TERRORE IN BURKINA FASO

“Il Santo Padre… prega per le vittime, per i loro familiari e per tutta la comunità cristiana del Paese”

1557807286TERRORE_IN_BURKINA_FASO.jpg

Orrore nella parrocchia Beato Isidore Bakanja di Dablo, Burkina Faso. Fonti locali riferiscono che il sacerdote burkinabè Abbé Siméon Yampa, 34 anni, è stato vittima dei jihadisti. La sua “colpa”, per i fondamentalisti islamici, era quella di trattare le relazioni interreligiose nella sua diocesi. Inutile il tentativo di fuga del malcapitato: è stato rincorso e sparato a morte.

cms_12807/2.jpg

Come da macabra tradizione, i terroristi non si sono limitati a colpire la vittima designata: una volta completata la missione, infatti, sono rientrati in chiesa, hanno selezionato 5 tra i fedeli e li hanno uccisi. Poi, hanno appiccato il fuoco alla chiesa, ad alcuni negozi e ad un ambulatorio. I criminali dovrebbero essere almeno 20. L’attentato è durato circa un’ora, e ha scatenato il panico nella città, dove le attività routinarie sono state interrotte. Il direttore della sala stampa del Vaticano, in un tweet, ha espresso rammarico per l’agghiacciante vicenda: "Il Santo Padre ha appreso con dolore la notizia dell’attacco alla chiesa a Dablo, in Burkina Faso. Prega per le vittime, per i loro familiari e per tutta la comunità cristiana del Paese”.

Gli ha fatto eco il monsignor Theophile Nare, in un comunicato ripreso dall’Agenzia Fides, vescovo di Kaya: “Don Simeon Yampa era una persona umile, obbediente e pieno d’amore, amava i suoi parrocchiani, fino al sacrificio finale". Già il 29 aprile, a Silgadji, si era verificato un attentato jihadista durante le celebrazioni per la Via Crucis, con 5 morti tra cui il prete, due scomparsi e il successivo saccheggio del villaggio.

cms_12807/3.jpg

Purtroppo, il terrorismo islamico è ormai da tempo un problema endemico in Burkina Faso. Nel frattempo, si apprende dalle pagine web del Vatican News che i segretari generali delle conferenze nazionali e interterritoriali dell’Africa occidentale, membri del Recowa-Cerao, si incontrano da oggi fino al prossimo 20 maggio per la Terza Assemblea plenaria, proprio a Ouagadougou. Padre Donald Zagore, della Società per le Missioni Africane (Sma), dichiara all’Agenzia Fides che “l’intento dell’incontro dei Vescovi è di portare sostegno morale e spirituale ai cristiani in particolare e al popolo del Burkina Faso in generale…poiché in Africa si dice spesso che è nella miseria che si incontrano i veri amici”.

Giulio Negri

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su