GIOVANNA GARBUIO: HO’OPONOPONO OCCIDENTALE

Un’anima colorata con mille sfaccettature

GIOVANNA_GARBUIO__HO_OPONOPONO_OCCIDENTALE.jpg

Secondo Kandinskij, il colore è il mezzo per influenzare l’anima. Ne è profondamente convinta anche Giovanna Garbuio, da sempre affascinata dalla realtà a colori dei cartoon, persuasa del fatto che nella vita tutto è possibile. Questa alchimia di colori, fantasia, studi e circostanze l’hanno portata a essere la numero uno in Italia di Ho’oponopono. Nata a Trieste, Giò per gli amici, conduce seminari in giro per l’Europa. Ha partecipato a diverse trasmissioni radiofoniche e televisive, ha scritto molti libri, vendendo 60.000 copie. Nel 2008 è stata la prima a importare Ho’oponopono in Italia, o come dice lei "ad inciampare su ho’oponopono".

Donna dall’intelligenza eclettica e con un’anima a colori che la rende camaleontica, è determinata a diffondere questo potente strumento per il proprio benessere e per quello dell’umanità, nella quale ripone fiducia incondizionata. Ci appropriamo di una sua citazione che afferma: “Se vuoi stare bene, se vuoi sperimentare nella tua vita serenità e soddisfazione e sei disposto a lavorare su di te e a metterti in discussione, con impegno e costanza, ma soprattutto con gioia ed entusiasmo... allora sei arrivato nel posto giusto!”.

cms_7867/OK_Intervista-T.jpg

Partiamo dalla responsabilità: siamo responsabili del nostro mondo, perché siamo noi a costruirlo. Un discorso alquanto impopolare, in quanto assumersi le proprie responsabilità è scomodo. Si potrebbe accettare la responsabilità di tutto quello che accade dentro di noi, ma è difficile per ciò che succede al di fuori di noi, ad esempio la macchina che non parte, il temporale a ciel sereno o le notizie del TG. Dove si colloca in questi casi la nostra responsabilità?

Tutto il discorso parte dal fondamento proprio di tutte le filosofie e dottrine efficaci della Terra: Tutto è Uno, l’Uno è Amore perciò tutto è Amore che evolve (si muove su questo piano di realtà) in direzione di se stesso. Se questo è vero, come è vero (le prove si trovano in ogni dove, basta osservare con mente aperta e cuore libero anche solo la propria esperienza di vita), è un concetto che porta inevitabilmente con sé la totale mia responsabilità di tutto ciò che fa parte della mia realtà: Tutto è Uno, se io "sono" ... non posso che essere l’Uno... perciò chi altro c’è di responsabile oltre a me? Questo, oltre ad essere il fondamento di tutte le dottrine che hanno un’efficacia per la realizzazione dell’essere umano, è uno dei tre pilastri dell’Ho’oponopono ed è un argomento che approfondisco bene nel libro "Ho’oponopono occidentale". Per affrontare serenamente questa consapevolezza, come è giusto che sia perché questo concetto non ha nulla di traumatico anche se a prima vista potrebbe sembrare il contrario, è indispensabile sapere che responsabilità non significa in nessun modo "colpa".

http://www.giovannagarbuio.com/responsabilita-non-significa-colpa/http://www.giovannagarbuio.com/responsabilita-e-amore/

Signora Garbuio, ci spieghi brevemente cos’è Ho’Oponopono.

Ho’oponopono è Amore… Anzi, per noi esseri incarnati calati nella dimensione della molteplicità, Ho’oponopono è la consapevolezza dell’Amore! Riconoscerci. Amore ci permette di comprendere che Tutto è Uno, che l’Uno è Amore perciò che Tutto è Amore che evolve in direzione di se stesso regolato dalla legge di causa ed effetto nella dimensione incarnata. Ho’oponopono dunque è la consapevolezza che tutto è perfetto (Amore regolato da un meccanismo basato sull’Amore) ed è allo stesso tempo l’applicazione materiale quotidiana di questa consapevolezza. Questo è Ho’oponopono o, se vogliamo, è ciò che fa Ho’oponopono! Un processo che ci permette di Ri-Conoscerci! Ho’oponopono è Amore che ci facilita il riconoscerci Amore!

Il Dottor Ihaleakala Hew Len è considerato uno dei maggiori esperti al mondo di Ho’Oponopono. Lei lo ha conosciuto?

Il Dr Hew Len è il maggiore esperto di Ho’oponopono dell’identità del sé (Self I-Dentity through Ho’oponopono - SITH®) che è solo una delle tantissime forme di ho’oponopono che, per altro, nella sua esportazione in occidente, non è riconosciuta dalla maggior parte dei Kahuna.

http://www.giovannagarbuio.com/le-forme-di-hooponopono/

Comunque no! Non l’ho conosciuto.

Lei ha occidentalizzato l’Ho’Oponopono. Cosa significa?

cms_7867/2p.jpgHo’oponopono è un processo antico in evoluzione, come tutte la pratiche dello sciamanesimo hawaiano che si basano sul principio “l’efficacia è la misura della verità”. Le forme di Ho’oponopono sono varie e continuano ad evolvere.

Ho’oponopono è giunto in occidente (in Italia) nei suoi principi di base, senza essere accompagnato da un’analisi approfondita della sua derivazione e della filosofia su cui si basa.

Lo stesso Serge Kahili King afferma nel suo libro “Rivoluziona la tua realtà” che "venire incontro alle curiosità dell’intelletto aiuti a rendere meno solide le barriere che l’intelletto stesso costruisce".

Ho’oponopono occidentale è ciò che ha studiato e compreso i fondamenti su cui Ho’oponopono si è sviluppato e le motivazioni che gli permettono di essere un processo così efficace e potente. La differenza sostanziale tra Ho’oponopono occidentale e Ho’oponopono hawaiano sta nell’aver compreso e codificato cos’è, da dove deriva, come e perché funziona, avvalendosi per ottenere queste competenze, di tutto ciò che si è rivelato utile in termini di conoscenze, di cultura, di sensazioni, di esperienze.

Ogni cultura contiene semi di verità e ciò che Ho’oponopono contiene di efficace per noi, in realtà è qualcosa che è presente, a volte più chiaramente, a volte più difficile da cogliere, in tutte le culture. La comparazione e l’utilizzo di ciò che è presente anche in altre culture, per comprendere o per rendere più efficace il processo per noi stessi, è ciò che ha fatto di Ho’oponopono, Ho’oponopono occidentale.

Ho’oponopono occidentale è senz’altro, in linea con le origini da cui deriva, un modo di essere che si basa sull’Amore: Amore inteso umanamente come la coscienza che si raggiunge con l’esperienza dell’unità. Gli Hawaiani lo indicano con una parola: Aloha. Siamo un tutt’uno in evoluzione e tutto ciò che fa parte di questo Tutto è utile ed efficace per la nostra crescita.

Aunty Mahealani Kuamo’o Henry ci dice in un’intervista condotta da Barbara Hau’oli Okalani che la spiritualità Hawaiana si basa sulla comprensione di essere un tutt’uno con tutte le cose. E noi sappiamo bene come quasi tutte le culture antiche si basino sui medesimi principi: Tutto è Uno, L’Uno è Amore quindi Tutto è Amore! Ho’oponopono occidentale ha fatto proprio questo fondamento in maniera esplicita diversamente dal modo sottinteso della maggior parte delle dottrine (Hawaiana compresa).

Questa è la comprensione di base comune. Siamo un tutt’uno con tutto, siamo connessi in un’unica entità con le piante, con i fiori, con gli animali, con la natura, con gli altri umani, siamo un tutt’uno con tutta la vita… tutta… non importa stabilire con cosa in particolare. Ma saperlo o non saperlo per noi occidentali, che deriviamo la nostra cultura da Aristotele, Platone, Seneca, Cartesio, Galileo Galilei, Giordano Bruno ecc… è ciò che fa la differenza spesso tra consapevolezza e inconsapevolezza.

Ecco perché è così importante conoscere come funzionano le cose, qual è il meccanismo che regola l’evoluzione. Più siamo consapevoli di questo funzionamento più facile ed efficace sarà il nostro cammino e il nostro Ho’oponopono.

Ho’oponopono è sostenuto da principi universali riscontrabili in tante altre culture, che ne testimoniano quantomeno la veridicità. Questi riscontri, queste ricerche sono Ho’oponopono occidentale. E Ho’oponopono occidentale ci rende capaci di individuare ciò che appare vero perché comune alle varie culture, verso la consapevolezza che tutto ciò che è, è Amore e in quanto esseri esistenti noi stessi siamo Amore, identificando quindi nell’Amore la nostra Reale Identità.

Il processo di ricerca di ho’oponopono occidentale è un processo di destrutturazione che ci permette di individuare i meccanismi con cui l’Universo evolve tra le nozioni delle varie saggezze, appunto, ma ritrovandone poi le prove e le testimonianze nella nostra esperienza diretta, nella nostra personale quotidianità, senza accettare le dottrine in quanto “dogmi” o verità di altri. Ed è la ricerca e la comprensione che ha fatto di ho’oponopono occidentale qualcosa di ancora diverso, ma ancora uguale e anche sempre più ampio e incredibilmente sempre più semplice, alla portata davvero di tutti, per lo meno di tutti gli occidentali.

Questa è la differenza, l’unica differenza tra Ho’oponopono occidentale e le varie forme di ho’oponopono hawaiano che abbiamo visto: Ho’oponopono occidentale ha reso espliciti, chiari, codificati i principi e i fondamenti per i quali ho’oponopono è una pratica e una filosofia così efficace.

Tratto da:

http://www.giovannagarbuio.com/le-forme-di-hooponopono/

cms_7867/3.jpg

Il desiderio di tutti gli esseri umani è vivere una vita di pace, gioia e abbondanza. Con l’Ho’Oponopono questo è possibile, ma tutti ci riescono?

No, non tutti ci riescono! Il più grande impedimento di Ho’oponopono è la sua semplicità di applicazione... per gran parte di noi occidentali se qualcosa è semplice, facile e immediato, non può essere efficace, non può essere vero. Siamo abituati e assuefatti all’idea che per stare bene bisogna sottoporsi a grandi sacrifici, che ogni ricompensa richieda un precedente duro lavoro... del resto è risaputo che viviamo in una "valle di lacrime dolenti e piangenti" (parafrasando il "Salve o Regina"). Perciò no... Ho’oponopono è alla portata di tutti, ma non è per tutti. La sua semplicità e immediatezza, a queste latitudini, si rivelano essere anche i suoi più difficili ostacoli.

La sua frase: “Non è necessario che tu cambi niente di te stesso, non devi diventare qualcuno diverso da quello che sei e, soprattutto, non è necessario che tu impari nulla di più di quello che sai già”. Questo ci rincuora... nell’epoca in cui la new age parla di cambiamenti radicali, di trasformazioni

Penso che non sia necessario che tu cambi niente di te stesso, non devi diventare qualcuno diverso da quello che sei e, soprattutto non è necessario che tu impari nulla di più di quello che sai già.

Ha scritto moltissimi libri, mi ha incuriosito "Il viaggio di Maui", un libro studiato per i bambini, che contiene immagini d’effetto e un linguaggio semplice e immediato per spiegare la cultura hawaiana, un argomento tutt’altro che leggero. Quindi, Ho’Oponopono a 360 gradi per tutte le età?

cms_7867/4p.jpgCerto! ...Ma ai bambini non bisogna trasmetterlo... loro lo conoscono già, come possono testimoniare tanti genitori che hanno letto "Il viaggio di Maui" a bambini in età prescolare... Il libro serve ai bambini per ricordare ai loro genitori come funzionano le cose!

“Mi dispiace, ti amo, perdonami, grazie” è il mantra di Ho’Oponopono. Come si fa ad amare il proprio nemico?

Sapendo che il proprio nemico è un riflesso di noi stessi... e lo abbiamo manifestato noi con l’obiettivo di mostrarci qualcosa che ci riguarda, qualcosa di noi (per analogia o contrappasso) a cui non siamo ancora riusciti a dare sufficiente attenzione, tanto da aver avuto bisogno di attirare un angelo con le sembianze di un nemico (di solito perché a tutti gli angeli amici che sono venuti prima a mostrarci la stessa cosa non abbiamo badato) per vedere quella nostra caratteristica e deciderci a lavorarci.

cms_7867/5.jpg

Sul rapporto madre-figli, uno dei più studiati, il più esaltato e insieme demonizzato, si è scritto tantissimo. Lei è mamma e ha scritto un libro "Mamma in divenire: il senso non comune del buon senso", nel quale dà delle dritte per migliorare il rapporto con i teenager. Vuole darci qualche suggerimento?

Impariamo a trattare i nostri figli come persone e non come nostri prolungamenti... e non temiamo mai di mostrare loro quanto li Amiamo... Il segreto è sempre tutto qui: Amiamo esplicitamente e incondizionatamente!

Tutti i maestri illuminati predicano la vita eterna, ma la vita non è eterna se esiste la morte. Cosa insegna la cultura hawaiana rispetto alla vita eterna e alla morte?

Infatti la morte (come antitesi alla vita) non esiste! La cultura hawaiana sa che l’unico momento reale è Ora (“Il momento del potere è Adesso”, recita uno dei principi Huna)... non esiste passato, non esiste futuro. Questo è il senso dell’eternità... provare per credere... concentrandoci sul presente, momento per momento, non esistono più timori! La morte quindi non è qualcosa di reale, è un cambiamento di livello di coscienza. Se tutto è Uno non può esserci qualcosa che non è (morte intesa come annientamento dell’essere) o che prima è e poi non è...

"Ridere fa buon sangue e fa venire meno rughe del broncio" Quindi secondo lei il sorriso è il più potente antirughe naturale?

Yes!! Aloha Kakou!

Mi dispiace, perdonami, ti amo, grazie a Giovanna Garbuio.

Tina Camardelli

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su