Headlines

Traduci

AL SAN NICOLA POKER DEL BARI CHE ORA VOLA IN ALTO

E sono cinque. Continua la marcia positiva del Bari formato San Nicola che, battendo anche il Cittadella per 4-2, conferma di essere squadra temibile fra le proprie mura. Tranne la gara persa nella seconda giornata di campionato contro il Venezia, infatti, il Bari ha sempre vinto al San Nicola meritando il primo posto (15 punti) in serie B, almeno per le partite casalinghe. Questo dimostra che il Bari ha costruito la propria classifica sfruttando, quasi al massimo, il fattore campo. Dei sedici punti, infatti, ne ha ottenuto solo uno in trasferta, quello conquistato nel turno precedente, a Vercelli.

Tornando, invece, alla gara contro la squadra veneta, va detto che il Bari ha vinto meritatamente. Non era semplice giocare contro una squadra come il Cittadella che veniva da due vittorie consecutive in trasferta. Ma il Bari ha dimostrato, almeno in casa, di essere squadra matura che sa aspettare e poi colpire al momento giusto. Ma sa anche soffrire in alcuni frangenti, come è normale che accada in un campionato tosto come quello di quest’anno.

LA PARTITA – Il tecnico del Bari, Fabio Grosso, con il 3-4-3, schiera: Micai; Capradossi, Marrone, Gyomber; Fiamozzi, Basha, Busellato (92’, Salzano), Iocolano (73’, Petriccione); Galano (85’, Brienza), Cissè e Improta.

Roberto Venturato, invece, con il 4-3-1-2, risponde con: Alfonso; Salvi, Pelagatti, Varnier, Pezzi; Siega, Pasa, Settembrini (62’, Schenetti); Chiaretti (77’, Bartolomei); Arrighini (66’, Litteri) e Kouame.

Parte decisamente meglio il Cittadella che passa subito in vantaggio con un colpo di testa di Salvi (1’) sugli sviluppi di un corner. Il Bari fatica un po’ a riprendersi e a costruire azioni degne di nota. Ma su azione di calcio d’angolo, Basha trova il colpo di testa vincente e pareggia (19’) per la gioia dei circa 15.000 tifosi biancorossi presenti sugli spalti del San Nicola. Il gol rinfranca il Bari che, in minuto (25’), sfiora clamorosamente il vantaggio con Capradossi e Galano. Ma in entrambe le occasioni si supera il portiere Alfonso. Nella ripresa è il Bari che segna alla prima azione con Improta, abile nello sfruttare l’ottimo assist di Cissè. La squadra veneta reagisce e va vicino al pareggio (54’) con Chiaretti. Questa volta è prodigioso Micai a respingere la sfera. Ma i biancorossi sono attenti e in sette minuti confezionano altre due reti con Galano (66’), abile a sfruttare una veloce ripartenza, e Basha (73’) con un tiro da fuori area. Ma Pasa, sul finire (83’), approfitta di una dormita della difesa biancorossa e accorcia le distanze per il definitivo 4-2.

cms_7508/2.jpgAbbiamo disputato una grandissima gara – ha dichiarato il tecnico del Bari, Fabio Grosso contro una squadra di qualità, forte soprattutto in trasferta e rapida ad attaccare gli spazi. Ma noi siamo stati bravi a soffrire in alcuni momenti, ma bravi anche per la reazione a questa falsa partenza, per l’interpretazione della gara e per la capacità di entrare negli spazi che ci hanno lasciato soprattutto nella ripresa. Una vittoria sicuramente meritata”.

ANALISI E COMMENTI – Nelle ultime sei partite, dunque, il Bari ha ottenuto ben 13 punti, frutto di 4 vittorie, un pareggio ed una sconfitta (quella immeritata contro lo Spezia).

Contrariamente a quanto era accaduto a Vercelli questa volta il Bari non solo recupera da una situazione di svantaggio, ma addirittura segna quattro reti. Ma come già accaduto in altre volte in questa stagione, la squadra pecca in fase di concentrazione così come continua a subire gol di testa (4) su palla inattiva. Bene tutta la squadra in linea generale, ma da elogiare in particolare Fiamozzi, una spina continua nel fianco della squadra veneta, Cissè che ha fornito tre assist vincenti e Basha che, oltre alla doppietta, ha illuminato il gioco della squadra biancorossa. Inoltre, sono da elogiare i due esterni offensivi che segnano con impressionante continuità: 5 gol in 5 partite per Galano, mentre Improta è già a quota 7. Il Cittadella si è dimostrata una buona squadra, propositiva, ma incapace di gestire le fasi cruciali della partita, ma questo, soprattutto per merito del Bari.

Autore:

Data:

21 Ottobre 2017