GLI ATLETI CHE CI HANNO EMOZIONATO NEL 2019

RASSEGNA DI ALCUNI TRA GLI AVVENIMENTI SPORTIVI DI SUCCESSO

GLI_ATLETI_CHE_CI_HANNO_EMOZIONATO_NEL_2019.jpg

Con il 2020 ormai alle porte, celebriamo l’anno appena trascorso ripercorrendo alcuni dei successi più significativi ed emozionanti dello sport italiano nel mondo.

cms_15492/2_superg_paris_dominik_adnkronos.jpg

Iniziamo dallo sci dove Dominik Paris si impone vincendo i Mondiali di Are (Svezia) - nel SuperG - e la Coppa del Mondo (Bormio) nella discesa libera. Sempre nello sci alpino, in Coppa del Mondo a Crans Montana (Svizzera), la milanese Federica Brignone si aggiudica la combinata (discesa libera e slalom), mentre Alex Vinatzer si piazza al primo posto nei Mondiali Juniores in Val di Fassa.

cms_15492/3_Bertagnolli_fisip.jpg

Per quanto riguarda lo sci paralimpico, invece, spiccano i 5 ori conquistati da Giacomo Bertagnolli - guidato da Fabrizio Casal - nella categoria ipovedenti. Il primo vinto ai campionati mondiali di Kranjska Gora (Slovenia) nello Slalom, mentre gli altri tre ottenuti nella Discesa libera, Supergigante e Supercombinata a Sella Nevea in Friuli. A questi va aggiunto l’altro oro conquistato in Coppa del Mondo a Kuethai (Austria) nella discesa libera.

cms_15492/4pellegrini_adnkronos.jpg

Ma grande soddisfazione è giunta anche nel nuoto con gli ori conquistati ai Campionati mondiali di Gwangju (Corea del Sud) da Gregorio Paltrinieri negli 800m sl - che stabilisce anche il nuovo record europeo con 7’39’’27 - e dall’eterna Federica Pellegrini che conquista il settimo oro mondiale, il quintonei 200m sl. Strepitosa, infine, anche Simona Quadarella che, sempre ai mondiali di Gwangju, conquista un oro nei 1500m sl e altri 2, in vasca corta, agli Europei di Glasgow (Scozia) nei 400m e 800m sl. Agli Europei di Kiev (Ucraina), inoltre, Noemi Batki e Chiara Pellacani vincono l’oro nel sincro da 10m battendo le britanniche Banks e Martin.

Brilla l’azzurro anche nella pallanuoto dove il “Settebello” conquista, sempre in Corea del Sud, il quarto titolo iridato della storia battendo in finale una forte Spagna 10-5.

cms_15492/5__Barlaam_Finp.jpg

Ottimo anche il bottino «giallo» conquistato ai mondiali di Londra dai nove atleti - di seguito elencati - dello sci paralimpico:

Barlaam Simone (S9), 5 ori: 100m sl; 100m dorso; 100m delfino; 50m sl e staffetta 4x100m sl; Gilli Carlotta (S13 – SM13), 4 ori: 100m dorso; 100m sl; 200m misti e 50m sl; Raimondi Stefano (S10 – SB9 - SM10), 3 ori: 50m sl; 100m rana e staffetta 4x100m sl; Fantin Antonio (S6), 2 ori: 400m sl e staffetta 4x100m sl; Trimi Arjola (S4 – SM4), 2 ori: 50m e 100m sl; Bocciardo Francesco (S5-SB4), 2 ori: 100m e 200m sl; Morlacchi Federico (S9 – SM9), 2 ori: 100m delfino e staffetta 4x100m sl; Talamona Arianna (S5– SM5), 2 ori: 50m delfino e 200m misti e, infine, il quarantenne Morelli Efrem (S4-SB3) con oro e record nei 50m rana.

cms_15492/6_Dorothea_Wierer_adnkronos.jpg

Bene l’Italia anche ai Mondiali di Biathlon a Oestersund, in Svezia, dove Dominik Windisch conquista una medaglia d’oro nella 15 km partenza in linea grazie ad un finale che lo porterà a scalare ben tredici posizioni. Sempre nel Biathlon entra di diritto, nella storia di questa disciplina, Dorothea Wierer la prima donna a conquistare, oltre alla Coppa del mondo di inseguimento, una medaglia d’oro ai Mondiali nella partenza in linea.

cms_15492/7_filippoganna_ciclismo_adnkronos.jpg

Nel ciclismo su pista, invece, Filippo Ganna, conquista due medaglie d’oro. La prima a Pruszkow, in Polonia, nella disciplina dell’inseguimento individuale, mentre la seconda a Minsk (Bielorussia) dove il neo campione del mondo stabilisce un nuovo record mondiale, sulla distanza di 4000m, in 4’02"647. Sempre nel ciclismo trionfa anche Elia Viviani diventato campione agli Europei di ciclismo di Alkmaar (Paesi Bassi) nella prova in linea.

cms_15492/8_BebeVio_adnkronos.jpg

Trionfo anche nella scherma paralimpica per Bebe Vio che conquista 5 ori di cui due a Sharja (Emirati Arabi Uniti) nel fioretto individuale e a squadre (con Andreea Mogos e Loredana Trigilia), uno - sempre in Coppa del mondo - a Pisa e gli altre due nei campionati mondiali di Cheongju, Corea del Sud. Consuelo Nora, invece, vince il “giallo” nella spada femminile individuale, categoria C, ai mondiali di Varsavia.

cms_15492/9_Foconi_Alessio__adnkronos.jpg

Ma l’Italia sorride anche nella scherma individuale grazie ai successi, agli Europei di Dusseldorf (Germania), di Alessio Foconi - che si ripeterà nella Coppa del mondo di Tokyo - e di Elisa Di Francisca, mentre la fiorettista AliceVolpi giunge prima nella Coppa del mondo tenutasi a Saint Maur, in Francia.

cms_15492/10_Tamberi_adnkronos.jpg

Successo anche nel salto in alto, dove Gianmarco Tamberi, con la misura di 2.32, torna alla ribalta agli Europei indoor di Glasgow e conquista una medaglia d’oro dopo il grave infortunio alla caviglia del 2016 che ne aveva condizionato il rendimento sportivo.

Azzurri in auge anche nelKarate. Agli Europei Giovanili di Aalborg (Danimarca), infatti, arrivano altre due medaglie d’oro con Nicole Murabito e Veronica Brunori rispettivamente nel-50kg e -55kg.

Così come nel Taekwondo dove l’Italia conquista tre ori con Vito Dell’Aquila - che ha trionfato agli Europei di Bari e al Grand Prix Final di Mosca – e con Simone Alessio che ha primeggiato ai Mondiali di Manchester.

cms_15492/11_alex_zanardi_adnkronos.jpg

Non smette mai di stupire Alex Zanardi che all’età di 53 anni conquista il titolo di “Ironman” – per gli atleti paralitici - stabilendo un nuovo record nel triathlon, uno sport multidisciplinare articolato sulle prove di nuoto (km 3,86), bicicletta (km 180,260) e corsa (km 42,195).

Un plauso, inoltre, va anche alla squadra di surfisti azzurri Claire Bevilacqua, Francesca Rubegni e Federico Nesti che, agli Europei di Santa Cruz in Portogallo, hanno conquistato tre ori più un titolo continentale a squadre.

Allo stesso modo, nella Coppa del Mondo di vela svoltasi a Marsiglia (Francia), Vittorio Bissaro e Maelle Frascari - con i Nacra 17 - e Mattia Camboni, nell’RS:X maschile,salgono sul gradino più alto del podio.

Trionfo anche nel tiro a volo con Diana Bacosi arrivata prima ai campionati mondiali di Lonato Del Garda - con il record mondiale di 58 piattelli colpiti - e con Riccardo Mazzetti che, agli Europei di Bologna, conquista la medaglia d’oro nella pistola automatica con 34 colpi a bersaglio.

cms_15492/12_fognini_fabio_adnkronos.jpg

Ottimi risultati e soprattutto grandi aspettative, infine, anche nel Tennis dove Fabio Fognini vince il torneo di Montecarlo ed entra nella storia - in quanto primo azzurro ad affermarsi in un Masters 1000 - mentre il giovane Matteo Berrettini si aggiudica i tornei di Budapest (terra battuta) e di Stoccarda (erba).

A conclusione di questa rassegna, tuttavia, un doveroso ringraziamento va, non solo a tutti gli atleti italiani che hanno conquistato un podio, ma anche a tutti quelli che, a prescindere dai loro risultati, hanno onorato con impegno e sacrificio i colori azzurri.

Da parte della redazione sportiva e del nostro giornale un augurio sincero per un “Sereno 2020”.

(Foto da adnkronos.com; finp.it; fisip.it; - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App