Traduci

73esima EDIZIONE DEL FESTIVAL DI SANREMO – OUTFIT WOMEN- LE PAGELLE

“Dannate cose che mi piacciono…ci son cascata di nuovo…pensi sia un gioco…non mi sfiora nemmeno…oh, si, si mene frego…parafrasando il testo di una canzone di Achille Lauro, ho trovato le parole giuste per tutti quelli che incontrerò in questa settimana e che mi guarderanno con aria di supponenza perché guardo e commento Sanremo, anche con un certo gusto masochistico, perché Sanremo è Sanremo, ma anche l’immagine è l’immagine! Perché quando comincia Sanremo tutto sembra fermarsi? Perché sul palco dell’Ariston non sale solo la musica, ma anche la moda, il costume e il sentire nazionale. Basta sapere solo che l’alone di mistero che circonda gli outfit dei concorrenti è ancora più forte di quello che circonda le canzoni. Come non ricordarsi del perizoma a vista e dei capelli bi-color di Anna Oxa che hanno pesantemente condizionato la moda degli anni 2000, il finto pancione di Loredana Bertè e i suoi outfit total leather creati dall’indimenticabile Gianni Versace, gli outfit di Achille Lauro creati per lui dal designer, Alessandro Michele. Oggi si sente sempre più parlare della figura del fashion stylist, quelli che per mestiere “vestono” la personalità dell’artista contaminando, anche con l’outfit, la percezione del testo e, nei casi più riusciti, creando tendenze che rivedremo nello street style. Il commento sugli outfit, che sia Sanremo o qualsiasi kermesse, ha sempre un grande seguito e sono in molti che mi chiedono quanto sia corretto farlo. Io rispondo sempre di sì, a patto che si diano voti all’outfit e non al corpo della persona, che sia ironico e non offensivo, che si offrano tips utili per migliorare gli outfit. La sottoscritta, come consulente d’immagine, cerca di seguire queste semplici regole nel fare il suo lavoro. L’unica nota triste è sapere che Sanremo è fatto soprattutto per accontentare i gusti musicali dei più agé e che quest’anno tra i concorrenti ci sono: Gianluca Grignani, Articolo 31, Paola e Chiara, e rendersi conto che la vecchia sono io!

cms_29309/foto_1.jpg

La prima a scendere le scale dell’Ariston è stata Anna Oxa con il suo abito “palandrana”, con l’acconciatura di Maga Magò e con un biondo ossigenato che non si vedeva dagli anni 2000. In un baleno ha spazzato via tutte le aspettative altissime sul suo ritorno e sul suo outfit. Voto 0

cms_29309/foto_2.jpg

Chiara Ferragni sceglie un abito degno del palco dell’Ariston della maison Dior e che non delude tutte le fashion addicted incollate alla Tv. Il suo abito in taffettà di seta con bustino drappeggiato, gonna ampia e stola bianca con messaggio femminista: “pensati libera” è perfetto. Perfetti anche il make up, l’acconciatura (ha un nuovo taglio long bob o è una parrucca?) i gioielli Bulgari, i lunghi guanti che hanno sostituito la stola, l’unica pecca è stato il total black non proprio donante per una spring light come lei. Voto 9+

cms_29309/foto_3.jpg

L’attrice Elena Sofia Ricci ha indossato un abito modello sirena blu notte con paillettes e cristalli, ton sur ton, della maison Giorgio Armani. L’allure e lo stile sono innegabili, anche se l’assenza di una cintura che segnasse il punto vita ha penalizzato la silhouette. Perfetti i capelli raccolti e gli orecchini non troppo invadenti. Voto 8

cms_29309/foto_4.jpg

La giovane cantante Ariete opta per un outfit mannish con blazer oversize rosso, pantaloni in pelle neri e camicia bianca oversize che mi riporta alla mente Sbirulino. Buona l’idea del mood mannish che sarà un forte trend della prossima stagione, ma portarlo all’ennesima potenza rende l’outfit confuso e trasandato. Se volete seguire il trend oversize scegliete un solo capo over, che sia il blazer, la camicia o il pantalone e bilanciatelo con capi più slim per un outfit trendy e cool. Voto 3

cms_29309/foto_5.jpg

Anche la parte femminile dei Coma Cose sceglie un abito modello sirena con ampie spalline, scollo quadrato arricchito da un drappeggio. L’abito è troppo lungo (ha rischiato seriamente di cadere), il fitting non è dei migliori e la nuance calda dell’abito e dei capelli su di lei, che è una winter, è terribile da guardare per una consulente d’immagine. Voto 4

cms_29309/foto_6.jpg

Anche su di lei le aspettative erano altissime, ma dopo Maga Magò e Sbirulino non ci aspettavamo di vedere sul palco dell’Ariston la reference del corvo o del cigno nero, a voi la scelta. L’outfit nell’insieme è alquanto inquietante, anche quando si scopre che sotto le piume c’è una jumpsuit in tulle con scollo a cuore. Il make up occhi effetto “catrame” su un’autunno deep sarebbe da perseguire penalmente! Voto 3

cms_29309/foto_7.jpg

Chiara Ferragni sceglie per il suo secondo outfit un abito dall’effetto nude con micro cristalli che non ha mostrato le sue nudità, ma le ha celebrate con un ricamo trompe l’oeil che ha riprodotto le forme anatomiche di Chiara, cifra stilistica delle ultime collezioni della maison Schiapparelli. Il fitting dell’abito “senza vergogna” non convince, anche se il messaggio buca, ma ancora una volta il trucco e parrucco sono top. Voto 7+

cms_29309/foto_8.jpg

Il terzo outfit della Ferragni è un abito peplo con profondo spacco laterale in bianco ottico e micro scritte ricamate in perle nere che riproducono alcune delle frasi di disprezzo che le sono state rivolte sui social dagli haters, sempre della maison Dior. Il fitting è perfetto, idem per il make up e l’acconciatura. Voto 8+

cms_29309/foto_9.jpg

Ancora un cambio d’abito per la Ferragni che sceglie una jumpsuit, sempre dall’effetto nude e micro cristalli, che si accompagna ad un’ampia sottogonna in crinolina che si prende la scena. E’ stato l’outfit della gabbia, dove per gabbia sono intesi tutti gli stereotipi di genere che perseguitano le donne, sempre secondo la visione stilistica della direttrice creativa di Dior, Maria Grazia Chiuri. Anche questo outfit non convince, anche se il messaggio buca. Voto 6+

L’influencer è salita su palco del Teatro Ariston bella e spigliata…alla faccia di tutti quelli che hanno gufato contro e che l’hanno etichettata come l’imprenditrice del nulla.

cms_29309/foto_10.jpg

L’ultima cantante ad esibirsi è stata Mara Sattei con l’ennesimo outfit total black. L’abito modello sirena con profondo scollo a V sul davanti e scollo tondo sul retro in velluto è stata la ciliegina old style della prima serata. Voto 5

Autore:

Data:

8 Febbraio 2023