MAGGIO: MONTH DI CRUISE COLLECTION E PARTY

CHANEL PRADA PLEIN CANNES

MAGGIO__MONTH_DI_CRUISE_COLLECTION_E_PARTY.jpg

Maggio è il mese che da ufficialmente il via alle presentazioni delle Cruise collection, tante sono oggi le maison che organizzano dei veri e propri show per presentare a compratori e clienti, sempre in cerca di novità, le pre-collezioni di quello che indosseremo la prossima estate (2019).

cms_9237/foto_1.jpg

La prima maison a presentare la sua Cruise collection è stata Chanel che si attiene fedelmente al significato e all’intento per cui stata pensata da mademoiselle Coco. E’ stata lei la prima a presentare nel 1919 una collezione fatta di abiti più leggeri, svolazzanti e confortevoli, ideali per le ricche signore dell’epoca, da portarsi in vacanza, perfetti compagni di crociera, comodi in spiaggia, ma senza perdere il loro charme per essere indossati anche in un lussuoso resort. Karl Lagerfeld ha sposato in senso letterale la Cruise collection portando dentro il Graind Palais di Parigi la riproduzione fedele di un transatlantico, La Pausa, stesso nome che Coco Chanel aveva dato alla villa di Roquebrune-Cap-Martin, posto eletto a sua dimora dove prendersi una pausa dal rutilante mondo della moda e dall’amata Parigi.

cms_9237/foto_2.jpg

Questa Cruise collection è un tributo agli amori di mademoiselle Coco: il mare, la navigazione e lo stile mariniere, sulla passerella è stato un tripudio di rigati, dei colori tipici del mondo marinaresco come il bianco, il blu e il rosso. Le novità arrivano dalla scritta “La Pausa” accostata all’iconica doppia C su t-shirt e maglie e dal basco declinato nell’altrettanto iconico tessuto tweed. Tutti i capi della collezione sono ampi, come i pantaloni, e confortevoli come le giacche che diventano crop e le gonne che diventano cortissime da portare con collant color bianco gesso. Mi perdonerà Karl Lagerfeld, ma in questo caso mi sento di chiedervi di astenervi dall’imitare!

cms_9237/foto_3.jpg

La maison Prada vola nella grande mela per presentare la sua cruise collection, nel suo quartier generale situato tra la West e la 52esima dove mette in scena il suo caratteristico minimalismo trasformato in qualcosa di più creativo e fantasioso grazie all’influenza degli anni’90. La stessa Miuccia Prada ha definito questa collezione “una cosa non seria, ma una fantasia della realtà”, il minimalismo delle linee si scontra con i colori decisi, le stampe strillanti e gli accostamenti azzardati tipici degli anni ’90. Non ci sono mezze misure, le gonne si portano lunghissime o cortissime da indossare con maglie a collo alto o con le polo dal sapore sporty, i long dress si indossano sopra le t-shirt e i tessuti d’elezione sono lo chiffon e il suede. L’accessorio più chiacchierato nel front row (dove spiccavano tra gli altri Uma Turman e Gary Oldman) è stato il colbacco in tessuto tecnico, non propriamente la prima cosa che ti viene in mente pensando alla bella stagione!

cms_9237/foto_4.jpg

La presentazione della Cruise collection estate 2019 di Philippe Plein che si è tenuta nella sua villa “La jungle du Roi” sulle colline di Cannes è l’anello di congiunzione tra le cruise e i party più fashion che, ça va sans dire, si tengono a Cannes in concomitanza con il Festival del Cinema. La sfarzosa villa del designer tedesco è la location perfetta per una collezione ispirata al glamour opulento degli anni’80 e alla mitica serie TV Dinasty che ha dato il nome alla collezione: “Dinasty Women’s & Men’s”.

cms_9237/foto_5.jpg

Nel giardino esotico della villa sfilano modelle e modelli che sfrontatamente sfoggiano bellezza e ricchezza con outfit di forte impatto: capispalla dalle spalle strutturate, pantaloni attillati, spacchi audaci e gonne cortissime. I tessuti privilegiati sono la pelle, il metallo e tanta stampa animalier e tropical anche da indossare contemporaneamente nello stesso outfit. E’ certamente una collezione per spiriti forti, che non amano passare inosservati anche a discapito del buon gusto, io personalmente non ho mai amato il lavoro del designer tedesco e anche per questa Cruise collection il mio giudizio non cambia, tutto too much. Prestare attenzione all’outfit con stampa animalier dove potete ben vedere la “gonna strascico” di cui vi ho parlato nell’articolo scorso (Meet Gala 2018) e che sarà un trend fortissimo dal prossimo inverno e che ritroveremo anche per l’estate 2019.

cms_9237/foto_6.jpg

Ormai è un appuntamento fisso l’evento charity “Fashion For Relief” organizzato dalla top model Naomi Campbell che dal lontano 2005 ha sposato diverse cause per eventi di beneficenza, quest’anno è la razza il tema: “Race To Equality” analizzato da diversi fronti: cultura, salute ed educazione” grazie anche alla collaborazione di organizzazioni come Save the Children e Time’s Up. Il party tra red carpet e cena di gala ha avuto il suo focus nella sfilata con asta benefica dove hanno sfilato le top di ieri e di oggi tra cui Kendall Jenner e Bella Hadid.

cms_9237/foto_7.jpg

L’attrice Penelope Cruz è sbarcata alla 71esima edizione del Festival di Cannes non solo per promuovere il film (Everybody Knows di Asghar Farhadi) che l’ha vista protagonista insieme al marito l’attore Javier Bardem, ma anche per presentare la sua limited edition di gioielli disegnati in collaborazione con Atelier Swarovski. Ancora non è dato sapere quando la linea di gioielli disegnati dall’attrice saranno acquistabili negli store, ma possiamo consolarci con la visione di quelli che la Cruz ha sfoggiato sia sul red carpet per l’inaugurazione del Festival, orecchini pendenti color rubino e abito Chanel, che quelli blù zaffiro che ha indossato per il party di presentazione della collezione con un mini dress Dior.

cms_9237/foto_8.jpg

L’evento più atteso e ambito, anche se bisogna sborsare centomila dollari per aggiudicarsi un tavolo, in parallelo al Festival di Cannes è di certo il party dell’amfAR Gala che si è tenuto all’Hotel du Cap-Eden-Roc di Antibes. Il party organizzato per la raccolta fondi a sostegno della lotta contro l’AIDS ha raggiunto il suo 25esimo anno di vita nominando venticinque donne come Honorary Chairs. Ospite d’onore è stato l’attore Pierce Brosnan (che ha sostituito Leonardo Di Caprio) accompagnato dalla moglie mentre per gli invitati ai ben due after party hanno potuto assistere alle performance dei cantanti del calibro di Sting, Grace Jones e Shaggy. L’amfAR ha organizzato un fashion show intitolato: “And Woman Created All” dove quaranta modelle hanno sfilato con capi creati dai designer più famosi (tra cui Giorgio Armani, Max Mara, Alberta Ferretti) che al termine della sfilata sono stati messi all’asta, raccolta fondi che l’anno scorso ha raggiunto la cifra di ventuno milioni di dollari. Quest’anno però non c’è stata, come lo scorso anno, una fashion victim che ha acquistato in blocco tutti i capi.

cms_9237/foto_9.jpg

Il red carpet dell’amfAR ha decretato il trionfo del rosso, molti infatti sono stati gli outfit declinati in questa nuance, i più glam sono stati senza dubbio quelli delle modelle Elsa Hosk (la prima da sinistra in Ermanno Scervino), Petra Nemcova (l’ultima in Celia Kritharioti) e Karolina Kurkova (al centro in Miu Miu).

cms_9237/foto_10.jpg

Ma lo scettro dell’outfit più scenografico va alla modella Hofit Golan con uno spettacolare abito da vera principessa del designer Michael Cinco.

T. Velvet

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su