Traduci

A TU PER TU CON IL LETTORE, BILANCIO DI UN 2016 DA CAPOGIRO

Non so voi ,ma per me il 2016 è stato l’anno dell’insegnamento. Ricordo perfettamente quella sera della vigilia di Natale dell’anno scorso. Eccome se la ricordo. In mezzo ai parenti, sdraiata sul divano, feci un bilancio di come avevo vissuto fino a quel momento. Chiusa in me stessa, nella mia campana di vetro. Un materiale delicato il vetro, appena smosso cade a pezzi. Infatti da fragile gambo di fiore quale ero, mi spezzavo al primo tocco. Mi chiesi chi ero per meritarmi così poco. Se era giusto accontentarsi. Certo che no. Pensai che la scelta migliore era quella di rimboccarsi le maniche. Tirarsele su fino alle spalle per prendermi tutto quello che mi spettava. Mica scherzavo. Decisi veramente di cambiare e feci seguire al pensiero i fatti. Ma non misi in conto la paura. Una brutta bestia da sconfiggere. Sapete cosa succede? Una persona parte con l’idea di voler raggiungere un obiettivo e poi lentamente viene assalita dal terrore di non farcela e dal dubbio di non essere all’altezza. Quindi comincia ad autodistruggersi da sola. Costruisce i propri ostacoli e fatica ad andare avanti. Il punto è che non crede abbastanza in sé stessa. L’insicurezza è figlia della paura. La vita è fatta di alti e bassi.

cms_5183/2.jpgLe cadute ci saranno sempre. Però quando hai una cieca fiducia nelle tue potenzialità, acquisisci una elevata capacità di gestire situazioni e relazioni. Nei momenti no, impari a comportarti senza buttare rabbia addosso agli altri, con maggiore slancio e meno rancore. Come si apprende tutto questo? Attraverso gli errori causati dalla paura di non riuscire! Battiamo un cinque alla paura, dolorosa e fondamentale allo stesso tempo. Comunque l’esperienza insegna. E’ preziosa. Ti regala certe lezioni finché non ti metti in riga. Perché devi capire la tua missione. Non puoi sprecare il tempo prezioso che hai a disposizione. Ritornando a noi, quel giorno decisi di uscire dalla mia meravigliosa zona di comfort. Iniziai a immaginare cosa volevo fare e poi mi buttai. Dire che son caduta tante volte è poco. Quante cose ho imparato, il coraggio per esempio. Se hai quello, puoi veramente far tutto nella vita. Diciamo che nel complesso il 2016 è stato l’anno della saggezza. Sì, ha picchiato duro e anche in modo parecchio selvaggio. Mi son venuti di quei lividi… Ma quanto ho imparato ragazzi miei. A giochi fatti son contenta. Perché la vita è sempre vita! Che dire infine? Ne è valsa la pena. Sono pronta per affrontare altri 365 giorni densi di emozioni. Pure voi vero? Prendete, portate a casa, mettete tutto in un cassetto, chiudetelo e poi apritene uno nuovo. Stavolta però, buttate dalla finestre le preoccupazioni, inspirate gioia e aspettatevi felicità.

Data:

24 Dicembre 2016