FUORI PORTA

Civica Castellana, "fiera nazionale delle sagre" - Santa Teresa di Galluria,"voci di maggio"

1_6_2019_Turismo_Fuori_porta.jpg

Fiera Nazionale delle Sagre, Civita Castellana

cms_13024/civica_castellana.jpg

Un grande tour enogastronomico tra le delizie del Lazio e non solo, da percorrere in due imperdibili fine settimana: saranno sei giorni di puro delirio culinario quelli in programma dal 31 maggio al 9 giugno a Civita Castellana, splendido centro della Tuscia viterbese che aprirà le sue porte per l’ottava edizione della “Fiera Nazionale delle Sagre e della Pasta”.

Dagli antipasti fino ai dolci, tantissime sagre sono pronte a deliziare i visitatori con le loro portate, tutte realizzate rigorosamente a mano secondo antiche ricette dei luoghi di provenienza. Dalla mattina alla sera, indossata “l’armatura di ordinanza” – un sacchetto di cotone, un bicchiere e un piatto di ceramica, perché Civita Castellana è nota in tutto il mondo anche per i suoi maestri del coccio – i visitatori potranno partire alla volta di un indimenticabile viaggio nel gusto a partire dalle specialità locali: i “frittelloni”, delle sfogliatine sottilissime condite con pecorino e pepe e le zuppe della Signora Ida; ci sarà poi spazio per la trippa e i fagioli de ‘zi Maria e per i prelibati gnocchi di patate proposti dalla Pro Loco di San Lorenzo Nuovo.

cms_13024/2.jpg

Sarà impossibile resistere a un simile richiamo di sapori, colori e profumi, che vedrà anche la partecipazione delle scuole alberghiere di Magliano Sabina e di Civita Castellana e dell’associazione Cuochi d’Italia. Sabato 1 giugno è in programma l’apericena in collaborazione con Rds, con i ristoranti del territorio che proporranno il loro primo piatto più gustoso; al contempo, sarà possibile visitare la Mostra nazionale della ceramica artistica, allestita fino al 31 giugno nel centro storico.

Per sei giorni, insomma, Civita Castellana tornerà ad essere “capitale”, anche se solo del gusto e del divertimento: pochi infatti sanno che questo è un paese dalle radici antichissime che risalgono addirittura alla civiltà falisca, di cui è stato per tanti anni il centro nevralgico.

cms_13024/3.jpg

Un passato glorioso che è possibile scoprire visitando il Museo nazionale dell’Agro Falisco, ospitato all’interno del Forte Sangallo che costituisce una delle più elevate realizzazioni dell’architettura militare dello Stato Pontificio nel XVI secolo. Gli amanti della natura non potranno che restare a bocca aperta davanti alle caratteristiche forre alte oltre 50 metri che circondano Civita Castellana, visitabili dal ponte che congiunge al centro storico della cittadina.

Info:Località – Civita Castellana (Viterbo)

info@fuoriporta.org - www.fuoriporta.org

Santa Teresa di Gallura, si colora con Voci di Maggio

cms_13024/santa_teresa_gallura.jpg

Tra folclore e gastronomia, a Santa Teresa di Gallura prende vita un suggestivo festival della canzone. Voci di Maggio, l’evento di musica, tradizione, moda e gastronomia più atteso della Sardegna, arriva l’8 e il 9 giugno nella splendida cittadina in provincia di Sassari. Grazie alla manifestazione nata 19 anni fa grazie all’intuito dell’Associazione Culturale “Istentales” - che ha riunito gli artisti più rappresentativi del panorama artistico isolano e nazionale e che è poi diventata itinerante - andrà in scena per due giorni una grande festa popolare che svelerà il lato più autentico dell’isola: migliaia di visitatori affolleranno Santa Teresa di Gallura seguendo un ricco programma che spazia dall’artigianato alla rievocazione di antichi mestieri, dalle sagre alla gara di tosatura, e che ruoterà intorno a due grandi appuntamenti musicali a ingresso gratuito, presentati da Giuliano Marongiu.

cms_13024/5.jpg

L’8 giugno a partire dalle ore 18 saliranno sul palco PFM, Istentales, Varco 0, Karma, Funky Orchestra Berchidda, Coro di Ittireddu, Su Concordu Iscanesu, Ammerare e Coro Amici del Folklore, accompagnati dalle suggestive Maschere Su Lolle e su Mascadore Padresu. Il giorno successivo, sempre dalle 18, sarà la volta dei Modena City Ramblers, Elio, Tenore di Neoneli, Istentales, Bertas, Santa Fe, tenore Santu Caralu, Federica Loretti e Laura Spano; le maschere saranno protagoniste anche il 9 giugno, una giornata che sarà aperta alle 16 dal contest fra i giovani cantanti.

cms_13024/4.jpg

Sin dalla sua prima edizione, l’evento punta a riscoprire le tradizioni agro-pastorali della Sardegna e a valorizzare le realtà produttive presenti sul territorio; e così ampio spazio sarà dato alla fiera dell’artigianato e dell’agroalimentare, ai mercati di Campagna Amica, alle sagre dedicate ai piatti tradizionali dell’isola e alle rievocazioni storiche di antichi mestieri. Sabato alle ore 15 è in programma la gara di tosatura, mentre alle 17 torneranno protagonisti i ragazzi diversamente abili con il torneo di calcetto.

Dopo Nuoro, Orosei, Olbia, Sassari, Cabras, S. Caterina di Pittinuri, le Terme di Fordongianus e La Maddalena, Santa Teresa di Gallura sarà insomma il teatro ideale dell’edizione 2019 di “Voci di Maggio”, che anche quest’anno richiamerà migliaia di spettatori in una irresistibile due giorni all’insegna dello spettacolo e delle tradizioni più autentiche della Sardegna.

Info:Località – Santa Teresa di Gallura - Olbia-Tempio

info@fuoriporta.org - www.fuoriporta.org

Nicola D’Agostino

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su