LA TELEMEDICINA E’ TRA NOI!

CURARSI DIVENTERA’ SEMPRE PIU’ FACILE GRAZIE ALLA TECNOLOGIA

LA_TELEMEDICINA.jpg

Oggi con una popolazione mondiale che vive sempre più a lungo e di conseguenza sempre più vecchia si sente la necessità di chiedere sempre più aiuto alla tecnologia e all’innovazione in campi della medicina come quello della genetica e della genomica, strumenti tecnologici indispensabili per migliorare il cambiamento del sistema medico sanitario, ma senza far perdere alla medicina il suo carattere di scienza umana. Alcuni sistemi innovativi come “l’Immage Grade Terapy permettono oggi al medico di poter osservare a distanza il proprio paziente valutandone le condizioni generali avendo la facoltà di decidere anche per un eventuale intervento chirurgico.

cms_12117/foto_1.jpg

Può apparire una prospettiva futuristica, ma invece è un’innovazione già presente tra noi, Jeroen Tas, chief Innovation e Strategy officier di Royal Philips ha dichiarato: “chi ha un tumore può sottoporsi a test di vario tipo che valutati nell’insieme possono “quantificare” il tumore stesso e valutarne l’aggressività così da selezionare la terapia più adeguata, ma per arrivare a questo punto è fondamentale che ci sia il confronto telematico tra i vari specialisti e che le informazioni sanitarie siano telematizzate e disponibili”. Parlando della malattia che ha colpito sua figlia ha dichiarato: “posso dire che sicuramente questa era scritta nei suoi geni, ma è stata probabilmente anche un’infiammazione che ha fatto scaturire il tutto. La tecnologia può aiutarci proprio in questo a comprendere a fondo certi rischi e ad affrontarli prima ancora che si verificano”. Lo scopo del miglioramento tecnologico in campo medico è proprio quello di riuscire a mettere il paziente al centro di tutto quando oggi questo non è possibile perché spesso ci si scontra con la burocrazia come, ad esempio, il centro prenotazioni che gestisce le date delle visite mediche è lento e sovraccarico di lavoro e non sempre riesce ad adempie in tempi congrui alle numerose richieste dei pazienti.

cms_12117/foto_2.jpg

Un grande miglioramento del sistema sanitario potrebbe esserci grazie dall’utilizzo di strumenti quotidiani come lo stesso smartphone che grazie ad una speciale applicazione come “l’oftalmoscopio digitale” può trasformarsi in una sorta di occhio digitale che indaghi all’interno del corpo umano. In pratica consentirebbe di elaborare un’immagine della retina oculare, di acquisire l’immagine per poi trasferirla ad un operatore tecnico specializzato in modo da consentirgli di poter formulare una corretta diagnosi anche a distanza annullando i tempi d’attesa. L’auspicio è solamente uno, che questa “medicina del fututro” non sia poi così lontana, dove tecnologia ed innovazione diventino una realtà quotidiana, basta solo capire come applicarle al meglio.

Anna Di Fonzo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su