Mosaikaos: in Puglia, un mosaico di 6000 tessere realizzato da 300 artisti

in_Puglia,_un_mosaico_di_6000_tessere_realizzato_da_300_artisti.jpg

A Troia, in provincia di Foggia, in una masseria trasformata in un Villaggio Quadrimensionale, è stato realizzato in tre anni con antiche tecniche musive un mosaico di 6000 tessere, in collaborazione con 300 artisti provenienti da tutta Italia.

Questa è la storia del Mosaikaos, un’opera d’arte che raffigura l’Albero della vita, racchiudendo in sé le storie di disagio delle persone che hanno abbracciato sin dall’inizio il progetto della Fondazione Nuova Specie di Mariano Loiacono, originario proprio di Troia.

cms_13286/2.jpg

Esso, attraverso corsi di formazione mirati, ha come scopo quello di aiutare persone che hanno diversi tipi di disagio: dalle dipendenze farmacologiche a quelle da alcol e droga, e ad altri disagi diagnosticati dalla psichiatria tradizionale. Ma a questo progetto, unico nel suo genere, hanno aderito nel corso degli anni anche persone che hanno scelto di intraprendere un percorso di crescita.

Il 28 giugno 2019, dalle ore 16.30, avrà luogo un percorso lungo la via Francigena del Sud, che andrà dai mosaici di San Giusto risalenti al V secolo, ritrovati da alcuni archeologi nella zona tra Lucera e Foggia, fino alla masseria del Mosaikaos realizzato da 300 artisti.

All’interno del Mosaikaos sono rappresentate le diverse fasi della vita con alcuni elementi simbolici, tra cui le pietre di mare, la conchiglia di San Giacomo (simbolo del cammino per Santiago de Compostela) e il Tau giallo, che invece rappresenta il percorso per San Francesco.

Giuseppe Flore, coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche AIGAEdella Puglia, ha voluto rimarcare come i percorsi in montagna e altre iniziative legate alla natura possano essere fondamentali come terapia per le persone, perché solo così esse possono creare un legame, un ponte con l’ambiente, per comprendere anche l’importanza e il rispetto per l’ecosistema in cui vivono.

cms_13286/3.jpg

La Fondazione Nuova Specie Onlus, nata nel 2011, si occupa di Disagio Diffuso. Nel 2013 ha acquistato un lotto di terra di 800 mq nella zona Pip del comune di Troia. All’interno di questi terreni c’era una vecchia masseria risalente alla fine del 800. I lavori degli ultimi anni, che hanno beneficiato delle donazioni di persone che sin dall’inizio hanno creduto in questo progetto, hanno portato alla realizzazione di un Villaggio Quadrimensionale, in cui c’è un connubio tra il nuovo e l’antico.

La vecchia stalla è stata ristrutturata per creare la “Sala della Teofondità”, il cuore dove si svolgono tutte le attività della Fondazione Nuova Specie.

All’interno del Villaggio ci sono anche altre opere di grande valore, come i Planetari realizzati dall’artista Rachele Amadori, che rappresentano un cielo stellato visto dai due emisferi della Terra.

Francesco Ambrosio

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App