UNA VIA SENZA USCITA?

Le presunte soluzioni alla grave piaga della pedofilia nella Chiesa

Le_presunte_soluzioni_alla_grave_piaga_della_pedofilia_nella_Chiesa.jpg

Nei giorni scorsi, nell’aula Paolo VI, si è svolto, il primo grande vertice di lotta alla pedofilia nella Chiesa. Presenti a tale incontro con Papa Francesco oltre 190 tra presidenti delle Conferenze Episcopali del mondo, capi delle chiese orientali, membri della curia romana e del consiglio dei cardinali.

cms_12142/2.jpg

Tutto il vertice è stato segnato da un sentimento di grande sgomento, come afferma lo stesso Francesco nell’ascoltare le testimonianze degli ex ragazzi abusati da sacerdoti. Il papa, con parole concilianti, chiede aiuto a tutto il mondo cristiano affinché la piaga degli abusi sessuali perpetrati da uomini di Chiesa nei confronti dei piccoli figli di Dio possa arrestarsi. Lo stesso vescovo di Roma calca la mano introducendo nel suo intervento "possibili soluzioni" che sovvertono l’impunibilità del clero.

Infatti, nel punto 15 (su un totale di 21, ndr) della relazione elaborata dalle varie commissioni, emerge che sacerdoti e vescovi colpevoli di abusi sessuali debbano abbandonare il ministero. Provvedimenti simili sono stati già anticipati nell’inchiesta che ha portato il Card. McCarrick (ex prelato di Washington) alla riduzione allo stato laicale. Dopo le svariate denunce di Mons. Viganò, Papa Francesco ha deciso di aprire un’inchiesta che ha visto il cardinale condannato dopo oltre 30 anni di abusi.

cms_12142/3.jpg

Nello stesso tempo, all’interno del vertice emergono iniziative interessanti di varie diocesi italiane, come quella promossa dal mons. Camisasca (vescovo di Reggio Emilia). In sintonia con gli altri vescovi emiliani, egli ricalca con chiarezza che: "Nessuno deve essere coperto o giustificato, qualsiasi ruolo svolga, in questo senso bisogna tutelare il bene dei minori e dei più deboli". Ovviamente, tutto questo deve avvenire in sinergia con le famiglie e le istituzioni ecclesiastiche. Lo stesso vescovo di Reggio Emilia, in linea con quanto predisposto dalla Chiesa italiana, afferma di aver programmato un corso di formazione per laici in modo tale da prevenire gli abusi sui minori.

cms_12142/4.jpg

Luci ed ombre annebbiano la vista della Chiesa di Dio, ma nonostante gli ormai migliaia di abusi, i presupposti per arrivare a una risoluzione del problema ci sono.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su