Traduci

73ESIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI SANREMO – LA FINALE

Si è conclusa anche questa settantatreesima edizione del Festival di Sanremo: a trionfare, sul palco dell’Ariston, ancora una volta Marco Mengoni con la sua “Due vite”.

cms_29350/1.jpg

Questa edizione del festival può essere definita lo show dei record, per numero di partecipanti in gara ma, soprattutto, per ascolti elevatissimi. Per ritrovare dati ancora superiori è necessario tornare indietro all’anno 1987, ma parliamo di altre epoche in termini di intrattenimento televisivo. Il vero è proprio boom lo si è avuto sulla piattaforma digitale Raiplay, sulla quale il festival è stato seguito da un numero sempre maggiore di giovanissimi, e sui social, con decine di milioni di interazioni targate dall’hashtag ufficiale #Sanremo2023.

cms_29350/2_1676176751.jpg

Storica la presenza alla prima serata di Sergio Mattarella: per la prima volta, infatti, ad assistere al festival di Sanremo vi è stato un Presidente della Repubblica, ragion per la quale è stato richiamato Roberto Benigni, noto declamatore di cultura italica. Lo stesso, infatti, ha inneggiato alla Costituzione, di cui quest’anno si celebrava il 75° anniversario.

cms_29350/3.jpeg

A dispetto del clima atmosferico di gelo che ha contraddistinto purtroppo tutta la settimana, nella città di Sanremo si è respirata una rinnovata aria di festa, con migliaia di persone che hanno affollato non solo il piccolo incrocio di via Matteotti ove ha sede il teatro, ma tutto il centro, in particolare piazza Colombo, ove è stato allestito anche quest’anno un palcoscenico sul quale si sono esibiti diversi artisti.Oltre che a Bordo della Nave Costa Smeralda palcoscenico galleggiante per i collegamenti in diretta con il Teatro Ariston.

cms_29350/4.jpg

La co-conduzione di Gianni Morandi è stata simpatica e attrattiva: l’artista ha avuto modo anche di esibirsi, specie nel memorabile momento in cui ha riproposto brani del proprio repertorio assieme a Massimo Ranieri e ad Al Bano oppure, proprio in questa finale di stasera, in un momento di omaggio a Lucio Dalla.

cms_29350/5.jpg

La presenza femminile, riguardo alla conduzione, è stata esemplare e, specie la presenza di Chiara Ferragni, ha certamente contribuito ad avvicinare maggiormente al festival il suo pubblico. Basti pensare che, per merito suo, è stato ufficialmente aperto l’account Instagram di Amadeus che ha macinato numeri record, giungendo in un paio di giorni persino al milione di followers.

cms_29350/6.jpg

Tra i vari monologhi proposti dalle “donne del festival” che hanno posto l’attenzione, sera dopo sera, sui più diversi temi sociali trattando di libertà o razzismo, si segnala l’intervento di Chiara Francini, durante la serata di venerdì 10 febbraio, che ha criticato tutti quei canoni attribuiti dalla società alla donna, in particolare nei ruoli di moglie di madre.

cms_29350/7.jpg

A questa serata finale noi abbiamo assistito fisicamente nell’Ariston, nella consueta Galleria. Lo spettacolo, davvero troppo lungo, verrà ricordato per il bacio gay di Rosa Chemical a Fedez, che ha suscitato le ire della moglie di quest’ultimo presente sul palco in qualità di co-conduttrice. Il cantante in gara, infatti, ad un certo punto si è recato in platea e ha condotto fisicamente il marito della Ferragni sul palco, durante la sua esibizione, al termine della quale lo ha coinvolto in un bacio appassionato.

cms_29350/8.jpg

Certamente questo episodio, unitamente alla bravata di Blanco, continuerà ad alimentare le polemiche e a far parlare di questo festival ancora a lungo.

cms_29350/9.jpg

Il criticato messaggio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky è stato finalmente letto: il contenuto si è ridotto ad un ringraziamento per il popolo italiano per il sostegno al credo ucraino e si è incentrato sul fondamentale concetto di libertà dei popoli.

cms_29350/10.jpg

Archiviata questa kermesse, la quarta di Amadeus, si pensa già alla prossima e a come poter, se mai fosse possibile, incrementare ancor più il successo ottenuto quest’anno.

cms_29350/11.jpg

Al momento in cui si scrive Marco Mengoni non ha ancora confermato la sua partecipazione al prossimo Eurovision Song Contest di Liverpool, in rappresentanza dell’Italia, ma ha avuto già modo, in altre occasioni questa settimana, di esprimere il desiderio di tornare in quel concorso, dopo 10 anni dalla sua ultima volta, ove con “L’essenziale” conquistò il settimo posto.

cms_29350/12.jpeg

Data:

12 Febbraio 2023