Traduci

A LECCE C’È UNA FACOLTA’ DI SCIENZE ESOTERICHE

La magia e l’esoterismo sono due termini dal significato assai diverso, ma spesso intercambiabili nell’accezione comune.Vero è che sarebbe impossibile per un ricercatore esoterico, non imbattersi nelle scienze occulte, ovvero nella magia.Purtroppo la società odierna pone – almeno nei confronti delle masse – tale materia come roba da avanspettacolo. E purtroppo di figuranti pseudo maghi è piena la TV.Magia ed esoterismo sono dunque fatte passare come pratiche risibili per persone superstiziose e arretrate. Perché persone evolute sono quelle che fanno affidamento solo su prove provate. E cosi oggi ci ritroviamo di fronte a due categorie nette: da una parte i moralisti – spesso utilitaristi – che seguono solo cose scientifiche ed estetiche; dall’altra gli empatici – spesso altruisti – con tendenze spirituali. La prima categoria produce relazioni ostili, “usa e getta”. L’altra relazioni armoniose, fatte di vibrazioni, coinvolgimento e scambio.

cms_4868/foto_2.jpg

Quasi mai in tv o sui giornali si parla della connessione che c’è tra esoterismo e i problemi dello spirito. Nei testi di storia viene omesso qualsiasi rifermento alla meraviglia delle scienze esoteriche. Eppure fu grazie al prezioso lavoro dei Templari che oggi fruiamo di conoscenze – purtroppo ancora di nicchia – quali l’alchimia ad esempio. Non cose partorite dalla New Age, ma un Sapere Antico, di cui sono profondi conoscitori esseri che spesso ricoprono nel mondo ruoli importanti. Non certo strani, psicopatici o fumatori di erba. Dante Alighieri, Leonardo Da Vinci, Mozart, Beethoven solo per fare alcuni esempi.Allora come oggi. Perché esoterismo e magia sono cultura, tradizione, parte della nostra storia.Ma cosa sono davvero? Proviamo a spiegarlo.La magia è l’arte di modificare la realtà attorno a noi. Si prefigge lo scopo di influenzare gli eventi e di dominare i fenomeni fisici. Il mago è prima di tutto un profondo conoscitore di sé stesso, della natura e delle sue leggi. Il segreto della magia, sta nella forza di volontà. Attivarla non è da tutti, richiede coraggio, pratica e determinazione. L’esoterismo è l’insieme di dottrine di carattere segreto, riservato ai soli “iniziati”, introdotti nel gruppo con un rituale, cerimonia di passaggio da una fase della vita a un’altra. Anche la religione cattolica ha i suoi rituali. Si pensi al neonato che riceve il sacramento del battesimo e rinasce a nuova vita.

cms_4868/foto_3.jpg

A marzo 2016 è nata a Lecce, la prima Libera Università italiana degli studi esoterici “Achille D’Angelo e Giacomo Catinella” con relativa facoltà di scienze esoteriche, patrocinata dall’Associazione iniziatica nobiliare Arcadia, che si occupa di diffondere le dottrine esoteriche e dall’ Università russa Studiorum Universitas Sancti Nicolai, un’accademia di tipo dinastico, ossia esterna rispetto al sistema internazionale della rete universitaria. Scopo dell’iniziativa, secondo il preside, Valentino Zanzarella, è far uscire le discipline esoteriche dall’oscurità perpetua, oltre a far conoscere particolari materie di studio. Per accedere ai corsi è necessario essere parte di un ordine iniziatico o quantomeno aver approfondito alcuni degli argomenti del corso di studi in proprio. Il corso si occuperà di esoterismo occidentale, da un punto di vista storico-critico ed analitico, ma anche dei movimenti esoterici della cultura orientale. Tra i contenuti spiccano ufologia, astrologia, alchimia, magia, parapsicologia, teorie del complotto, ma anche Paracelsismo, Rosacrocianesimo, Cabala ebraica e cristiana, teosofia, storia della massoneria, movimento New Age e approfondimento sul paranormale. Il corso durerà tre anni e sarà propedeutico all’istituzione di un albo di operatori professionali.La magia è parte integrante della nostra vita. Meditare, amare, pregare non sono forse espressioni magiche?

cms_4868/foto_4.jpg

Antoine de Saint Exupery, scrittore definito per antonomasia “l’uomo irreale” perché idealista, coraggioso e passionario, sul mistero disse: Il mistero non è un muro, ma un orizzonte. Il mistero non è una mortificazione dell’intelligenza, ma uno spazio immenso, che Dio offre alla nostra sete di verità.

Data:

7 Novembre 2016