L’ITALRUGBY RITROVA BRUNEL

L’ex allenatore degli Azzurri siederà sulla panchina dei bleus. Il 23 febbraio sfiderà l’Italia nel Sei Nazioni

ITALRUGBY_RITROVA_BRUNEL.jpg

L’Italrugby è di nuovo nel destino di Jaques Brunel. Gli Azzurri lo ritroveranno ancora una volta in panchina, ma questa volta come avversario. Nei prossimi giorni sarà ufficializzato il suo nuovo incarico di allenatore della nazionale transalpina. Prende il posto di un mediocre Guy Novès, durato solo due anni, tra critiche e pessime sconfitte, alla guida dei bleus. Brunel arrivò in Italia nel 2011 dopo il sudafricano Mallet.

cms_8043/Foto_1.jpg

Su 39 match, sono 11 le vittorie messe nella bacheca federale. Il miglior risultato di sempre da lui conseguito alla guida dell’Italia, è stato quello registrato durante l’edizione 2013 del Sei Nazioni: vittoria contro Francia e Irlanda. Un po’ meno memorabile, anche se ancora tristemente ricordata, è stata la fine dell’esperienza italiana. L’uomo baffuto andò via tra le polemiche dopo il brutto mondiale inglese del 2015 e per non essere più riuscito, dopo l’evento in terra di Albione, a gestire al meglio gli Azzurri sia in campo sia negli spogliatoi. Addirittura, in uno dei match del Sei Nazioni del 2016, Castrogiovanni venne messo fuori rosa; mentre, la pesante sconfitta all’Olimpico contro l’Inghilterra, che puzzò di ammutinamento nei suoi confronti da parte di alcuni giocatori chiave, dette il via alla chiusura in malo modo di un ciclo iniziato abbastanza bene. Dopo l’Italia tornò in Francia ad allenare gli avanti del Perpignan.

cms_8043/Fot_2.jpg

Da marzo scorso guida il Bordeaux, ma dal primo gennaio indosserà la divisa della nazionale francese. Riceverà da Novès un pesante testimone. E non sarà facile far uscire dal torpore una squadra che, negli ultimi match, è stata battuta due volte dalla Nuova Zelanda, e dal Sudafrica, non riuscendo a vincere neanche contro il Giappone. Per il tecnico di Courensan, non ci sarà molto tempo a disposizione per cambiare i connotati a un team nello stato confusionale. E il 23 febbraio dovrà vedersela contro la nazionale di Sergio Parisse, da un anno alla ricerca di un risultato che stupisca il suo ex allenatore e i tifosi italiani.

(Foto dalla pagina Facebook della FIR: si ringrazia)

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su