 tra Viktoria Plzen e CSKA Mosca.

VALENCIA-JUVENTUS:

Con una prova di carattere e di qualità la Juventus (in inferiorità numerica per più di un’ora) supera il Valencia per 2-0. Una partita costantemente controllata dalla squadra torinese che, però, sciupa alcune clamorose occasioni (soprattutto nel primo tempo) con Khedira, Bernardeschi e Matuidi.

cms_10293/2_ronaldo-juvenews.jpg

Ma neppure l’espulsione di Ronaldo (30’, la prima della sua carriera in Champions League) decretata un po’ troppo frettolosamente dall’addizionale ferma i bianconeri. Pjanic, infatti, trasforma due calci di rigori (45’ e 50’) e la Juve si ritrova sul 2-0. Il Valencia, dal canto suo, ha creato ben poco e raramente è arrivata alla conclusione. Una squadra che ha confermato i limiti difensivi già evidenziati nel campionato spagnolo a cui va aggiunta la scarsa produzione offensiva. Da segnalare, infatti, solo due tiri (uno per tempo) con Batshuayi (39’) e Parejo (95’) che ha sbagliato un calcio di rigore. Ma una Juve così, anche senza Ronaldo, è a metà dell’opera.

Nell’altra gara del Gruppo H, invece, il Manchester United annienta i Young Boys in trasferta per 3-0.

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App