Traduci

Esplosione in base militare russa, 2 morti e rischio radiazioni

Esplosione in base militare russa, 2 morti e rischio radiazioni

cms_13759/basemilitare_russia_ft.jpg

Due persone sono morte in seguito alle ferite riportate, e altre quattro sono rimaste ferite, in una base militare russa sul Mar Bianco di Severodvinsk, nella regione di Arkhangelsk, nell’esplosione di un motore per missile, a causa del combustibile liquido, durante un test, ha reso noto il ministero della difesa. La portavoce del comune di Severodvinsk ha denunciato un aumento temporaneo del livello delle radiazioni. Fra le vittime, funzionari del ministero della difesa e rappresentanti dell’industria.Nei giorni scorsi, una catena di esplosioni e un incendio in un’altra base militare in Siberia ha provocato la morte di una persona. In un primo momento la Tass aveva parlato di un’esplosione avvenuta a bordo di un’unità della marina. Il governatore della regione ha escluso la necessità di ordinare l’evacuazione dei residenti della zona in cui è avvenuto l’incidente.

Soldato ucciso in Cisgiordania, Jihad esulta

cms_13759/soldati_ft.jpg

Un giovane soldato israeliano è stato ucciso in Cisgiordania. Il corpo del militare 18enne è stato ritrovato nei pressi di Efrat, secondo quanto riferiscono i media israeliani. Sul corpo del soldato, segni di coltellate. Nella zona è in corso una caccia all’uomo per individuare i responsabili dell’uccisione del militare, la cui scomparsa era stata segnalata ieri. “E’ un grave attacco terroristico”, ha detto il portavoce delle forze di sicurezza israeliane (Idf), Ronen Manelis, citato dal ’Jerusalem Post’.Le autorità israeliane hanno reso nota l’identità del soldato, Dvir Sorek, originario dell’insediamento di Ofra, in Cisgiordania. Sorek, che secondo le ultime notizie aveva 19 anni, studiava in una yeshiva (un seminario religioso) e aveva iniziato il servizio militare. Stando ai media israeliani, il giovane non era in divisa al momento dell’attacco e potrebbe essere stato catturato prima di essere ucciso.

La Jihad Islamica palestinese esulta dopo l’uccisione del giovane soldato israeliano. Il gruppo, segnala il sito israeliano Ynet, parla di un “atto eroico che manda un segnala importante”.

I militari israeliani danno la caccia ai responsabili dell’uccisione del giovane soldato trovato morto in Cisgiordania e li prenderanno “vivi o morti”. Parola di Benny Gantz, l’ex capo di Stato Maggiore israeliano ora alla guida del partito Blu e Bianco. “Faccio le mie condoglianze ai genitori del soldato assassinato nella notte – ha detto Gantz in dichiarazioni rilanciate da Ynet – Le Idf e le forze di sicurezza metteranno le mani su questi spregevoli assassini, vivi o morti”.

“Le forze di sicurezza israeliane danno la caccia al bieco terrorista per regolare i conti” ha affermato il premier israeliano Benjamin Netanyahu, che ha parlato di un “grave attacco”. Intanto, secondo i media israeliani, le forze di sicurezza stanno perlustrando la località palestinese di Beit Fajjar, che si trova vicino alla zona in cui è stato ritrovato il corpo del soldato.

Le nostre forze di sicurezza israeliane “stanno dando la caccia agli assassini e non si fermeranno fin quando non li troveranno”. E’ quanto afferma il presidente israeliano, Reuven Rivlin, dopo l’uccisione del giovane soldato israeliano trovato morto in Cisgiordania. “Combattiamo il terrorismo senza compromessi per garantire la sicurezza del nostro popolo”, aggiunge il presidente israeliano in una dichiarazione rilanciata dai media locali.

Sos Mediterranee: “Malta ha negato rifornimenti alla nostra nave”

cms_13759/malta_porto_xin.jpg

Le autorità maltesi si sarebbero rifiutate di consentire rifornimenti di carburante alla Ocean Viking, la nave gestita in collaborazione da Medici Senza Frontiere (Msf) e Sos Mediterranee. E’ questo quanto ha denunciato una portavoce di Sos Mediterranee, nelle dichiarazioni all’agenzia tedesca ’Dpa’. Secondo la fonte, erano stati presi accordi per le operazioni di rifornimento previste per la giornata di ieri. I dettagli, ha aggiunto, erano stati confermati da un intermediario, ma poi le autorità maltesi avrebbero comunicato via radio l’assenza di autorizzazioni.La portavoce ha chiarito che le organizzazioni sono alla ricerca di soluzioni alternative, ma non è entrata nei dettagli. Nessun commento, almeno sinora, da Malta. La Ocean Viking, che può ospitare a bordo fino a 200 persone, è partita domenica da Marsiglia diretta verso la Libia.

El Paso, la madre del killer avvertì la polizia

cms_13759/elpaso_strage_ft.jpg

Aveva chiamato la polizia perché era preoccupata per il fatto che suo figlio avesse un fucile: la mamma del sospetto autore della strage di El Paso, il ventunenne Patrick Crusius, aveva non pochi timori settimane prima della tragedia. I legali della famiglia hanno confermato alla Cnn che la donna aveva chiamato la polizia di Allen, in Texas, preoccupata per quel fucile ’Ak’ di suo figlio, vista la giovane età e la poca esperienza.

Ma era stata rassicurata dall’ufficio a cui era stata trasferita la sua chiamata: il giovane, hanno riferito i legali Chris Ayres e R. Jack Ayres, poteva detenere quel fucile. E alla polizia la donna non aveva fornito generalità, si trattava di una semplice richiesta ’informale’ di chiarimenti. Non è chiaro se l’arma in questione sia quella utilizzata nella strage. Crusius è in isolamento in carcere a El Paso.

Emorragia cerebrale per Alain Delon

cms_13759/alaindelon_serio_repertorio_afp.jpg

L’attore Alain Delon ha avuto un’emorragia cerebrale “lieve”. Attualmente si sta riprendendo in una clinica elvetica. “Le sue condizioni si sono stabilizzate” ha detto il figlio Anthony Delon alla stampa francese spiegando che il padre, 83 anni, “è stato operato nell’ospedale parigino Pitié-Salpétriere, dove ha trascorso tre settimane in terapia intensiva”.

Forte scossa in Turchia

cms_13759/ingv_repertorio_ipa_fg.jpg

Un terremoto di magnitudo 6 ha colpito la provincia di Denizli, nella Turchia occidentale. L’epicentro del sisma è stato registrato nella zona del distretto di Bozkurt, secondo quanto ha reso noto la Protezione civile turca (Afad). La scossa è stata avvertita alle 14.25 ora locale (le 13.25 in Italia) ed è stata seguita da un’altra di magnitudo 4.2. Al momento non ci sono notizie di vittime o danni materiali.

Autore:

Data:

9 Agosto 2019