POKER D’ASSI ALL’ “ATELIER NETTUNO”

Un parterre di professionalità in rosa

POKER_D_ASSI_ALL_ATELIER_NETTUNO.jpg

Alla vigilia dell’inaugurazione di “Proiezione donna”, l’Atelier Nettuno è lieto di presentare le sue quattro ospiti d’onore che presenzieranno l’incontro del prossimo 18 maggio. Un parterre rigorosamente “in rosa”, che saprà introdurre al meglio le sfumature della vita al femminile con la sensibilità di chi sa contribuire e fruire appieno dell’Arte in tutte le sue forme.

Manuela Fiorini de Rensis

cms_12839/fiorini.jpg

Storica dell’arte e Poetessa

Nata a Roma il 2 gennaio 1950, vive a Roma. E’ laureata in Lettere Moderne alla Sapienza con il massimo dei voti. Ha insegnato per qualche tempo storia dell’Arte ed ha arricchito il suo amore per l’arte seguendo vari corsi di pittura e di ceramica. Al suo attivo la realizzazione di oltre cinquanta dipinti, tra pitture a olio, acquarelli e collage.

In RAI, come programmista regista, ha partecipato a varie trasmissioni e rubriche radiofoniche e televisive come Terza Pagina, Harem e Chi l’ha visto?.

Ha collaborato alla revisione delle raccolte di poesie di Stefano Munafò, Non sono un poeta e Controvento. Ha partecipato con le sue poesie alle raccolte Nella Pancia del Tempo, Che la notte mi prenda, e La tenerezza del tempo.

Torna ora con una pubblicazione interamente sua Le mie poesie, una raccolta antologica di tutti i suoi versi.

Donatella Di Mario Bologna

cms_12839/donatella_mario.jpg

Appassionata d’arte

Sono una persona curiosa del bello e del nuovo e ho sempre coltivato i miei interessi per l’arte, in tutte le sue espressioni. Conoscere le opere di Maria Casalanguida mi ha subito comunicato un senso di istintiva e incontenibile creatività accompagnate da una grande padronanza della tecnica espressiva. Spero che le sue opere possano arrivare ad un pubblico sempre più vasto perché il talento non è soltanto una ricchezza del singolo ma un patrimonio di tutta l’umanità.

Enrica Vaccari

cms_12839/enrica_vaccari.jpg

Sono Enrica Vaccari, musicista e non solo…Amo Nettuno, perché è la Città dove sono nata e nella quale vivo. Amo la sua gente e il suo stile di vita sobrio e rigoroso. Qui ho mosso i miei primi passi dai banchi di scuola fino alla passione per la musica sbocciata proprio nella banda di Nettuno, che poi mi ha condotto verso gli studi al Conservatorio di S. Cecilia a Latina.

Sono una mamma e una Nettunese che da oltre 10 anni ha deciso di mettersi a disposizione del prossimo, dei propri concittadini, aiutandoli nelle loro battaglie e cercando di risolvere le questioni con la pazienza, con l’armonia ma soprattutto con la comprensione che contraddistingue ogni madre di famiglia.

Nella vita sono impiegata in un Ente Locale. Da giovane ho iniziato a lavorare nell’attività commerciale dei miei nonni, in seguito ho lavorato in fabbrica e poi ho vinto il concorso nell’Ente nel quale lavoro attualmente. Tutte queste esperienze mi hanno insegnato che solo attraverso il confronto aperto con le persone possiamo trovare l’unità e la forza di una collettività che oggi più che mai si presenta divisa.

Nella mia città, come del resto in tutte le altre, oggi più che mai è necessario dare un aiuto concreto alle famiglie e tornare a recuperare il senso della responsabilità.

Per questo mi rendo sempre disponibile all’ascolto di chiunque voglia parlarmi dei propri problemi, delle proprie aspettative, delle proprie aspirazioni, della propria arte, specialmente nel campo che più mi appartiene, la musica che davvero può salvare il destino di tanti giovani, ai quali oggi spesso non si presta la giusta attenzione.

Carla Guerci

cms_12839/Carla_Guerci.jpg

Sono nata ad Antrodoco, in provincia di Rieti, in piena zona sismica. La mia famiglia preferì quindi trasferirsi prima a Roma e poi in Sardegna. Vivo e lavoro a Nettuno da 10 anni. Sono fin da piccolissima appassionata di arti figurative e ceramiche, ma per volere della famiglia ho fatto studi classici, diploma di laurea in scienze infermieristiche - grazie al quale ho lavorato nell’assistenza ai malati terminali - e ho poi dovuto interrompere gli studi per il diploma di laurea in Scienze dell’Educazione e Formazione a causa di un brutto incidente, in cui ho rischiato di perdere l’uso delle gambe.

Questa esperienza ha cambiato la mia vita in meglio, dandomi modo di scegliere con maggiore sensibilità cosa volevo fare. Da lì è nato il mio impegno volto a creare possibilità di lavoro e integrazione sociale sia di disabili che di persone normodotate in difficoltà socio-economica, sfruttando le mie capacità artistiche e creative.

Per molti anni ho collaborato con il gruppo creativo di Filippo Martinez e Vittorio Sgarbi sia nella redazione del giornale Eleonora che nell’organizzazione dell’Università della Felicità, i cui docenti erano tra i maggiori artisti Italiani nel campo della musica, arti figurative, spettacolo, teatro.

Ho frequentato l’Istituto d’Arte per perfezionare le tecniche ceramiche. Di lì ho iniziato a organizzare fiere, eventi e mostre per gli artigiani e artisti creando un nutrito gruppo itinerante.

Anche qui a Nettuno e nella vicina Anzio, ho creato anni fa un gruppo di collaborazione artistica tra artisti e artigiani locali organizzando i “Laboratori di Strada” ottenendo un riscontro molto positivo. Ora credo sia arrivato il momento giusto per riprendere in pieno la mia attività artistica ed organizzare nuovi Eventi.

cms_12839/invito.jpg

Queste e tante altre personalità, straordinariamente eterogenee seppur accomunate dall’amore per l’Arte, animeranno l’inaugurazione di uno dei più significativi progetti dell’Atelier Nettuno, nel nome della cultura e della passione per il mondo femminile in tutte le sue affascinanti declinazioni…

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su