Traduci

Alitalia Board approves 2017-2021 business planAlitalia: CdA approva piano industriale 2017-2021

  • €1 billion cost reductions by 2019
  • Revenue to increase 30 per cent by 2019
  • Profitability by 2019
  • Fleet reduced by 20 narrow-body aircraft
  • New competitive proposition for short and medium-haul aircraft fleet

Alitalia’s Board of Directors today approved the airline’s turnaround business plan which includes a range of radical and necessary measures across the whole of the company to stabilise it and secure its long-term sustainability.

The plan’s funding by the company’s shareholders is subject to Alitalia’s trade unions agreeing to a new collective works agreement and headcount-related measures.

Airline management will soon present the board-approved plan to the Italian government and then meet with trade unions to explain the details of the business plan, headcount-related measures and resume talks on a new collective labour agreement.

Alitalia said it will reduce costs by €1 billion in the first three years of the plan by 2019 with reductions in operating costs and manpower. Alitalia will increase revenues, in the same timeframe to 2019, by 30 per cent from €2.9 billion to €3.7 billion.

These financial performance indicators are judged to be realistic and achievable by independent advisors and the projected figures would turn Alitalia into a profitable business by 2019.

The business plan actions are supported by ‘four pillars of change’; a recalibrated business model, costs reductions and enhanced productivity, optimisation of network and partnership, and develop commercial initiatives by utilising technology investments to drive revenue.

Cramer Ball, Alitalia CEO, said: “With the approval today by the Board of Directors of the second phase of our business plan we can now accelerate our actions towards turning around Alitalia.

We re-built our brand in the first phase and invested heavily in staff training and technology so we are now able to move ahead and implement wide-ranging changes.

The aviation industry is ferociously competitive and never stands still. Only through radical change will Alitalia’s fortunes be turned around.

We must transform this business into a dynamic entity that is attractive to customers who have plenty of choice for their air travel needs.

Consumers’ buying habits have been shaped by how low cost carriers sell their products. I am confident that the next phase of the industrial plan will represent the step forward needed, provided that all interested parties play their part.

The radical and necessary measures across the entire airline will secure our long-term sustainability which will only materialise if the airline is the right size, the right shape and with the right productivity and cost base.

We must do this, especially in our short and medium haul business in order to provide a platform to grow our profitable long-haul business further in the future.

This is a critical aspect because most of our customers fly on our short and medium-haul planes to connect onto our long-haul services.

If we can’t compete throughout Italy and Europe against low-cost carriers then we lose air travellers that connect onto intercontinental flights. Put simply, there is absolutely no alternative.

Details of the four pillars of Alitalia’s second phase of its business plan are:

1. A recalibrated business model

Narrow body planes for the short and medium haul will see an increase in utilisation, extra seats are being fitted, buy-on-board and ancillaries services and more attractive air fares will be introduced in a concerted drive towards increasing revenue while stripping out existing costs.

Mr Ball said: “In the short and medium-haul markets – domestic flying in Italy and throughout Europe – passengers will be able to personalise their journey. We will simplify air fares and offer customers the opportunity to purchase products such as seat selection, checked-in luggage and priority boarding throughout the booking process, and all the way up to the airport gate. On flights that are four hours or less we will introduce the buy-on-board concept that is not only commonplace with low-cost carriers but is happening more and more at traditional, network airlines. We will offer our customers a choice of ‘made in Italy’ hot and cold food, snacks and drinks at competitive prices.”

Alitalia’s wide-body intercontinental flights will be based on a full-service model and maintain an intense focus on costs and efficiency. In addition to Alitalia’s A330 fleet, the carrier’s Boeing 777s will be fitted with new in-flight entertainment and Wi-Fi. Alitalia’s new flagship aircraft, a 382 seater Boeing 777-300ER, will join the long-haul fleet in August 2017

2. Cost reductions and increased productivity

Low cost carriers currently represent 47 per cent of the Italian air travel market, the highest market penetration in Europe.

Talks are already underway with a number of the airline’s suppliers to renegotiate contracts and drive down costs to levels comparable with the competition. Target companies are in sectors such as aircraft leasing, global distribution, in-flight catering, airport ground handling and airports themselves.

3. Network and partnership optimisation

Alitalia will rebalance its fleet of aircraft by 2018, reducing its narrow-body fleet by 20. The airline will increase aircraft utilisation with a particular focus on short and medium-haul aircraft. Alitalia plans to grow its number of flights from Italy to the Americas – one of its most underserved markets – and build its presence at Milan Linate, Sicily and Sardinia. The airline will re-evaluate its transatlantic options to try and fly more often on existing routes and to add new cities in the Americas.

4. Develop new commercial initiatives by utilising technology investments to drive revenue

Alitalia has invested €200 million in the last two years on new technology and it will now use the investment to improve efficiency and productivity to drive further revenue opportunities.

Mr Ball said: “Our investment in technology will enable us to develop new sales channels and this will contribute to increasing our revenue by 30 per cent by 2019. Consumers use tablet devices and mobile phones more than ever to manage their travel experiences, and we will make it easier for them to interact with the airline. About 20 per cent of our customers already use on-line ways to book their flights and we aim to increase that figure to more than 50 per cent. Our customers will continue to notice our enhancements and realise that Alitalia has become a different airline from the past.

cms_5793/bandiera_.jpg

  • Riduzione dei costi per 1 miliardo di euro entro la fine del 2019;
  • Aumento dei ricavi del 30% entro la fine del 2019;
  • Ritorno all’utile entro la fine del 2019;
  • Flotta di breve e medio raggio ridotta di 20 aerei;
  • Nuova offerta competitiva per le rotte di breve e medio raggio.

Il Consiglio di Amministrazione di Alitalia ha approvato oggi il piano di rilancio della Compagnia che prevede una serie di misure radicali che coinvolgeranno l’intero business, indispensabili per dare stabilità alla Compagnia e garantirne la sostenibilità di lungo termine.

Il finanziamento del piano da parte degli azionisti è subordinato all’accordo con i sindacati sul nuovo Contratto Collettivo di Lavoro e sulle misure relative al personale previste nel piano di rilancio.

Il management di Alitalia incontrerà a breve i sindacati per illustrare i dettagli del piano e le ricadute sul personale e per riprendere la discussione sul nuovo Contratto Collettivo di Lavoro. L’incontro seguirà quello previsto fra la Compagnia italiana e il Governo.

Alitalia, entro la fine del 2019, ridurrà i costi – operativi e del lavoro – per 1 miliardo di euro. Nello stesso arco temporale è previsto un aumento dei ricavi pari al 30%, dagli attuali 2,9 miliardi a 3,7 miliardi entro la fine del 2019.

Advisor indipendenti ritengono che le performance finanziarie previste nel piano siano realistiche e fattibili e che riusciranno a riportare all’utile la Compagnia entro la fine del 2019.

Quattro i “pilastri” su cui si fonda il piano industriale di rilancio della Compagnia: rivisitazione del modello di business; riduzione dei costi e incremento della produttività; ottimizzazione del network di collegamenti e delle partnership; nuove iniziative commerciali attraverso soluzioni tecnologiche già disponibili.

Con l’approvazione della seconda fase del piano industriale, possiamo accelerare il rilancio di Alitalia. Nella prima fase, abbiamo ricostruito il brand e fatto importanti investimenti nella formazione del personale e nelle nuove tecnologie; progressi che ci permetteranno ora di proseguire lungo il percorso necessario di profondo cambiamento”, ha affermato l’Amministratore Delegato di Alitalia, Cramer Ball.

L’industria del trasporto aereo – ha aggiunto l’AD – è in continua evoluzione ed è caratterizzata da una concorrenza spietata: solo un cambiamento radicale potrà ridare un futuro alla nostra Compagnia. Per questo dobbiamo trasformarci in un’azienda dinamica, che possa attrarre il maggior numero possibile di clienti, compresi quelli ormai abituati alle offerte dei vettori low cost. Sono fiducioso che la prossima fase del piano industriale rappresenterà il passo indispensabile di cui abbiamo bisogno, a condizione che tutte le parti interessate facciano la loro parte”, ha sottolineato Cramer Ball.

Le misure radicali sono necessarie a garantire la sostenibilità di lungo termine di Alitalia. Un risultato che potremo conseguire solo se avremo la giusta dimensione, la giusta organizzazione, la giusta produttività e la giusta struttura di costi”, ha proseguito il manager.

Dobbiamo mettere in pratica questi cambiamenti soprattutto nelle rotte di breve e medio raggio, unico modo per poter tornare a crescere, in futuro, anche nei voli di lungo raggio”, ha detto Cramer Ball.

Si tratta di un aspetto cruciale perché la maggior parte dei nostri clienti vola nelle tratte di breve e medio raggio per proseguire poi sui collegamenti di lungo raggio. E se non saremo in grado di competere, in Italia e in Europa, con i vettori low cost, allora saremo destinati a perdere passeggeri anche sui voli intercontinentali. Alternative semplicemente non ci sono”, ha concluso Ball.

Di seguito, in dettaglio, i quattro “pilastri” che caratterizzeranno la seconda fase del piano di rilancio di Alitalia:

1. Rivisitazione del modello di business

Gli aerei narrow body per i collegamenti di breve e medio raggio voleranno di più e offriranno più posti. Verrà introdotto un nuovo servizio di acquisti a bordo insieme a tariffe più convenienti. Il tutto nell’ottica di incrementare i ricavi e ridurre significativamente i costi.

Nei collegamenti di breve e medio raggio (voli nazionali ed europei) i passeggeri potranno personalizzare l’esperienza di viaggio”, ha sottolineato Cramer Ball. “Semplificheremo le tariffe e daremo ai nostri clienti l’opportunità di acquistare servizi extra (cosiddetti ‘ancillari’), come ad esempio la scelta del posto a bordo, il trasporto del bagaglio in stiva o la priorità di imbarco”, ha proseguito il manager. “Sui voli di durata pari o inferiore alle quattro ore, introdurremo il concetto del buy on board, un servizio di acquisti di cibo e bevande durante il volo che è da tempo prassi nel mondo delle compagnie low cost e che ora si sta diffondendo sempre più anche tra i vettori tradizionali. Offriremo ai nostri clienti un’ampia varietà di scelta fra cibi caldi e freddi, snack e bevande, proponendo un servizio all’insegna dell’italianità a prezzi concorrenziali”, ha detto Ball.

I collegamenti di lungo raggio, effettuati con aerei wide body, continueranno a essere basati su un modello full-service, mantenendo comunque grande attenzione sul fronte dei costi e dell’efficienza. Dopo aver riconfigurato l’intera flotta di A330, sarà completato anche su tutti i Boeing 777 l’introduzione di un nuovo sistema di intrattenimento di bordo e di connettività Wi-Fi. Un nuovo Boeing B777-300ER entrerà in flotta in agosto diventando, con i suoi 382 posti, la nuova ammiraglia della Compagnia.

2. Riduzione dei costi e incremento della produttività

Le compagnie aeree low cost attualmente detengono il 47% della quota di mercato nel trasporto aereo italiano. E’ il dato più alto di penetrazione che si registra in Europa.

Sono già in corso negoziazioni con numerosi fornitori per rivedere i contratti e, conseguentemente, avvicinare i costi a livelli paragonabili a quelli dei concorrenti. La rinegoziazione sta avvenendo con aziende di settori chiave per la Compagnia, come quelle del leasing aereo, dei sistemi di distribuzione globale dei biglietti (GDS), del catering di bordo, dei servizi di assistenza a terra e in aeroporto.

3. Ottimizzazione del network e delle partnership

Entro il 2018 Alitalia riequilibrerà la sua flotta di breve e medio raggio (narrow body), riducendola di 20 aerei.

Crescerà al contempo l’utilizzo medio della flotta, aumentandone la produttività in particolare sulle tratte di breve e medio raggio.

Alitalia prevede inoltre di incrementare il numero dei suoi voli dall’Italia verso le Americhe – uno dei mercati in cui la Compagnia prevede i migliori margini di crescita – e di consolidare la propria offerta su Milano Linate, in Sicilia e in Sardegna.

La Compagnia intende infine rivedere la propria posizione sulle rotte transatlantiche allo scopo di aumentare le frequenze dei collegamenti esistenti e aggiungere nuove destinazioni nelle Americhe.

4. Sviluppo di nuove iniziative commerciali sfruttando gli investimenti in tecnologia per incrementare i ricavi

Negli ultimi due anni, Alitalia ha investito 200 milioni di euro in nuove tecnologie, cruciali per incrementare l’efficienza e la produttività e generare ulteriori opportunità di ricavi.

Investimenti che ora ci consentiranno di sviluppare nuove modalità e canali di vendita contribuendo così alla crescita dei nostri ricavi del 30% entro il 2019”, ha detto l’Amministratore Delegato. “I clienti che gestiscono i loro viaggi attraverso i device (tablet o smartphone) crescono sempre di più e il nostro obiettivo è rendere ancora più semplice l’interazione con i sistemi Alitalia”, ha aggiunto. “Circa il 20% dei nostri clienti prenota oggi il volo online; vogliamo raggiungere e superare la soglia del 50%. I nostri passeggeri potranno facilmente constatare come gli investimenti in tecnologia abbiano già cambiato il volto di Alitalia”, ha concluso.

Autore:

Data:

17 Marzo 2017