Il mercato finanziario europeo è ancora americanizzato?

L’analisi di investing.com e di SEMrush

Il_mercato_finanziario_europeo_è_ancora_americanizzato.jpg

Dato che otto delle 10 maggiori aziende mondiali valutate dalla capitalizzazione di mercato sono americane, non sorprende che gli investitori di grandi nomi stiano privilegiando le azioni statunitensi rispetto alle loro controparti internazionali.

Questo suscita una domanda: il mercato finanziario europeo è ancora americanizzato?

Per ottenere un quadro completo, Investing.com, una piattaforma di mercati finanziari globali, ha unito le proprie forze con SEMrush, una piattaforma di SaaS per la gestione della visibilità e del content marketing online, per analizzare se gli investitori europei preferiscono le azioni americane rispetto ai loro equivalenti locali. Combinando i dati delle azioni più popolari in ogni paese con i dati di SEMrush sulla popolarità delle parole chiave, è stato possibile individuare le preferenze degli investitori europei, suddivise per paese.

I risultati rivelano che mentre gli investitori nei paesi più piccoli d’Europa in genere prediligono le azioni americane, quelli nei paesi più grandi con mercati finanziari locali più consolidati preferiscono investire a livello nazionale. L’analisi completa è la seguente:

Gli investitori che preferiscono le azioni locali: Russia, Germania, Spagna, Italia, Francia, Grecia, Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Polonia, Turchia.

Gli investitori che prediligono le azioni statunitensi: Regno Unito, Svizzera, Paesi Bassi, Austria, Portogallo, Belgio. Ma anche Ungheria, Macedonia, Ucraina, Romania, Bielorussia, Bulgaria, Islanda, Repubblica Ceca, Serbia, Irlanda, Lituania, Lettonia, Croazia, Estonia, Albania, Kosovo, Cipro, Malta, Monaco, Slovacchia, Liechtenstein, Moldova, Bosnia e Erzegovina, Montenegro, Slovenia.

cms_11904/2.jpg

"È logico che i trader di un paese come la Germania - una vera potenza europea - abbiano più interesse per le proprie “aziende locali” come Volkswagen, Bayer e Deutsche Bank", afferma Jesse Cohen, analista dei mercati USA presso Investing.com. "Lo stesso vale per Francia, Italia, Russia e Spagna, rispettivamente la terza, la quarta, la quinta e la sesta delle maggiori economie europee. Il rovescio della medaglia è che investire in titoli statunitensi scambiati a Wall Street è diventato molto più facile in termini di accessibilità grazie alle app di trading e ai broker online, uno sviluppo che potrebbe aver determinato un picco di interesse negli stock con sede negli Stati Uniti, nello specifico orientale Paesi europei, come Croazia, Serbia e Albania."

La sola eccezione è il Regno Unito, poiché gli investitori della seconda economia più grande d’Europa vanno in controtendenza preferendo i titoli americani rispetto a quelli locali.

"Ci sono due cose in gioco", afferma Clement Thibault, Senior Analyst di Investing.com. "Innanzitutto, culturalmente, il Regno Unito e gli Stati Uniti sono storicamente più simili di Stati Uniti ed Europa. Molti investitori europei potrebbero essere troppo orgogliosi per cercare rendimenti più attraenti dall’altra parte dello stagno. In secondo luogo, l’incertezza sulla Brexit è sicuramente un fattore importante in questa situazione: l’interesse degli investitori britannici nei confronti delle azioni statunitensi indica una mancanza di fiducia e uno stato di incertezza riguardo al futuro dell’economia del Regno Unito ".

cms_11904/3.jpg

Per ottenere ulteriori informazioni, Investing.com ha anche chiesto ai suoi esperti in tutta Europa di valutare e aiutare a spiegare le tendenze scoperte nei dati. Questo è quello che hanno da dire ...

Robert Zach, corrispondente tedesco di Investing.com:

"I tedeschi preferiscono investire in azioni locali perché sono cresciuti con i grandi marchi locali, come Commerzbank, Deutsche Bank, Daimler e Volkswagen. Ci sono una fiducia e una familiarità consolidate".

Sara Busquets, corrispondente spagnolo di Investing.com:

"Il mercato spagnolo ha dimostrato di essere sicuro e affidabile, quindi gli investitori preferiscono aziende che già conoscono, come Banco Santander o Telefonica. Qui abbiamo grandi nomi, quindi non sentiamo il bisogno di comprare all’estero ".

Svezia, Norvegia, Danimarca e Finlandia sono gli altri valori anomali nella nostra analisi: gli investitori di ognuno di questi paese favoriscono gli stock locali, nonostante non siano potenze europee. C’è qualcosa nell’aria in Scandinavia che favorisce l’interesse degli investitori locali per le aziende interne?

cms_11904/4.jpg

"Con un’uguaglianza relativamente alta dei redditi, programmi di welfare di ampia portata finanziati dalle tasse, potenti sistemi educativi e tassi di disoccupazione relativamente bassi, i benefici della vita in Scandinavia sono stati a lungo pubblicizzati", ha detto Thibault. "In effetti, secondo il World Happiness Report del 2018, quattro dei cinque paesi più felici del mondo si trovano in questa regione e, tutto sommato, non sorprende vedere gli investitori scandinavi scommettere sul territorio".

Quindi, per tornare alla domanda iniziale, il mercato finanziario europeo è ancora americanizzato? Sì, oltre il 70% dei paesi europei sceglie di investire nel mercato americano piuttosto che a livello locale. Tuttavia, le maggiori economie in Europa sono ancora felici di investire a livello nazionale e non sono ancora salite a bordo della nave dello zio Sam, almeno non ancora.

(Fonte:Ufficio stampa - Alessandro Maola - info@alessandromaola.it)

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su