Cop24 a Katowice (Polonia)

A proposito di cambiamento climatico

A_proposito_di_cambiamento_climatico.jpg

Il nostro pianeta ricco di risorse è bersagliato da molteplici problemi che compromettono, influenzando negativamente, il buon funzionamento degli ecosistemi, ma anche tutto ciò che ruota intorno agli esseri umani: il sistema economico, le infrastrutture, la sicurezza globale, la salute. L’aspetto che più sembra urgente da affrontare è il cambiamento climatico attraverso la comprensione e l’individuazione delle sue reali cause e conseguenze fisiche e dirette. Ci riferiamo al riscaldamento dell’atmosfera e degli oceani, allo scioglimento dei ghiacci, all’aumento del livello del mare. Indirettamente tutto ciò sembra avere una ricaduta negativa sulla nostra vita e dunque sul nostro sistema economico e sociale, tuttavia è come se sfuggisse alla nostra solida comprensione l’urgenza e la portata del problema. Ciò dipende essenzialmente da ragioni umane e, soprattutto, politiche.

cms_11071/1.jpg

Siamo bombardati da una conoscenza del problema piuttosto approssimativa, in quanto i dati che riceviamo sono troppo astratti e sono troppe le fonti che ci impediscono di avere una visione obiettiva e d’insieme del cambiamento climatico. La conoscenza diffusa sulla tematica è frammentata, incompleta e spesso inaccurata. Si diventa dunque insensibili di fronte alla reale consapevolezza di quali siano i suoi effetti sulla vita di tutti i giorni. Si sta svolgendo a Katowice, in Polonia, la Cop24, la conferenza sul clima volta a definire le regole di attuazione dell’Accordo di Parigi del 2015. Si sta cercando a livello globale - sono in trentamila, infatti, i delegati provenienti da tutto il mondo che partecipano alla Conferenza - di redigere un libro guida che stabilisca quei principi che possano frenare le cause che determinano il cambiamento climatico sperando di giungere al contenimento dell’aumento della temperatura media entro i 2 gradi sino a fine secolo.

cms_11071/2.jpg

Il ministro dell’Ambiente italiano Sergio Costa presente a Katowice, in Polonia, per la giornata inaugurale di Cop24 ha dichiarato che lo stato di salute del Pianeta impone a tutti noi il massimo sforzo per fare presto ad innalzare l’ambizione dell’Italia affinché possa trainare gli altri Paesi nel mettere in atto misure concrete. Secondo il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, i paesi del mondo non hanno considerato la pericolosità a cui si va incontro quando si parla di cambiamenti climatici. Si calcolano drammi umanitari nell’immediato futuro davvero allarmanti. "Abbiamo veramente un grosso problema per cambiare il mondo in meglio", ha sostenuto energicamente il segretario, chiamando tutti i membri della conferenza a condividere la responsabilità per realizzare gli Accordi di Parigi.

Ester Lucchese

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su