IL BARI SOFFRE MA VINCE (3-1) E ALLUNGA IN CLASSIFICA

CORNACCHINI: “UNA RISPOSTA IMPORTANTE, MA CI VUOLE SEMPRE QUESTA DETERMINAZIONE”

IL_BARI_SOFFRE_MA_VINCE_(3-1)_E_ALLUNGA_IN_CLASSIFICA.jpg

Il Bari si rialza prontamente battendo il Marsala 3-1. Una vittoria che mette a tacere, almeno momentaneamente, le polemiche maturate in settimana dopo la cocente sconfitta subita dalla Turris. Un successo sofferto ma meritato contro la quarta forza del campionato, una squadra che veniva da un buon momento di forma come dimostrano la gara disputata al San Nicola e la striscia degli ultimi sei risultati utili consecutivi (2 vittorie e 4 pareggi). Con questo risultato il Bari conquista la sua sedicesima vittoria (la nona in casa) e allunga il distacco sulla Turris (+12) che, tuttavia, ha una partita in meno.

LA PARTITA – Giovanni Cornacchini con il 4-2-3-1 manda in campo: Marfella; Aloisi (93’, Turi), Mattera, Di Cesare, Quagliata; Bolzoni, Hamlili; Piovanello (85’, Nannini), Brienza, Floriano (75’, Neglia) e Pozzebon (60’, Simeri).

Il tecnico del Marsala, Giannusa Vincenzo invece, con il 3-5-2 schiera: Giappone; Maraucci, Giardina, Galfano; Corsino (62’, Bonfiglio), Prezzabile (75’, Benivegna), Lo Nigro, Sekkoum (75’Tripoli), Napolitano (85’, Rallo); Candiano, Manfrè (57’, Balistrieri).

cms_11774/2.jpg

Parte subito bene il Bari che ha la prima grande occasione per passare in vantaggio, ma il colpo di testa di Floriano (5’), ben servito da Bolzoni, viene deviato in angolo dal portiere Giappone. Il Bari continua a fare la partita, ma soffre la maggior aggressività dei siciliani, i quali non disdegnano sortite offensive. In una di queste, Manfrè (24’) approfitta di un’altra disattenzione difensiva e tutto solo, al centro dell’area, buca la porta difesa da Marfella. Il tempo passa e il Bari fa fatica a costruire gioco. Così i biancorossi ci provano con lanci lunghi. Mattera lancia dalle retrovie Piovanello (34’) il quale supera due difensori e prova un pallonetto che però va alto sulla traversa. Sull’altro fronte il Marsala non si accontenta del minimo vantaggio e così ci prova con Corsino (42’), ma il suo destro dalla distanza è parato facilmente da Marfella. Nel finale, tuttavia, arriva il sofferto pareggio del Bari. Brienza serve dal limite Floriano (44’) il quale entra in area e lascia partire un preciso destro che si insacca nell’angolino basso della porta difesa da Giappone. È l’ultima azione del primo tempo. Ma anche l’inizio di ripresa è subito scoppiettante.

cms_11774/3.jpg

Dopo un errore di Marfella su tiro di Candiano (46’), che rischia di regalare il raddoppio al Marsala, arriva l’immediato vantaggio barese su calcio di rigore trasformato da Brienza (49’) e fischiato dall’arbitro per l’atterramento di Floriano.

Il Marsala non sembra subire il colpo ed è tutt’altro che domo. Corsino (54’) coglie un clamoroso palo dalla distanza con la sfera che ritorna in campo e attraversa tutta l’area di rigore, ma la difesa sventa la minaccia. La partita è avvincente e ci sono continui capovolgimenti di fronte. Bolzoni ruba palla a centrocampo e serve immediatamente Simeri (66’) il cui tiro, di prima intenzione, termina fuori. Ma sono gli ospiti, ben messi in campo, a fare la gara alla ricerca del pareggio creando, fino alla fine, grande apprensione alla difesa biancorossa. Tuttavia, Simeri (94’), ben servito da Hamlili, chiude il match con un preciso diagonale in corsa.

ANALISI E COMMENTI

Il Bari, dunque, riprende con forza il suo percorso. Convince più nel risultato che nel gioco perché soffre la pressione e la maggiore fisicità della squadra siciliana soprattutto nella ripresa. Ma i galletti hanno avuto il grande merito di saper superare il momento difficile e poi di soffrire lottando con grande agonismo su tutti i palloni. Sotto questo aspetto la squadra ha dimostrato di aver imparato la lezione subita nella partita precedente.

cms_11774/4.jpg

“Una risposta importante – ha dichiarato Cornacchini al termine della gara – e oggi hanno risposto tutti alla grande. La squadra ha avuto un buon impatto sin dall’inizio. Siamo stati molto bravi anche perché abbiamo messo in campo tanta qualità e personalità. È stato importante aver pareggiato prima della fine del primo tempo. Ma anche oggi gli episodi hanno fatto la differenza. Noi, però, dobbiamo giocare sempre di squadra con questa determinazione e star sereni. Ma dobbiamo essere anche più lucidi nelle ripartenze”.

In effetti si è visto un Bari decisamente più concentrato e determinato che ha giocato di squadra e, pur subendo la pressione degli avversari, nella ripresa, ha concesso poco (al netto degli errori gratuiti) in termini di pericoli seri. Infatti, ancora una volta, il Bari subisce un gol evitabile e commette qualche errore di troppo sia in difesa che in fase di appoggio. Probabilmente c’è poca serenità e troppa paura di sbagliare. Ma l’importante era vincere e così è stato. Si tratta di punti importanti che, tra l’altro, testimoniano la tenuta sia fisica che mentale della squadra capace di reagire positivamente nel periodo, probabilmente, più difficile e delicato della stagione biancorossa. Non devono ingannare, infatti, i 19 punti di differenza tra le due squadre o il rendimento meno importante in trasferta della squadra siciliana (con appena 11 punti in 11 gare) anche perché proprio il Marsala era stata la prima squadra a fermare sull’1-1 un Bari lanciatissimo anche in trasferta nel girone di andata. Oggi va sottolineata, fra l’altro, la prova di Mattera, di Floriano e di Bolzoni che ha recuperato un numero elevato di palloni e ha dato una grande mano anche in difesa. Per quanto riguarda il Marsala, invece, va detto che è una squadra organizzata e con buona qualità. Sfortunato nell’occasione del palo, il Marsala ha avuto il merito di giocare a viso aperto e di aver creato qualche preoccupazione ai biancorossi e tenuto in bilico il risultato fino al termine. Ma questa vittoria, unitamente alla sconfitta della Turris, valgono doppio e potrebbero scrivere la parola fine sulle speranze della diretta inseguitrice e su questo campionato.

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su