Traduci

ALLA VUELTA SI PARLA DI NUOVO IN ITALIANO

La decima tappa della Vuelta, di 164,8 km da Caravaca a El Pozo, è stata vinta da Matteo Trentin. Per il corridore della Quick Step-Floors, dopo l’arrivo in volata nella quarta frazione di Tarragona, questa è la seconda vittoria al Giro di Spagna. All’arrivo il ventottenne ciclista trentino ha battuto allo sprint a due lo spagnolo Rojas del team Movistar. Terzo un altro iberico, Roson Garcia della Caja Rural- Seguros RGA. “Pensavo di poter fare il bis in questa tappa – ha detto Trentin a fine gara – , perché la salita era dura ma pedalabile. Avere Rojas con me è stata una fortuna, lui è un bravo discesista e conosceva alla perfezione il percorso, perché è di queste zone”. Chris Froome resta maglia rossa e leader della classifica generale a +36 dal colombiano Chaves Rubio e da Nicolas Roche. Quarto Vincenzo Nibali a 1’17’’ e settimo Fabio Aru con 1’33’’. Davide Vilella della Cannondale-Drapac, maglia a scacchi, è leader degli scalatori con 38 pt, mentre Trentin, maglia verde, guida la classifica a punti (78). Con quella di Nibali ad Andorra, questa è la terza vittoria targata Italia alla Vuelta. Domani l’11ma frazione di 187,5 km con due gran premi di prima categoria. Partenza da Lorca e arrivo in salita all’Osservatorio Astronomico di Calar Alto.

cms_7069/fot_1.jpg

LA GARA – E’ stata una tappa molto veloce che, almeno per quasi metà percorso, ha fatto registrare la media di 52 km orari. All’incirca dopo il 90 km, Trentin e altri 18 corridori sono partiti in fuga giungendo fino al traguardo in salita di Tarragona. Nelle retrovie, e tra gli uomini di alta classifica, Nibali ha tentato l’attacco a Froome nel tratto in discesa di Collado Bermejo; ma l’inglese della Sky ha tenuto molto bene. Alla fine l’azione dello squalo non ha portato alcun secondo in saccoccia, ma è servito a dare sfoggio di un buon stato di forma. Per quanto riguarda l’arrivo, a 150 metri dal termine Trentin fa esplodere la potenza dei propri quadricipiti lasciandosi dietro il beniamino di casa, Rojas.

(Foto dal sito web della Vuelta: si ringrazia)

Data:

29 Agosto 2017