VESTIRSI ADEGUATAMENTE E’ SEGNO DI RISPETTO (COCO CHANEL)

DRESS CODE PER LA PERFETTA INVITATA

1521869385DRESS_CODE_PER_LA_PERFETTA_INVITATA.jpg

La bella stagione oltre a regalarci più ore di luce, il buonumore, lo sbocciare della natura, segna inevitabilmente l’inizio della stagione delle cerimonie come cresime, battesimi, comunioni e matrimoni a cui, chi più chi meno, sarà inevitabilmente “costretta” a partecipare. Innanzitutto bisogna fare un importante distinguo di dress code tra essere invitata ad un battesimo, una comunione, una cresima e un matrimonio, certo una fashion addicted non può cadere nella banalità del classico tailleur pastello, ma nemmeno cadere nel protagonismo a tutti i costi, ripetiamo insieme: “non sono io la festeggiata, non sono io la protagonista della giornata!”.

cms_8753/foto_1.jpg

Il dress code vige da tempi immemori, ma vale la pena sempre ricordarlo, se siete invitate a battesimi, cresime e comunioni ricordatevi che sono delle cerimonie religiose, meno fastose di un matrimonio, che i festeggiamenti non durano sino a sera, come in genere accade per un matrimonio, e quindi regolarsi di conseguenza adottando outfit sobri. Dovrebbero (e uso non a caso il condizionale, perché in tante cerimonie a cui ho partecipato ho visto più outfit da ultimo dell’anno che da battesimo!) essere banditi abiti troppo succinti, troppo corti e scollature vertiginose, gioielli troppo vistosi, sparkling come se piovesse e acconciature da far invidia all’indimenticata Moira Orfei. A differenza dei matrimoni, dove sono tassativamente vietati, in queste occasioni potete optare anche per colori come il bianco e il nero, sono ammessi gli abiti smanicati (solo per portatrici di braccia toniche!), banditi quelli con spalline sottili o troppo sexy come, per intenderci, quelli in stile lingerie. Anche il colore ha un suo dress code, niente colori squillanti (permessi per i matrimoni escludendo il rosso), perfetti le nuance pastello che peraltro sono un must di stagione, stesso discorso vale per gli accessori che devono essere sobri (la fashion victim che è in voi per una volta lasciatela a casa assieme a piume e cristalli). Un bel paio di décolleté declinate in nero che in color nude saranno perfette per ogni outfit, ma anche un sandalo (se la cerimonia è pomeridiana) declinato negli stessi colori può essere una buona opzione a patto che la giornata lo permetta, non c’è niente di più ridicolo che vedere una donna districarsi in una giornata di pioggia battente tra le pozzanghere con ai piedi il suo bel paio di sandali, fashion sì, ridicole mai. Se per un matrimonio il dress code ci offre solo due possibilità: pochette o clutch, per le altre cerimonie orientatevi per una mini bag tassativamente a mano, sono vietate qualsiasi tipologia di borsa a spalla, se non vi sentite a vostro agio con una borsa a mano scegliete una pochette che generalmente è dotata di una tracolla a catena sottile da usare all’occorrenza (vedi momento buffet!) Assodato quello che possiamo e quello che non possiamo indossare ad una cerimonia passiamo a vedere alcune idee di outfit fashion e glamour senza necessariamente ridursi al classico tailleur pastello, che per carità è sempre una buona idea, ma non all’altezza di una fashion victim.

cms_8753/foto_2.jpg

Se siete delle irriducibili del tailleur niente paura, rendetelo fashion scegliendo un pantalone palazzo o un pantalone cropped invece della solita gonna. Il pantalone palazzo a vita alta è perfetto per una donna non altissima perché slancia notevolmente la silhouette soprattutto perché potete nascondere sotto l’orlo del pantalone anche un tacco vertiginoso che per il dress code sarebbero banditi, ma grazie a questo stratagemma vengono celati. Le più alte possono scegliere il modello cropped sempre a vita alta, ma in questo caso dove le scarpe sono in primo piano, bando a stravaganze o tacchi alti, meglio una décolleté con tacco kitten heels e modello Chanel peraltro molto in voga tra tutte le fashion victim del globo terrestre e oltre… Il tailleur perfetto per questa primavera è un tailleur con giacca dalle spalle strutturate, dalla linea oversize e modello doppiopetto. Glamour declinati nelle tonalità must di stagione come il giallo canarino, l’azzurro gesso, il rosa baby, il lilla, il lavanda, il verde menta oltre al classicissimo blu navy. Se la vostra scelta cade sul blu navy l’outfit necessita di un twist “luminoso” che può essere dato da accessori color silver o color platino più chic e meno squillante del gold, per le fashioniste la scelta è una sola: accessori white.

cms_8753/foto_3.jpg

Se volete indossare una gonna buttatevi su una gonna a ruota (perfetta per nascondere i piccoli difettucci), tinta unita o stampata, in tulle o in satin di seta portata con l’evergreen camicia bianca o con una, più fashion, blusa dal taglio asimmetrico. Le maniche possono essere arricchite da ruches o leggermente a campana, anche un mini pull in light cashmere può essere una buona soluzione a patto di non far intravedere una porzione di pelle eccessiva, l’ideale sarebbe a filo gonna. Un outfit very chic!

cms_8753/foto_4.jpg

L’alternativa al classico abito da cocktail è una bella jumpsuit, veloce come un abito, con lo stesso tasso di glamour, ma meno banale e scontata dell’abito che sarà la scelta più popolare da parte delle altre invitate. Quante donne avete visto indossare una jumpsuit in occasione di una cerimonia? Io pochissime e questo può essere il motivo in più per indossarla! Potete sceglierla con stampa floreale o in tinta unita per le più curvy il tessuto perfetto è lo chiffon e sarete semplicemente perfette e glamour.

cms_8753/foto_5.jpg

Per chi sceglierà, nonostante tutto, l’abito da cocktail o il tailleur lasciatevi ispirare dalla foto qui sopra, un abito plissè (must di stagione) è certamente più originale del classico tubino, un tailleur destrutturato con stampa dai toni delicati che ricorda l’allure di Chanel è certamente più fresco del classico tailleur, sarete fashion anche scegliendo due grandi classici.

cms_8753/foto_6.jpg

Concludiamo con la madre di tutte le cerimonie: il matrimonio, se siete invitate ad un matrimonio la prima cosa da fare è leggersi attentamente l’invito, se vi è specificato un dress code specifico, o come oggi succede sempre più spesso, ci sia un tema da seguire che può essere cromatico ad esempio. In caso di dubbi è sempre buona regola chiedere alla sposa e attenersi scrupolosamente alle sue indicazioni. Anche l’orario (se la cerimonia si svolgerà di mattina o di pomeriggio) ha la sua importanza come la tipologia di celebrazione (se civile o religiosa). In linea di massima per una cerimonia di mattina e religiosa il dress code dovrà essere sobrio e rigoroso (in segno di rispetto per il luogo e per i credenti anche se voi non lo siete), mentre per una cerimonia con rito civile ci si può concedere qualche vezzo in più senza mai eccedere. Se il matrimonio è di mattina dimenticatevi del long dress che può essere indossato solo dopo le diciotto per un matrimonio che sapete essere particolarmente formale ed elegante. Per un matrimonio di mattina potete tranquillamente scegliere tra gli outfit già precedentemente analizzati concedendovi degli accessori più importanti senza cadere nel ridicolo, se avete intenzione di indossare un cappello è bene sapere che potrete indossarlo solo se lo indosserà anche la madre della sposa altrimenti dovrete rinunciarvi (non vi resta che informarvi) e solo esclusivamente per cerimonie che si svolgono di mattina (ricordatevi che in chiesa potete tenerlo, ma dovete toglierlo quando vi accomoderete a tavola per il rinfresco). E’ bene sempre rammentare che il bianco, il nero e il rosso sono colori banditi come anche le stampe chiassose a meno che non siate invitate ad un matrimonio informale, all’aperto come in spiaggia o in un agriturismo (anche la location ha la sua importanza per un dress code perfetto). Per un matrimonio serale potete indossare un long dress che può variare per stile a seconda del tipo di matrimonio e della location, per un matrimonio elegante e formale anche il vostro abito dovrà essere elegante e formale, preferibilmente a tinta unita e dal tessuto prezioso come preziosi dovranno essere i vostri accessori (ricordatevi che per una sera formale le décolleté non sono ammesse, dovrete indossare un sandalo, questo vale anche d’inverno, presumendo che andrete in un luogo chiuso e riscaldato!). Dimenticate le borse a mano, ammesse solo di mattina, la clutch anche gioiello sarà perfetta a meno che il vostro outfit non sia già abbastanza ricco.

cms_8753/foto_7.jpg

Per un matrimonio che avrà come location la spiaggia o un agriturismo il vostro long dress potrà essere floreale, con tessuti leggeri come lo chiffon o il tulle anche dalle tonalità più vivaci. Gli accessori come il make up e l’acconciatura prendono una piega meno formale donandovi quell’allure easy tipica di questi matrimoni. Eviterei sandali e clutch gioiello, ma una pochette semplice se pur ricercata sarà perfetta (fondamentale che sia provvista di tracolla a catena per avere le mani libere perché generalmente queste tipologie di matrimoni prevedono un rinfresco a buffet).

Ora avete tutte le dritte per vestire i panni della perfetta invitata, perché come diceva la grande Coco Chanel, il dress code non è una lista di regole vuote che odorano di stantio, ma è segno di rispetto verso gli altri invitati, ma soprattutto verso i festeggiati che devono essere, loro non voi, al centro dell’attenzione. In queste occasioni anche per una fashion addicted fare un passo indietro non vuol dire rinunciare al fashion, ma è segno di intelligenza e buon gusto.

T. Velvet

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su