SRI LANKA NELLA MORSA DEL TERRORISMO RELIGIOSO

Ancora esplosioni a Colombo: colpita la chiesa di Sant’Antonio

SRI_LANKA_NELLA_MORSA_DEL_TERRORISMO_RELIGIOSO.jpg

Lo Sri Lanka ancora nel mirino dei terroristi. Nuove deflagrazioni avrebbero interessato la chiesa di Sant’Antonio a Colombo. Secondo le testimonianze rilasciate da un giornalista del “Guardian” presente sul posto al momento dell’accaduto, si sarebbe trattato di un’esplosione relativamente piccola che avrebbe in tutti i casi scatenato il panico tra i presenti, in un centro naturalmente ancora scosso da i recenti attacchi kamikaze coordinati, che hanno riportato il pesantissimo bilancio di 290 morti e 500 feriti. L’esplosione avrebbe avuto luogo mentre gli agenti cercavano di neutralizzare un ordigno individuato in un veicolo, probabilmente utilizzato come diversivo per permettere l’attacco ad un punto nevralgico del centro cingalese. Altre aree della città di Colombo sarebbero state identificate come possibili obiettivi sensibili; un pacco sospetto è stato rinvenuto a Fort, distretto finanziario della capitale, e altri 87 detonatori nei pressi di una fermata dell’autobus.

cms_12578/Foto_1.jpg

Le indagini intanto procedono ininterrottamente, seguendo la pista del Thoweed Jamath Nazionale, gruppo islamista fortemente indiziato per gli attacchi suicidi dei sette attentatori che, secondo un rapporto dell’intelligence cingalese dell’11 aprile, avrebbe ricevuto una base di sostegno internazionale. Per la Bbc il gruppo già a dicembre sarebbe stato protagonista di un attacco iconoclasta ai danni di statue rappresentanti Buddha, ad opera di un gruppo di giovani studenti, seguaci di un predicatore il cui nome ritorna nel rapporto già citato. Al momento 24 soggetti sarebbero stati arrestati e interrogati dal Dipartimento di indagini criminali, come reso noto dal portavoce della polizia Ruwan Gunasekara. Diverse polemiche sono state sollevate intanto nel corso di una conferenza stampa successiva agli attacchi, da parte di un portavoce del governo Rajitha Senaratne, che avrebbe denunciato il mancato allarmismo per un’informativa fatta circolare da un alto ufficiale della polizia sui possibili attacchi, non fatto recapitare al premierRanil Wickremesinghe. Intanto si apprede del coinvolgimento nell’esplosione alla chiesa di Sant’Antonio dell’inviato di Repubblica, Raimondo Bultrini, ferito da una scheggia in modo non grave.

(foto da AdnKronos)

Federica Scippa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su