Venice, the Jews and Europe 1516-2016

From 19 June to 13 November 2016 at Palazzo Ducale in Doge’s Apartment

1469907521Venice,_the_Jews_and_Europe_1516-2016.jpg

“The area was defined by two gates which, as pointed out by the Senate on 29 March, 1516, would be opened in the morning to the sound of the “Marangona”(the bell in St. Mark’s belfry that established the city’s daily timetable) and closed at night at midnight by four Christian keepers, paid by the Jews and required to reside on site without their family in order to be better able to fulfil their supervisory duties. Moreover, two high walls were to have been built (but were never constructed) to enclose the area on the side of canals surrounding it, walling up all the banks on said canals. Two Council of Ten boats with guards paid by the new “castle-dwellers” would cruise along the canal around the island at night to ensure its security. On the following 1 April, the “grida” (“declaration”) was proclaimed in Rialto and from the bridges in every city district in which Jews resided.”

cms_4297/2.jpg

Organised on the occasion of the fifth centenary of the creation of Venice’s Ghetto, curated by Donatella Calabi with the scientific coordination of Gabriella Belli and the contribution of a large pool of scholars, the “Venice, the Jews and Europe 1516 – 2016” exhibition aims to describe the processes that led to the creation, implementation and transformation of the first “fence” for Jews in the world. At the same time, the exhibition expands to a wider horizon, embracing the relations established with the rest of the city and with other Jewish (and other) districts in Italy and Europe, to emphasise the fruitful relations between Jews and Venice and between Jews and civil society in the different periods of their long stay in the lagoon, in the Veneto area and in Europe and the Mediterranean. The intention is to establish a greater awareness of the cultural diversity present in cosmopolitan Venice at the beginning of the sixteenth century and the mix of knowledge, skills, customs that still comprise its most important legacy.

cms_4297/3.jpg

The task has thus not only been one of surveying the special area of the three ghettos (Nuovo, Vecchio and Nuovissimo), but also one of reflection on the cultural and linguistic exchanges, the fine craftsmanship and trades that the Jewish community has shared with the Christian population and other minorities living in this extraordinarily important mercantile city.

cms_4297/4.jpg

The time span considered goes beyond the fall of the Republic and the opening of the doors at the behest of Napoleon: the exhibition will also showcase the role of Jews in the age of assimilation and during the twentieth century. Important paintings – by Bellini and Carpaccio, Foraboschi, Hayez and Poletti, Balla and Wildt to Chagall – architectural drawings of the period, volumes in very rare original editions, archival documents, liturgical objects and furniture, together with multimedia reconstructions will enable the visitor to learn about a long-term relationship that was marked also by permeability, close contacts and cultural exchange.

cms_4297/5.jpg

The project’s initial premise is that the history of the institution of the Ghetto in Venice should be studied as part of the more general picture of the Venetian Republic’s administration of national, ethnic and religious minorities living in the city, capital of a “world economy”, as the historian Fernand Braudel called it. But it also sets out to explain how these relationships gradually broadened to a much vaster geographical area and have persisted over time, adapting to political, social and cultural changes. In the early decades of the sixteenth century the Venetian Republic implemented a deliberate strategy of welcome, simultaneously offering guarantees and surveillance, which was more or less rigid with respect to the various national and religious communities; this welcome was extended to those communities that were important for the republic’s economic activities, such as North Europeans (with the Fondaco dei Tedeschi), the Orthodox Greeks (with a concession to build a church and a college at their expense) and, over the years, Albanians, Persians and Turks. The Jews, like the other minorities, were “precious” for the Serenissima (as we read in some documents): its judiciary, some nobles, Doge Leonardo Loredan himself, who was “Prince” at the time of the founding decree (29 March, 1516), were well aware of this.

cms_4297/6.jpeg

Nevertheless, Venice, which had permitted the Jews in their territory to enter the city as war refugees – at time when Europe was expelling them from Spain (1492) and Portugal (1496) – in the wake of the dramatic consequences of the league of Cambrai and the defeat of Agnadello, soon posed itself the question of how to treat the Jewish minority. “At stake was the defence of fundamental cultural values ​​for their perception of themselves. Namely”, according to Robert Bonfil, “all those values ​​that “the myth of Venice” deemed to be most essential of all: justice, freedom and prosperity, all rooted in good governance and not least in the defence of Christian ethics, without which neither justice nor prosperity were conceivable”. The decision not to expel the Jews but to keep them inside the ghetto was seen as the lesser evil and their enclosure, in itself an overt discrimination, ended up also becoming a useful defence, because the Jews, a politically weak entity outside the walls, became autonomous within them, almost masters of their own actions, and in many cases far freer than many other of Europe’s inhabitants and subjects who lived at the complete mercy of a doge, prince, pope or king. In Venice, this Hazzer (a Hebrew word to define the fence), the Ghetto – adopted as a negative model throughout Europe as a physical reality and term – was gradually transformed into an independent institution, “a shield” as writes Riccardo Calimani, “which, despite the then rampant insecurity and despite all, offered powers and privileges that allowed it to be heard and to negotiate with the authorities outside, with a freedom of initiative that is in some cases surprising”. Cosmopolitan within – the Ghetto was home to German and Italian Jews, Levantine, Western and Portuguese Jews – it was therefore also a highly permeable space, in constant interaction with the outside world and, in primis with the city of Venice, itself extraordinarily multinational and multiethnic, either by conviction or pragmatism.

cms_4297/7.jpg

The exhibition at the Doge’s Palace, which takes us on a fascinating journey through art, history and culture, thus illustrates the distribution of Jewish settlements in Europe after 1492; the establishment of the first real ghetto in the world; the debate about its location; its growth and the urban and architectural shaping of successive expansions (the Ghetto Novo, the Vecchio and the Novissimo); relations with the rest of the city (the workshops at Rialto, the cemetery, the excavation of the Canale degli Ebrei), twentieth-century reintegration. The exhibition highlights the rules and also the prohibitions, abuse, conflicts and exchanges; it describes society in the Ghetto, made up of communities differing in religious ritual, languages ​​spoken, eating habits; and also the rich Jewish cultural production of the area. Alongside the narrative of the events marking the physical space of the Ghetto, the exhibition offers a meeting with important figures, as well as travel accounts and an overview of literature, music and theatre.

cms_4297/8.jpg

Divided into ten thematic and chronological sections in the rooms of the Doge’s apartments – Before the Ghetto, Cosmopolitan Venice, The cosmopolitan Ghetto, Synagogues, Jewish culture and the role of women, Trade between the seventeenth and eighteenth century, Napoleon: the opening of the gates and assimilation, The merchant of Venice, Collecting, collectors, the twentieth century – the exhibition is also accompanied by breathtaking multimedia systems and innovative technology, developed by Studio Azzurro.

cms_4297/10.jpg

“Venice, the Jews and Europe, 1516 -2016” is promoted by the City of Venice and by the Fondazione Musei Civici di Venezia, with the support of “I 500 anni del Ghetto di Venezia” Committee, the Jewish Community of Venice and the Union of Italian Jewish Communities, with the contribution of the Veneto Region, Save Venice Inc, the Gladys Krieble Delmas Foundation, Venetian Heritage, the David Berg Foundation New York, and the Fondazione Ugo e Olga Levi. The multimedia projects have been realised in cooperation and with the support of the Fondazione di Venezia. The catalogue published by Marsilio Editori offers texts by a variety of authors.

cms_4297/italfahne.jpg“Il luogo era delimitato da due porte che, come aveva precisato il Senato il 29 marzo 1516, sarebbero state aperte la mattina al suono della “marangona" (la campana di San Marco che dettava i ritmi dell’attività cittadina) e richiuse la sera a mezzanotte da quattro custodi cristiani, pagati dai giudei e tenuti a risiedere nel sito stesso, senza famiglia per potersi meglio dedicare all’attività di controllo. Inoltre si sarebbero dovuti realizzare due muri alti (che tuttavia non saranno mai eretti) a serrare l’area dalla parte dei rii che la avrebbero circondata, murando tutte le rive che vi si aprivano. Due barche del Consiglio dei Dieci con guardiani pagati dai nuovi “castellani”, circoleranno di notte nel canale intorno all’isola per garantirne la sicurezza. Il 1 aprile successivo, la stessa “grida” venne proclamata a Rialto e in corrispondenza dei ponti di tutte le contrade cittadine in cui risiedevano i giudei”.

Organizzata in occasione del cinquecentenario dell’istituzione del Ghetto di Venezia, curata da Donatella Calabi con il coordinamento scientifico di Gabriella Belli e il contributo di un nutrito pool di studiosi, la mostra “Venezia, gli ebrei e l’Europa 1516 – 2016” intende descrivere i processi che sono alla base della nascita, della realizzazione e delle trasformazioni del primo “recinto” al mondo destinato agli ebrei. Allo stesso tempo lo sguardo si allarga, abbracciando le relazioni stabilite con il resto della città e con altri quartieri ebraici (e non solo) italiani ed europei, a sottolineare la ricchezza dei rapporti tra gli ebrei e Venezia e tra gli ebrei e la società civile, nei diversi periodi della loro lunga permanenza in laguna, in area veneta e in area europea e mediterranea. L’intento è infatti una maggiore consapevolezza delle diversità culturali esistenti nella Venezia cosmopolita d’inizio Cinquecento e della commistione di saperi, conoscenze, abitudini che ne costituiscono tuttora il principale patrimonio. Non solo un lavoro d’indagine sull’area specifica dei tre ghetti (Nuovo, Vecchio e Nuovissimo) dunque, ma anche una riflessione sugli scambi culturali e linguistici, sulle abilità artigianali e sui mestieri che la comunità ebraica ha condiviso con la popolazione cristiana e le altre minoranze presenti in un centro mercantile di straordinaria rilevanza. L’arco cronologico preso in considerazione va oltre la caduta della Repubblica e l’apertura delle porte per volere di Napoleone: apparirà in mostra anche il ruolo degli ebrei nell’età dell’assimilazione e nel corso del Novecento. Importanti dipinti – da Bellini e Carpaccio, da Foraboschi a Hayez e Poletti, da Balla a Wildt fino a Chagall – disegni architettonici d’epoca, volumi in rarissime edizioni originali, documenti d’archivio, oggetti liturgici e arredi, ricostruzioni multimediali permettono di dar conto di una vicenda di lungo periodo, fatta anche di permeabilità, di relazioni e scambi culturali. L’ipotesi di partenza del progetto infatti è che la storia dell’istituzione del Ghetto a Venezia debba essere studiata nel quadro della più generale gestione da parte della Repubblica Veneta delle minoranze nazionali, etniche e religiose che vivevano nella città, capitale di una “economia mondo”, come la chiamava lo storico Fernand Braudel. Ma si tratta anche di spiegare come queste relazioni si siano via via allargate a un ambito geografico molto vasto e siano continuate nel tempo, adattandosi ai cambiamenti politici, sociali e culturali. Nei primi decenni del XVI secolo la Repubblica Veneta aveva messo in atto una strategia urbana di accoglienza, offerta di garanzie e contemporaneamente di sorveglianza, più o meno rigida nei confronti anche di altre comunità nazionali e religiose, importanti per le proprie attività economiche come i popoli del Nord (con il Fondaco dei Tedeschi), i greci ortodossi (con la concessione di costruire a loro spese una chiesa e un collegio) e via via gli albanesi, i persiani, i turchi. Gli ebrei, al pari d’altre minoranze, erano “preziosi” per la Serenissima (come si legge in alcuni documenti): le sue magistrature, alcuni nobili, lo stesso doge Leonardo Loredan, che era “principe” al momento del decreto istitutivo (29 marzo 1516), ne erano perfettamente consapevoli. Ciononostante Venezia, che aveva concesso agli ebrei presenti sul proprio territorio – anche quando l’Europa li stava cacciando dopo i noti decreti d’espulsione dalla Spagna (1492) e dal Portogallo (1496) – d’entrare in città come rifugiati di guerra, in seguito alle drammatiche conseguenza della lega di Cambrai e alla sconfitta di Agnadello, si pose presto il problema di come trattare la minoranza ebraica. “La posta in gioco era la difesa dei valori culturali fondamentali per la loro percezione di se stessi. Vale a dire – secondo Robert Bonfil – di tutti quei valori che “il mito di Venezia” reputava i più essenziali in assoluto: giustizia, libertà e benessere, il tutto radicato nel buon governo e non da ultimo nella difesa dell’etica cristiana, senza la quale non sono concepibili né la giustizia né il benessere”.

La scelta di non cacciare gli ebrei ma di mantenerli dentro il ghetto fu vissuta come il male minore e la chiusura, una palese discriminazione, finì per trasformarsi anche in un’utile difesa, perché gli ebrei, soggetto politicamente debole all’esterno delle mura, diventarono all’interno autonomi, quasi padroni delle loro azioni, in molti casi ben più di tanti abitanti e sudditi che vivevano alla completa mercé del doge, del principe, del papa o del re. A Venezia questo Hazzer (parola ebraica per definire il recinto), il Ghetto – preso a modello negativo in tutta Europa come realtà fisica e come termine – si trasformò a poco a poco in un’istituzione quasi a sé, “uno scudo”, come scrive Riccardo Calimani, “che, pur nella precarietà dilagante disponeva, nonostante tutto, di poteri e privilegi che gli permettevano di farsi ascoltare e di trattare con i propri interlocutori all’esterno, con una libertà d’iniziativa in qualche caso sorprendente”. Cosmopolita al suo interno – ove vennero a convivere ebrei tedeschi e italiani, ebrei levantini, ponentini e portoghesi – il Ghetto di Venezia fu dunque una realtà fortemente permeabile, in costante interazione con l’esterno e in primis con la città lagunare, essa stessa straordinariamente multinazionale e multietnica, per convinzione o pragmatismo. La mostra a Palazzo Ducale, che ci accompagna in un affascinante viaggio, tra arte, storia e cultura, illustra dunque la distribuzione degli insediamenti ebraici in Europa dopo il 1492; l’istituzione del primo vero e proprio ghetto al mondo; il dibattito sulla sua localizzazione; la crescita e la conformazione urbana e architettonica delle successive espansioni (il Ghetto Novo, il Vecchio e il Novissimo); le relazioni con il resto della città (le botteghe realtine, il cimitero, l’escavo del Canale degli Ebrei), la reintegrazione novecentesca. Vengono messe in luce regole ma anche divieti, abusi, conflitti e scambi; viene raccontata la società del Ghetto, composta da comunità differenti tra loro per rito religioso, lingue parlate, abitudini alimentari; e poi la ricchissima produzione culturale ebraica. Accanto alla narrazione delle vicende insediative, s’intrecciano incontri con personaggi significativi, racconti di viaggio, letteratura, musica, teatro. Distribuita in 10 sezioni tematiche e cronologiche nelle sale degli appartamenti del Doge – Prima del Ghetto, La Venezia cosmopolita, Il Ghetto cosmopolita, Le sinagoghe, Cultura ebraica e figura femminile, I commerci tra XVII e XVIII secolo, Napoleone: l’apertura dei cancelli e l’assimilazione, Il mercante di Venezia, Collezioni, collezionisti, Il XX secolo – l’esposizione è corredata anche da apparati multimediali e innovative tecnologie di grande suggestione, elaborate da Studio Azzurro. “Venezia, gli ebrei e l’Europa, 1516 -2016” è promossa dalla Città di Venezia e dalla Fondazione Musei Civici di Venezia, con il sostegno del Comitato “I 500 anni del Ghetto di Venezia”, della Comunità Ebraica di Venezia e dell’Unione delle Comunità Ebraiche italiane, con il contributo della Regione del Veneto, Save Venice Inc, The Gladis Krieble Delmas Foundation, Venetian Heritage, David Berg Foundation New York, Fondazione Ugo e Olga Levi - realizzate in collaborazione e con il supporto della Fondazione di Venezia. Il progetto multimediale è realizzato in collaborazione e con il supporto della Fondazione di Venezia.

Ricchissimo di contributi il catalogo edito da Marsilio Editori (fonte: palazzoducale.visitmuve.it).

Domenico Moramarco

Tags: Venice Jewish Ghetto Europe

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App