Open Arms, Spagna offre porto più vicino

Open_Arms,_Spagna_offre_porto_più_vicino.jpeg

La Spagna si mobilita per la Open Arms. Dopo il rifiuto della nave di dirigersi verso Algeciras, il governo spagnolo ha offerto alla nave della ong di navigare verso "il porto spagnolo più vicino". Lo hanno riferito fonti del governo di Madrid, che sono ancora in attesa di risposta dalla Open Arms. Il porto più vicino sarebbe quello di Palma, a 560 miglia nautiche dall’isola siciliana. Algeciras dista 950 miglia.

cms_13891/2.jpg

Per Ong Proactiva Open Arms lo sbarco ad Algeciras era "non fattibile" . "Queste persone hanno bisogno di essere sbarcate immediatamente - ha detto un fonte della Ong ad Europa Press - stiamo in questo momento in una situazione di emergenza umanitaria e queste persone devono essere sbarcate". "Non abbiamo rifiutato l’offerta della Spagna - ha precisato Open Arms - ma fatto solo presente che dopo 17 giorni in mare con persone stremate e la situazione di emergenza a bordo non siamo in grado di affrontare 7 giorni di mare". Open Arms ha inviato "una richiesta urgente per poter entrare nel porto di Lampedusa e sbarcare le 107 persone a bordo da 17 giorni. Le loro condizioni psicofisiche sono critiche, la loro sicurezza è a rischio. Se accadrà il peggio, l’Europa e Salvini saranno responsabili" ha scritto la ong su Twitter.

cms_13891/3.jpg

"L’inconcepibile risposta delle autorità italiane, e in particolare del suo ministro dell’Interno Matteo Salvini di chiudere tutti i porti, e le difficoltà esposte dagli altri Paesi del Mediterraneo Centrale hanno spinto la Spagna ad assumere nuovamente la guida della risposta alla crisi umanitaria" si legge nella dichiarazione della presidenza del Consiglio spagnolo. "La Spagna agisce sempre di fronte le emergenze umanitarie" ha affermato poi in un tweet il leader socialista spagnolo, che ha ribadito la necessità di "stabilire una soluzione europea, ordinata e solidale, che affronti la sfida migratoria con i valori del progressismo e dell’umanità che sono della Ue". L’accordo raggiunto dalla Commissione europea prevede che i migranti a bordo della nave siano distribuiti tra sei Paesi membri: Germania, Francia, Romania, Portogallo, Lussemburgo e la stessa Spagna.

cms_13891/4.jpeg

Malaga è pronta ad accogliere i migranti a bordo della Open Arms che saranno affidati alla Spagna. A dirlo è il sindaco della città dell’Andalusia, Francisco de la Torre. "Offriamo Malaga come città che, insieme ad altre, potrà accogliere le persone che dovranno essere affidate alla Spagna", ha scritto su Twitter. La Francia, ha reso noto il ministero degli Interni di Parigi, è pronta ad accogliere 40 dei migranti che si trovano a bordo della nave. Mentre da fonti di palazzo Chigi si apprende che anche la Federazione delle chiese evangeliche ha dato la disponibilità a prestare assistenza ai migranti della Open Arms.

MADRID

cms_13891/5.jpg

Intanto, "il governo spagnolo valuta la possibilità di agire presso l’Unione europea o presso le istituzioni per i diritti umani e per il diritto marittimo internazionale contro la posizione mantenuta dal governo italiano riguardo allo sbarco" si legge in un comunicato diffuso dal ministero degli Esteri spagnolo. Fonti diplomatiche citate dal sito de El Pais sottolineano che è la prima volta che un Paese nega lo sbarco di migranti nonostante vi sia un accordo che nessuno degli sbarcati rimarrà nel proprio territorio. Le stesse fonti assicurano che la questione verrà affrontata alla prossima riunione dei ministri dell’Interno della Ue e non escludono che possa portare ad un’istanza presso il Tribunale dell’Aja, ipotizzando una violazione delle convenzioni del mare e del diritto internazionale.

TONINELLI

cms_13891/6.jpg

"Un Paese che consente ad una Ong di issare la propria bandiera su una nave, poi non si può girare dall’altra parte. Grazie dunque alla Spagna per aver offerto un porto alla Open Arms, anche se con troppi giorni di ritardo. La nostra Guardia Costiera è ora a disposizione, ed è pronta ad accompagnare l’Ong verso il porto spagnolo, con tutto il sostegno tecnico necessario, per far sbarcare lì tutti i migranti a bordo" ha scritto su Fb il ministro per i Trasporti Danilo Toninelli, auspicando che "il comandante della nave non si opponga. Sarebbe del tutto incomprensibile". "In generale, basta con questi tira e molla con Paesi Ue che puntualmente fanno finta di non vedere e non sentire e lasciano sola l’Italia a gestire il fenomeno migratorio che, invece, riguarda tutta l’Europa. È quanto mai necessario e impellente cambiare il Regolamento di Dublino", conclude Toninelli.

MIGRANTI IN MARE

cms_13891/7.jpg

Quella trascorsa è stata la 16esima notte a bordo, dopo lo sbarco dei 27 minori di sabato a Lampedusa. Alcuni migranti si sono gettati in acqua: sono stati in quattro ad indossare il giubbotto di salvataggio per cercare di raggiungere la terraferma a Lampedusa, prima di essere messi in salvo e riportati sulla nave. Nel frattempo scene di disperazione con donne che hanno gridato e uomini con crisi di panico.

VERTICE IN PROCURA

cms_13891/8.jpg

E’ terminato dopo quasi tre ore il vertice della Procura di Agrigento dove i magistrati, coordinati dal Procuratore capo Luigi Patronaggio, hanno fatto il punto della situazione sull’inchiesta sulla Open Arms, dopo la svolta dell’annuncio della disponibilità di un porto sicuro in Spagna. Massimo riserbo sull’incontro. Ma, come apprende l’Adnkronos, da fonti della Procura trapela che i pm stanno monitorando la situazione "con particolare attenzione alla incolumità delle persone" a bordo della nave. Nel pomeriggio era emerso che "l’offerta di un porto sicuro da parte delle autorità spagnole pone una battuta di arresto all’attività d’indagine in corso". Presenti anche il Procuratore aggiunto Salvatore Vella e la pm Cecilia Baravelli.

I MINORI

cms_13891/9.jpg

I giovanissimi sbarcati sabato sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola: uno dei minori ha deciso di non scendere per non lasciare il fratello maggiorenne, che non ha avuto l’ok per andare a terra. E, come apprende l’AdnKronos, verranno eseguiti ulteriori accertamenti medici sui 27 minori.

L’ISPEZIONE

cms_13891/10.jpg

Per quanto riguarda gli altri migranti a bordo, sono "molto stanchi e provati dalla lunga permanenza sulla barca", ma non sarebbero emerse "patologie particolari importanti, dal punto di vista medico". E’ quanto emerge, come apprende l’AdnKronos, dalla relazione stilata dalla Squadra Mobile di Agrigento che sabato ha ispezionato per oltre tre ore la nave. Gli uomini della Mobile agrigentina erano accompagnati dalla Guardia Costiera e da due medici della Sanità marittima. La relazione è adesso al vaglio della Procura di Agrigento che indaga per sequestro di persona e per violenza privata. Il procuratore aggiunto, Salvatore Vella, sotto il coordinamento del Procuratore Luigi Patronaggio, valuterà i passi da compiere.

SALVINI

cms_13891/11.jpg

"La Ong spagnola rifiuta il porto offerto dalla Spagna! Incredibile e inaccettabile, organizzano crociere turistiche e decidono loro dove sbarcare? Io non mollo, l’Italia non è più il campo profughi d’Europa" ha scritto su Facebook il ministro dell’Interno Matteo Salvini. E ancora: "Malati immaginari, minorenni immaginari, adesso emergenze sanitarie immaginarie... la ong Open Arms e i suoi complici stanno raggiungendo il massimo del ridicolo, gli italiani sono buoni ma non fessi".

(Fonte AdnKronos - Foto dal Web)

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su