LA ROMA È FUORI DALLA CHAMPIONS!

Un tiro floscio di Dzeko e un inutile fallo da rigore, condanna i giallorossi all’eliminazione. Finisce 3-1 per il Porto

7_3_2019_ROMA_CHAMPIONS_LEAGUE.jpg

Doveva essere “la partita della vita” come aveva detto Di Francesco alla vigilia del match, ma non riesce alla Roma di passare il turno degli ottavi di UEFA Champions League. L’ironia della sorte è che prima di prendere la terza rete dal Porto a 5 minuti dal termine del secondo tempo supplementare, l’occasione del pareggio è passata per il piede “floscio” di Dzeko. Alla fine ce l’ha fatta la squadra che osato di più sin dai primi minuti di gioco mettendo molta pressione in ogni reparto di gioco giallorosso. Probabilmente l’infortunio di De Rossi all’inizio di ripresa ha pesato sull’assetto tattico della formazione giallorossa. Rimane il rammarico per il fallo inutile di Florenzi su Fernando che ha permesso ai Dragoni di andare sul definitivo 3-1 e al passaggio ai quarti di finale.

cms_12038/Fot_1.jpg

PRIMO TEMPO – A sorpresa Di Francesco schiera una inedita difesa a tre con Manolas, Juan Jesus e Marcano; a centrocampo Nzonzi e De Rossi (capitano) con Karsdorp e Kolarov sulle fasce; tridente offensivo formato da Zaniolo, Perotti e Dzeko. Conceicao, invece, opta per il 4-4-2 con Casillas tra i pali, Felipe e Pepe centrali, Telles a sinistra e Militao a destra; al centro coppia formata da Herrera e Danilo; Corona e Otavio sulle fasce; Soares e Marega in attacco. Entrambe le squadre arrivano con una sconfitta rimediata nell’ultimo turno di campionato. Fischio d’inizio del turcoCüneyt Çakir. Al 3’ pericoloso destro al volo di Corona che si alza leggermente sulla traversa. Difesa molto alta dei padroni di casa. Contropiede della Roma al 5’ con Perotti che non riesce a servire Dzeko chiuso molto bene da Felipe nell’area difesa da Casillas. Ancora la Roma al 7’ si affaccia davanti alla porta dei Dragoni, ma il passaggio di Kolarov per Zaniolo non è preciso. Al 9’ di nuovo Corona al tiro per fortuna il suo esterno ravvicinato sfiora il palo alla destra di Olsen. Ci prova di nuovo Corona dalla distanza al 20’, ma il suo destro si alza di poco sulla traversa. Vantaggio delPorto al 26’: Manolas perde palla nella trequarti, Marega con molta facilità si libera della marcatura e serve Soares che da un metro dalla linea dei pali appoggia in rete. Calcio di rigore per i giallorossi al 35’ dopo l’intervento falloso di Militao su Perotti: dal dischetto De Rossi spiazza Casillas e pareggia. Herrera al 44’ spara un destro dal limite, Olsen devia in angolo. Sul finire del secondo minuto di recupero, esce De Rossi per infortunio, al suo posto entra Pellegrini. Si va negli spogliatoi con il punteggio di 1-1. La Roma ha problemi con il possesso palla. Karsdorp molto in difficoltà con la marcatura del centrocampista messicano. Sulla rete del Porto, la Roma chiede il VAR per un presunto fuorigioco, ma il replay del video conferma il gol. Ammoniti Zaniolo, Militao e Danilo.

cms_12038/Fot_2.jpg

SECONDO TEMPO Inizia il Porto con il pallino del gioco in mano. Al 48’ Karsdop e Manolas si addormentano e Soares manca il raddoppio: schiaccia di testa da distanza ravvicinata, ma la sua palla si alza di poco sulla traversa. Al 52’ Marega va in gol, grazie di nuovo a un errore della difesa romanista che si perde la marcatura del centravanti maliano. Florenzi prende il posto di Karsdop, ammonito al 54’. Scintille tra Pepe e Dzeko al 57’, sanzionate da Cakir con un giallo per entrambi. Al 68’ entra Brahimi, esce Corona. Al 75’ Cristante prende il posto Marcano, sofferente per i crampi. Al 76’ il neo entrato Cristante perde la marcatura di Brahimi che calcia ma trova la ribattuta di piede di Olsen. Nel frattempo Fernando subentra a Soares. Anche nella seconda frazione di gioco la Roma ha molta difficoltà con il possesso di palla. All’81’ Perotti intercetta la palla nell’area avversaria e invece di servire Pellegrini in buona posizione, calcia fuori dallo specchio della porta. Ancora bravo Olsen, al minuto 83’, sul destro di Otavio. A 1 minuto dai 90 regolamentari, Pepe manda vistosamente giù Dzeko, ma l’arbitro non se la sente di dargli il secondo cartellino giallo. Dopo tre minuti di recupero, si va ai tempi supplementari. Così come nel primo tempo, anche nella ripresa è il Porto a fare la partita. Pressing molto alto dei padroni di casa al punto da mandare spesso la difesa giallorossa nel pallone. L’assenza di De Rossi, si fa molto sentire a centrocampo. Ammonito all’81’, Pellegrini.

cms_12038/Foto_3.jpg

TEMPI SUPPLEMENTARI – Al 3’ Marega subito pericoloso: si coordina bene e di poco il suo sinistro, a pochi passi da Olsen, non trova lo specchio della porta. Esce Otavio, entra Hernani. Stiramento per Pellegirni, al 5’, che cede il posto a Schick. Ci prova la Roma a ripartire con Cristante, ma il Porto è ben organizzato nella mediana difensiva. Ultimo cambio per i Dragoni: al 12’ esce Militao per Pereira. Squadre visibilmente stanche, si affidano alle soluzioni dei nuovi entrati. Al 20’ Dzeko nell’area piccola di libera della marcatura e spara alto un facile tiro. Dopo 1 minuto ancora Dzeko nell’aerea del Porto, riceve da Cristante e si mangia la rete del vantaggio calciando piano a porta vuota; il su pallonetto viene deviato da Pepe. Al 23’ Cakir valuta il VAR per una possibile trattenuta di Florenzi su Fernando: calcio di rigore per il Porto, Telles segna la rete del vantaggio. Il VAR non concede un fallo da rigore di Marega su Zaniolo. All’Estadio do Dragao finisce dopo tre minuti di recupero con il risultato di 3-1 per il Porto.

(Foto dal sito web della UEFA: si ringrazia)

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App