Traduci

ANCORA STRAGI DI CRISTIANI MA ‘TOP SECRET’ NEL CLUB BUILDERBERG

Che cosa si siano detti i 140 ospiti al Club Builderberg che si è recentemente riunito nei pressi di Innsbruck non è certo facile da capire dal momento che anche ai giornalisti è preclusa ogni possibilità di sapere. Questa aria di mistero che avvolge da sempre il Club tanto che i suoi detrattori amano definire complotti i temi eventualmente affrontati, non cessa di alimentare timori, supposizioni e talvolta indignazione pensando che il destino del pianeta debba dipendere dalle decisioni di un gruppo di uomini a cui la Provvidenza avrebbe regalato potere e danaro.

cms_2370/bandiera_americana_e_europea.jpg

Sebbene ufficialmente si dica, che il tema riguardasse il Trattato Transatlantico di Libero Scambio ‘ tra Nord America ed Europa, la gente comune non ci sta e ipotizza scenari catastrofici per una Europa al suo interno ancora divisa e costantemente in attesa di ‘ realizzare una vera unione fiscale e monetaria che preveda un bilancio dell’eurozona , strumenti comuni di debito e una successiva vera unione politica; obiettivi che con il totale collasso della Grecia e il futuro referendum sull’Europa programmato da Camerun per una rinegoziazione dei trattati entro il 2016-17 e una possibile Europa a due velocità, riducono non poco le speranze di vita economicamente e psicologicamente serena per molti europei , Italia in testa, dove il confronto politico che vedrebbe Renzi in difficoltà nei sondaggi e Salvini in ascesa per la concretezza dei suoi programmi non fa che rendere il sistema sempre più caotico e incerto.

cms_2370/tsipras-putin-grecia-russia.jpg

Dunque , possiamo ipotizzare che Al Club Builderberg si sia discusso di Europa e di un suo nuovo eventuale assetto monetario in previsione di una uscita della Grecia dall’Euro , evento quasi certo visto che Tzipras sta trattando in contemporanea anche con Putin . Se questo è vero, Putin sarà stato al centro del dibattito dei 140 ospiti , non certo solo per la questione greca ma sicuramente per la ormai inevitabile rottura Europa –Russia voluta da Obana con le sue sempre crescenti minacce di inasprimento delle sanzioni , quelle che ,diciamolo pure, stanno distruggendo la già debole economia italiana dopo che lo stesso Putin per risposta alle sanzioni ha bloccato le importazioni dei prodotti agricoli italiani ed europei spingendo gli agricoltori non solo a ingenti perdite economiche ma anche ad una frustrante condizione lavorativa che, sommata alle decisioni di Renzi di tassare con l’IMU anche i terreni agricoli, farà forse capitolare ogni tentativo di ripresa falsamente sbandierata nei TG nazionali.

cms_2370/elezioni-in-turchia-erdogan-perde-la-maggioranza.jpg

Ipotizziamo che si sia parlato di Turchia e delle ultime elezioni che, con la vittoria dei curdi , hanno costretto Erdogan ad un governo non più da ‘califfo’ assoluto ma ad una più democratica condivisione del potere. Un evento che guarda caso, la sinistra italiana e forse anche i nostalgici parlamentari europei devoti al presidente turco, ha con delusione commentato come destabilizzante per il paese. Una vittoria invece per i veri democratici che nell’ambiguità di Erdogan hanno visto morire quella parte di libertà individuale e collettiva che il popolo turco era solito godere prima dell’ascesa di Erdogan.

cms_2370/ISIS-Iran-and-the-Rot-of-Political-Islam.jpg

Si sarà parlato quasi sicuramente di Iran e del nuovo corso politico che gli Usa intendono avviare per meglio combattere l’avanzata dell’ISIS , una strategia che solo il tempo potrà ritenere vincente.

cms_2370/stragi_cristiani_in_nigeria_prima.jpg

Ma di Stragi dei cristiani , come quelli più recenti in Nigeria , ci sarà stato qualcuno dei 140 ospiti illustri che ne abbia parlato? Qualcuno ha osato alzare la voce indignato per accusare l’ Europa e persino Obama di indifferenza ritenendo che questi attacchi non siano dovuti ad odio di religione ma a problemi di lotte di potere all’interno dei paesi islamici? Sempre ipotizzando cosa e come siano andate le discussioni all’interno del Club la cui sede era sorvegliata e protetta da gruppi di polizia armati e da sistemi di controllo elettronici, quasi sicuramente nessuno avrà aperto bocca su questa drammatica e ripugnante pratica di morte ad opera di ribelli islamici definiti ‘nuovi macellai’, che continua indisturbata a mozzare teste lasciando intere famiglie in un dolore senza fine , immenso quanto la vastità del cielo.

cms_2370/cristiani.jpg

Come potrebbe un club dove le lobby internazionali si contendono poteri fiscali per meglio governare il mondo, pensare di sprecare mezzi, uomini e danaro per difendere le vite insignificanti di chi per scelta ha osato credere in un Dio che con il potere terreno non ha nulla a che vedere?

cms_2370/dolretro.jpg

Nel nuovo ordine Mondiale ,’ Novus Ordo Seclorum’ (motto latino riportato sui dollari degli Usa) che il Club vorrebbe realizzare non ci sarebbe posto per le religioni soprattutto per quelle monoteiste che verrebbero sostituite da un credo globale di ispirazione esoterica che non si intrometta nelle questioni politiche e negli affari.

cms_2370/dei_dello_spirito_.jpg

Dunque l’Europa ,che tranne una sola volta ha fatto sentire la sua voce ma solo perché invocata da alcuni parlamentari italiani democristiani che ne discussero anche in parlamento, è rimasta sempre silenziosa di fronte alle stragi continue di cristiani da parte di fanatici islamici. Mai accuse ufficiali contro i paesi arabi musulmani in difesa dei cristiani né mai blocchi commerciali come è invece è avvenuto per la Russia le cui questioni ,risolvibili con il buon senso, dimostrano che i massacri motivati da odio religioso sarebbero inesistenti. Allora, il futuro del mondo dipende dalle decisioni del CLUB? Forse no. Con un pizzico di ottimismo forse in questo Nuovo Ordine Mondiale a prevalere non sarà il dio danaro ma il Dio dello Spirito e il mondo voluto dai pochi sarà il mondo dei molti ,di quelli che ancora credono che la fede possa spostare le montagne e abbattere i demoni dei potenti.

Data:

20 Giugno 2015