IL SUCCESSO PERSONALE RICHIEDE SACRIFICI INDICIBILI

IL_SUCCESSO_PERSONALE_RICHIEDE_SACRIFICI_INDICIBILI.jpg

Di solito le persone di successo mostrano il risultato finale del proprio lavoro e nessuno immagina quanto sia dura la strada che conduce all’obiettivo. Infatti sono pochi quelli che riescono a raggiungere livelli elevati nella vita anche perché, oltre alla fatica amara, c’è sempre un prezzo da pagare. Caro, carissimo si può dire, e di esempi se ne possono fare a iosa. Tuttavia qualcosa accomuna coloro che riescono con successo: l’innata capacità di resistere al dolore e alle sconfitte. Qualsiasi campione prima di essere un vincitore è passato attraverso l’inferno del fallimento. Probabilmente tante volte e, alla fine, anziché mollare preferisce perseverare ripetendosi continuamente nella testa che prima o poi ci arriva, che i sacrifici vanno a buon fine, che l’ostinazione vince in ogni caso. Si tratta di uomini straordinariamente forti poiché procedono sul loro cammino nonostante le disavventure quotidiane. Gli altri mollano, invece loro perseverano. Ci sono modelli brillanti in ogni campo, soggetti che sembrano disumani per il modo di pensare decisamente fuori dagli schemi e la costanza negli scopi personali.

cms_10753/2.jpg

Niente può fermare la passione smodata che li guida nel mondo, il furore con cui si battono per farcela quotidianamente. Rita Levi Montalcini, Bebe Vio, Margherita Hack, Maria Montessori, Samanta Cristoforetti, Frida Kahlo, Stephen Hawking, Mark Zuckerberg, Elon Musk, Ronnie Coleman... e molti altri. Tutti personaggi affermati in campi diversi e, tuttavia, dotati di una grande forza di volontà, di un cuore puro e di una resilienza magnetica. Persistono e insistono anche con le ossa rotte, vanno avanti sfiancati dai dubbi e dalla fatica, soprattutto incuranti degli ostacoli. Probabilmente vivono con una marcia in più, disciplinati nel raggiungimento dei loro fini e amanti delle sfide. La qualità che li accomuna è quell’umiltà incredibile con cui si approcciano al resto del mondo, nonostante le vette raggiunte e i riconoscimenti ottenuti.

cms_10753/3.jpg

Le persone affamate di ambizione non sono mai contente dei risultati e ambiscono a ottenere più del massimo. Pensano di dover imparare continuamente da chi s’è realizzato, di non doversi mai vantare di nulla perché l’ultimo gradino della scala è lontano. S’impegnano con sacrificio e dignità, costantemente. Non c’è mai una fine, ma un inizio seguito da una strada che non termina nemmeno con l’ultimo respiro. Qualcuno nomina la solita filastrocca di un giorno da leoni contro cento da pecora. Qui, conviene parlare di cento giorni da leone, finché batte il cuore in petto.

Alessia Gerletti

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su