Mattarella:"Europa intervenga prima che sia troppo tardi"(Altre News)

Salvini: "Mattarella richiama a suoi doveri Europa inesistente" - Meloni: "Accoltellati alle spalle mentre lottavamo" - Prodi: "Che Europa è se non c’è solidarietà adesso?" - Sondaggio: Lega sale al 30,1% e Pd scende

POLITICA_28_3_20.jpg

Mattarella:"Europa intervenga prima che sia troppo tardi"

Coronavirus, Salvini: "Mattarella richiama a suoi doveri Europa inesistente"

cms_16771/MatteoSalvini_repertorio_ipa_fg.jpg

"Mentre anche il Presidente Mattarella ha giustamente richiamato ai suoi doveri un’Europa che non esiste". Così il leader della Lega Matteo Salvini, a stretto giro dalle parole del Capo di Stato alla Nazione. "La Lega implora, supplica il governo di risolvere SUBITO l’emergenza sanitaria segnalata da troppi giorni da medici, farmacisti, sindaci e cittadini: mancano mascherine, saturimetri, camici, guanti, tute, ossigeno e bombole".

"Gli Italiani muoiono, non c’è più tempo! Per evitare una crisi economica e sociale speriamo ascoltino i nostri consigli per erogare SUBITO i soldi della cassa integrazione a milioni di cittadini chiusi in casa, per evitare che fame e rabbia portino allo scontro sociale".

Coronavirus, Meloni: "Accoltellati alle spalle mentre lottavamo"

cms_16771/meloni_giorgia_fg.jpg

Alcuni Paesi dell’Europa non solo hanno mostrato "inconsistenza e cattiveria" verso l’Italia alle prese con il coronavirus, ma "ci hanno addirittura accoltellato alle spalle mentre lottavamo". Così Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, durante una diretta Facebook. "C’è stato un tempo in cui siamo stati ignorati, in una fase derisi ed ignorati" sottolinea.

Quanto alla Germania, "deve decidere se vuole rinunciare a qualcuno dei suoi privilegi o se preferisce la dissoluzione dell’Europa". E poi l’Olanda, "una di quelle simpatiche nazioni che ci vengono a fare la morale ma intanto a casa loro hanno attivato un paradiso fiscale. Drenano risorse dagli Stati membri" dell’Unione europea "poi vengono da noi e fanno i falchi dell’austerità, quelli del dobbiamo rispettare le regole".

"Noi ci riprendiamo i 15 miliardi che abbiamo messo nel Fondo Salva Stati e ci spendiamo quelli - scandisce Giorgia Meloni - Noi non abbiamo qualcuno in Europa che ci sta facendo l’elemosina, tutto quello che in Europa c’è noi abbiamo contribuito a crearlo, in tutto quello che l’Europa ha ci sono soldi nostri, sacrifici nostri, volontà nostra, disponibilità nostra. Noi abbiamo fatto per l’Europa molto più di quanto l’Europa fino ad oggi abbia fatto per noi. Il Fondo Salva Stati esiste perché c’è qualcuno che ci ha messo dei soldi, rivogliamo quei soldi". "Noi pretendiamo - afferma ancora - che questa Europa che abbiamo contribuito a creare, che abbiamo foraggiato e che in cambio ci ha dato ben poco ci restituisca quello che è nostro. Ci serve di poter avere quello che ci appartiene".

Meloni parla poi degli eurobond. "Avrei voluto che sul tema degli eurobond si fosse più chiari, più precisi - dice - Poi vedo che tutti stanno sventolando bandiere con il volto di Mario Draghi, io sono una persona abituata a farsi delle domande e sarei prudente. Una persona della levatura di Mario Draghi non decide di fare dichiarazioni di quel tipo a caso. Prima di sventolare le bandiere sono abituata a cercare di avere chiaro il contesto nel quale mi trovo".

Coronavirus, Prodi: "Che Europa è se non c’è solidarietà adesso?"

cms_16771/romano_prodi_ftg.jpg

"O ci mettiamo insieme quando arriva una infezione, un morbo. Ma se non c’è solidarietà adesso che Europa è?". Lo ha detto Romano Prodi al ’Mix delle 5’ su Radiouno Rai.

L’ultima riunione del Consiglio Ue, con i Paesi membri divisi sulle misure da prendere per l’emergenza coronavirus, è stata "terribile". "Io ho sempre avuto di fronte il ministro dell’Economia olandese come incubo: il gioco è questo, l’Olanda attacca e la Germania si vede costretta a seguirla. E’ stata la stessa cosa ieri", ha continuato Prodi, ex presidente della Commissione Ue, con un riferimento all’allargamento dell’Unione Europea a 27. "Tutti il problemi vengono dai soci fondatori. Ieri non abbiamo avuto contro la Polonia, l’Ungheria o la Slovenia. Non è quello il problema. Le mie grane, i problemi, erano sempre dalla Gran Bretagna".

Tra 15 giorni, quando i vertici Ue si sono aggiornati per una decisione sul coronavirus, secondo Prodi "ci sarà un compromesso, una rottura completa no. Ci sarà compromesso in cui sul Mes toglieranno qualche condizionalità. Ma è sempre un vivacchiare".

E sull’Italia: "Non vedo adesso il Paese pronto per un governo di unità nazionale". Il governo italiano con le misure anti coronavirus, secondo l’ex premier, "poteva fare un po’ più in fretta. Ma prima di paralizzare un Paese, di dare uno svantaggio a tanta gente, bisogna proprio pensarci". Prodi ha parlato anche della questione del Parlamento messo ai margini nella prima fase delle scelte del governo: "Un vulnus non nato ieri, con il coronavirus. E’ un bel po’ che il Parlamento ha una funzione non dico marginale, ma con un minor dialogo con il governo. Il Parlamento non deve solo approvare ma essere propositivo e di recente lo è stato sempre meno".

Sondaggio: Lega sale al 30,1% e Pd scende

cms_16771/sondaggi-politici-elettorali-emg-acqua.jpg

La Lega torna al di sopra del 30%, il Pd scende. E’ il quadro delineato dal sondaggio realizzato da EMG per Agorà. La Lega sale al 30,1% con una crescita dello 0,4%. Il Partito Democratico perde lo 0,3% e passa dal 21,3 al 21%. Il Movimento 5 Stelle guadagna lo 0,2% e arriva al 14,9%. Stesso progresso per Fratelli d’Italia che si attesta al 12,7%. Forza Italia cede lo 0,3% e ora vale il 6% mentre Italia Viva perde lo 0,1% e scende al 5,3%.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App