SCLEROSI MULTIPLA E TAI CHI

COMBATTERE LA MALATTIA CON LA GENTILEZZA

SCLEROSI_MULTIPLA_E_TAI_CHI.jpg

Un sano stile di vita, che comprenda lunghe camminate all’aria aperta e meditazione, produce indubbiamente effetti benefici alla salute. Risulta essere una buona strategia anche per chi è affetto da sclerosi multipla, malattia neurodegenerativa che produce lesioni a carico del sistema nervoso centrale, da cui sono colpiti uomini e donne di età compresa fra i 20 e i 40 anni.

Sanofi Genzyme, con il patrocinio di AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e della Scuola Italiana Nordic Walking, ripropone i Nordic Tales 2019 (sport che si realizza con lunghe camminate con i bastoncini coinvolgendo il 90% della muscolatura corporea) atto a creare momenti di aggregazione e condivisione. L’evento che si realizza in cinque tappe ha avuto lo start sabato 11 maggio a Roma; seguirà Milano, Genova, Ferrara, e in ultima Napoli con la sua conclusione prevista per l’8 giugno.

La novità di questa quinta edizione è l’inserimento della pratica del Tai Chi, uno stile particolare di arte marziale (interiore) cinese; nel Tai Chi prevale l’insegnamento spirituale, essendo una disciplina olistica che si espleta attraverso movimenti lenti e gentili, uniti a tecniche di meditazione. E sono proprio queste caratteristiche che lo rendono idoneo anche alle persone affette da sclerosi multipla.

cms_12805/2.jpg

Il Tai Chi è in grado di apportare benefici per la pressione sanguigna e la salute cardiovascolare, influendo sull’equilibrio, la flessibilità, la stabilità anche per le persone con sclerosi multipla” ha spiegato il prof. Luigi Lavorgna, dirigente medico della Clinica Neurologica dell’Università della Campania.

Queste parole sono confermate da uno studio recente pubblicato sull’International Journal of MS Care da cui risulta che, dopo aver seguito un programma di Tai Chi di sei settimane, il 75% dei pazienti è stato in grado di completare movimenti ed esercizi in piedi, piuttosto che stando seduti su una sedia.

cms_12805/3.jpg

Gli studi sulle cause della sclerosi multipla e le evidenze scientifiche indicano che la malattia è originata da una commistione di fattori ambientali e fattori genetici ma è piuttosto lontana dalla sua soluzione e cura; sebbene in questi ultimi anni la ricerca abbia fatto grandi passi nel chiarire il modo con cui la malattia agisce, permettendo così di poter giungere alla diagnosi e al trattamento precoce, che consentono ai soggetti affetti da sclerosi multipla di mantenere una buona qualità di vita per un periodo alquanto lungo.

Susy Tolomeo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su