Traduci

ALTRO CHE DITTATURA…un pizzo governativo.

A leggere i quotidiani o a sentire i tg verrebbe voglia di farla finita. I cittadini, anzi gli elettori, di qualsiasi colore politico, dovrebbero riflettere non poco su quanto stia accadendo. I nostri governanti, meglio definiti l’armata Brancaleone, ci stanno massacrando considerandoci decerebrati, boccaloni e branco di pecoroni. In effetti, però, non si ribella nessuno.

cms_2878/2.jpg

Certo ci si lamenta ma oltre il mugugno non si va. Le forze dell’ordine vanno sotto processo se usano l’arma in dotazione contro delinquenti che hanno travolto un loro collega; i buonisti, solitamente al sicuro da una scorta immeritata, giustificano i rapinatori e mettono sotto accusa chi intenda difendere la propria famiglia violentata; i sindacalisti si auto gratificano con stipendi e pensioni d’oro dimenticando il loro ruolo ruolo di difensori dei lavoratori; le auto blu aumentano e “qualcuno” si regala un aereo di Stato dal costo esagerato; le pensioni minime restano al palo; personaggi pubblici indagati e rei confessi, dopo essere stati scoperti di aver intascato fraudolentemente svariati milioni di euro, non si fanno nemmeno un giorno di galera e si arrogano il diritto di richiedere una pensione di invalidità di poco meno di trecento euro; falsi invalidi regolarmente riconosciuti da medici collusi o da politici in cerca di voti e invalidi veri, anziani inamovibili, regolarmente bistrattati e ignorati in quanto non protetti da alcuno.

cms_2878/3.jpg

Potrei continuare all’infinito ma preferisco cambiare discorso. Prendiamo ad esempio il caso “canone R.a.i.” Si sta facendo un gran parlare sull’eventuale inserimento del pagamento dello stesso sulla bolletta della luce. Troppi problemi e troppe chiacchiere. La soluzione è semplicissima. Visto che molti utenti dicono di non voler vedere i canali di Stato, basterebbe mandare in onda gli stessi programmi in maniera “criptata”. Chi intendesse guardare i vari tg1-tg2-tg3 o altri programmi di intrattenimento dovrebbe per forza pagare la quota di abbonamento. Invece no, questa soluzione sarebbe troppo semplice.

cms_2878/4.jpg

La cosiddetta Televisione di stato vorrebbe mangiare a quattro bocche (canone e pubblicità) per poter elargire cachet astronomici a presidenti, giornalisti, opinionisti, autori, artisti, comici e conduttori di talk show di loro gradimento. Diversamente il non pagamento prevede una multa di diverse centinaia di euro. A tal proposito vorrei ricordarvi che alcune associazioni di consumatori hanno messo a punto una soluzione del problema. Nel caso in cui arrivassero più canoni da pagare in quanto possessori di più case, garage o cappella cimiteriale, basterebbe compilare un modulo nel quale si dichiari di non possedere alcun apparecchio televisivo nelle altre proprietà.

cms_2878/5.jpg

Ma i nostri affamati sapientoni, per quanto riportato da noti quotidiani nazionali, hanno deciso che tale dichiarazione, qualora fosse mendace, si trasformerebbe in reato penale che potrebbe condannare l’evasore sino a due anni di reclusione.

cms_2878/6.jpg

Cari lettori, nel vostro esclusivo interesse, non rischiate una simile condanna penale, anzi se proprio ci tenete, ascoltatemi bene. Fatevi eleggere in una qualsiasi lista, rubate a più non posso e, mal che vada, vi vedrete riconosciuto un vitalizio che non raggiungereste nemmeno se doveste lavorare, con uno stipendio da manager, per non meno di 250 anni della vostra vita.

Autore:

Data:

24 Ottobre 2015