Traduci

“Alfie può tornare a casa, ma non in Italia”

“Alfie può tornare a casa, ma non in Italia”

cms_9040/Alfie_foto2_Afp.jpgIl giudice dell’Alta Corte britannica Anthony Hayden, nella udienza convocata oggi a Manchester, dopo aver ribadito il suo ’no’ a un trasferimento del piccolo Alfie Evans in Italia a causa delle sue condizioni di salute, avrebbe però chiesto ai medici dell’ospedale Alder Hey di Liverpool di valutare se permettere che il piccolo possa essere riportato a casa dai genitori. Lo ha riferito la Steadfast Onlus sulla sua pagina Facebook, in cui ha riportato notizie in diretta sull’udienza, citando giornalisti presenti.

Per i medici dell’ospedale “ci vorranno almeno 3-5 giorni per decidere” se il piccolo Alfie potrà tornare a casa, “ma al momento è impossibile”.

Secondo quanto riferisce il Liverpool Echo, i medici avrebbero espresso, durante l’udienza di oggi Manchester, “molta paura” per la forte ostilità e le proteste mostrate contro l’ospedale e i medici che si sono occupati del caso.

Nigeria, commando fa strage in chiesa

cms_9040/nigeria_attentato2_xin.jpgUn commando di uomini armati ha aperto il fuoco in una chiesa in Nigeria, uccidendo due sacerdoti e almeno 15 fedeli. L’attacco è stato compiuto durante la celebrazione della messa in una chiesa del villaggio di Mbalom, nello stato di Benue.

Il commando, secondo le informazioni diffuse dalle autorità, si è fatto largo tra i fedeli e ha ucciso i due sacerdoti. Successivamente, i criminali hanno aperto il fuoco sulle persone presenti nell’edificio. Durante la fuga, come ha riferito la diocesi locale, il commando ha dato fuoco ad abitazioni e campi.

Palma di Maiorca si ribella: “Basta turisti”

cms_9040/turisti_stazione_valigia_fg.jpgI residenti di Palma di Maiorca ne hanno abbastanza del turismo di massa che ogni anno arricchisce la loro città e la loro isola, ma provoca disagi evidentemente non più tollerabili. E’ così che le autorità cittadine hanno deciso che a partire da luglio sarà vietato affittare appartamenti e stanze ai turisti senza un’adeguata licenza, una pratica aumentata vertiginosamente negli ultimi anni grazie a siti specializzati e app.

Il provvedimento non piace però alle associazioni delle piccole e medie imprese, che lamentano l’impatto economico che questo avrà su molte famiglie. L’amministrazione di Palma, guidata da una coalizione di centro-sinistra, ha citato un rapporto in base al quale l’offerta di appartamenti ai turisti è aumentata del 50% tra il 2015 e il 2017.

Secondo quanto scrive El Pais, solamente 645 degli oltre 11mila alloggi offerti ai turisti che soggiornano a Palma dispone della necessaria licenza. A questo, si aggiunge il risentimento degli abitanti della capitale di Maiorca, che denunciano un aumento del 40% dei prezzi e degli affitti dovuto al turismo, oltre alla difficile convivenza con i vacanzieri che affollano la città.

Il provvedimento è stato preso “nell’interesse generale”, la nostra è una città “determinata e coraggiosa”, ha detto il sindaco di Palma, Antoni Noguera, convinto che la sua decisione aprirà la strada ad altre città soffocate dal turismo.

Già lo scorso anno, al pari di Barcellona, Palma aveva imposto il divieto di pubblicizzare l’offerta di appartamenti senza licenza, prevedendo multe salate per i proprietari e i siti che infrangevano il divieto. La Spagna l’anno scorso ha stabilito il nuovo record di presenze, con 82 milioni di visitatori. Mete preferite sono state la Catalogna e le Baleari, con Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera le isole più frequentate.

Autore:

Data:

25 Aprile 2018