Lo sport: volano di crescita umana e sociale

I Master Camp dedicati all’integrazione dei diversamente abili

Lo_sport__volano_di_crescita_umana_e_sociale.jpg

Usare lo sport per creare momenti di condivisione e inclusione: è l’idea dell’associazione Sportiva Dilettantistica Master Camp Salento, nata dall’intuizione di tre amici e allenatori di pallacanestro, con differenti età ed esperienze tecniche, Sandro Laudisa, Gianvito Guadalupi e Daniele Michelutti. Lo scopo è quello di fare sport insieme e insegnare a includere anche i diversamente abili, che possono raggiungere performance straordinarie, oltre a fare grandi progressi nella socialità. I tre allenatori hanno realizzato dei Camp estivi e degli eventi di sport capaci di far vivere momenti sportivi indimenticabili e di divertimento a tutti i ragazzi. Lo sport è maestro di vita e tempra il carattere, oltre a insegnare a collaborare e a stare con gli altri.

Master Camp Salento, per realizzare la sua mission di promozione culturale dello sport, ha dato vita all’organizzazione di Camp specialistici di basket e di Tornei giovanili di alto livello tecnico. Fondamentali i Camp per Disabili sia di calcio che di basket.

L’intento è quello di creare momenti di inclusione e di condivisione di sport e di vita tra ragazzi e persone diversamente abili, per una crescita reciproca sia a livello sportivo che a livello di socializzazione.

Anche per il 2019 il Master Camp Salento è stato un evento apprezzato da famiglie e sportivi. Circa 250 persone, tra ragazzi e genitori/familiari/accompagnatori dei partecipanti stessi, hanno affollato l’accogliente villaggio Jonio Club di Marina di Mancaversa.

cms_13670/2.jpg

La persona con disabilità è così definita in una società tecnocratica, fatta di gerarchie e di luoghi che definire umani è oggi veramente difficile. La disabilità mentale, invece, non è un problema di barriere architettoniche ma di barriere di natura sociale, barriere relative alla comunicazione, allo stare insieme e alla condivisione della propria esistenza. Per essere vicini ad una persona con disabilità mentale bisogna modificare il proprio approccio, imparare i suoi rumori, le sue modalità d’espressione che però non devono essere fonte di esclusione. Non aver paura della disabilità mentale è fondamentale.

I giovani che partecipano a questo evento passano moltissime ore sui campi, tra allenamenti volti al miglioramento tecnico individuale (mattina, pomeriggio e spesso anche la notte dopo cena, grazie ai campi illuminati) e gare per alzare la competitività e verificare i miglioramenti tecnici.

Sicuramente non son mancati momenti di divertimento extracampo (i ragazzi hanno vissuto la giornata al mare e persino al parco giochi acquatico dello Splash della vicina Gallipoli); ed è qui che nasce la sorpresa e la sensibilità di un giovanissimo ragazzo (Daniel Panico, che chiede il permesso al Coach Michelutti, ha preferito restare con i rgazzi diversamente abili, giocare e divertirsi con loro per sentire e vivere da vicino la loro gioia che diviene la sua e per questo viene premiato nella giornata odierna con la motivazione: sport integrazione e sensibilità. “Ci teniamo a sottolineare l’impronta tecnica che ha assunto ormai il Camp: chi partecipa ha la possibilità di migliorare il proprio bagaglio tecnico grazie alla presenza di allenatori qualificati ma anche per le ore passate sui campi - dai 2 ai 3 allenamenti al giorno suddivisi tra allenamenti tecnici tornei e gare di tiro”.

cms_13670/3.jpg

Per il 2020 il progetto prevede la partecipazione di diversi giovani provenienti tutta Europa. Sponsor importanti hanno dato già dato la propria disponibilità a contribuire affinché il campus sia non solo limitato a 15 giorni, ma un mese con possibilità di allargare i confini del Salento per dare possibilità di un grande progetto di sport e inclusività. Hanno già dato la propria adesione diversi sponsor importanti Istituzionali: Campus Città del Sapere Puglia, Università Unitelma Sapienza, Società di produzione, Cinematografiche british school, Scuola Eccellenza delle lingue, Università Unimeir Milano. Saranno coinvolte le scuole e le Amministrazioni Comunali. Tra i protagonisti di questo evento anche AKKA-Q, società di consulenza e progettazione bandi europei Thalia Srl (Ismaele Film), e l’Accademia di Soccorso con il suo leader, ingegner Mario Stigliano, che oltre ad aver aderito al progetto ha dato un contributo durante campus con lezioni di primo soccorso e disostruzione a tutti partecipanti, riscuotendo grande successo.

Leonardo Bianchi

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App