Headlines

Traduci

App Immuni, 500mila download in 24 ore(Altre News)

App Immuni, 500mila download in 24 ore

cms_17747/immuni_app_cell_fg_ipa.jpg

“Dopo 24 ore abbiamo già avuto 500mila download, questo significa che l’applicazione è stata apprezzata nella sua semplicità e i cittadini ne hanno capito l’utilità”. Lo ha detto la ministra per l’Innovazione Paola Pisano al Tg1 parlando della App Immuni. “Ad oggi – ha aggiunto la ministra – siamo il primo grande Paese in Europa ad utilizzare una tecnologia del genere per il contrasto del coronavirus, siamo tra i primi paesi al mondo. L’applicazione è stata sviluppata nel pieno rispetto della privacy della normativa italiana ed europea”.

Esprimendo grande soddisfazione per il gran numero di download, la ministra ricorda come l’app sia la più scaricata nella giornata sugli store di Apple e Google.

Nel Lazio nuova ordinanza: con 37,5 non si entra

cms_17747/coronavirus_Roma_Colosseo_Afp.jpg

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato l’ordinanza ’Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-2019. Riavvio di attività economiche, produttive e sociali a decorrere dal 18 maggio 2020’. Nell’ordinanza si prevede, tra l’altro, che “non sono consentiti spostamenti in ingresso e sul territorio della Regione” a “soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C) che devono rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante e a “soggetti già sottoposti a sorveglianza sanitaria attraverso isolamento fiduciario”.

Secondo l’ordinanza “i vettori e gli armatori del trasporto interregionale di linea aereo, marittimo e ferroviario, per gli ingressi dedicati ai treni Av e Ic, provvedono alla misurazione della temperatura dei singoli passeggeri all’imbarco e vietano lo stesso in caso di stato febbrile maggiore di 37,5°C; i vettori e gli armatori del trasporto interregionale aereo e marittimo del porto di Civitavecchia provvedono alla misurazione della temperatura dei singoli passeggeri anche allo sbarco”. “Il passeggero residente in regioni diverse dal Lazio che, allo sbarco, presenta temperatura maggiore di 37,5°C, contatta il numero unico regionale dedicato 800.118.800 che, all’occorrenza, attiva il Sisp di competenza territoriale per la presa in carico, l’eventuale apertura della procedura di isolamento e per l’effettuazione del test molecolare, anche attraverso l’accesso presso le sedi regionali ’drive in’; fino all’esito del test diagnostico molecolare la persona è tenuta a restare in isolamento presso il proprio domicilio, osservando le note misure di distanziamento sociale, di igiene e di protezione”, si legge nell’ordinanza.

“Il passeggero residente nel Lazio che non ha effettuato l’imbarco, ovvero il passeggero residente che allo sbarco presenta temperatura maggiore di 37,5° C, deve contattare il proprio Mmg/pls scelta per segnalare la sintomatologia e per la conseguente presa in carico secondo le modalità stabilite dalle linee guida regionali”, dice l’ordinanza del Lazio.

“Allo scopo di continuare a prevenire fenomeni di sovraffollamento presso gli uffici deputati al rilascio del certificato di esenzione per reddito E01, E02, E03, E04 e per esenzione per patologia, la scadenza del 30 giugno 2020 disposta con le ordinanze Z0005 del 9 marzo 2020 e Z0006 del 10 marzo 2020 è differita al 31 dicembre 2020, fermo l’obbligo degli assistiti di comunicare all’Azienda sanitaria di appartenenza eventuali variazioni intervenute, restando salva ogni diversa misura a cura della Direzione salute e integrazione socio-sanitaria in raccordo con l’Unità di crisi regionale”, conclude il provvedimento.

È morto Roberto Gervaso

cms_17747/Gervaso_Adn.jpg

Lo scrittore e giornalista Roberto Gervaso, autore di successo di numerosi libri, in particolare biografie di celebri personaggi, e protagonista tra i primi della grande divulgazione storica in Italia, è morto, dopo una malattia, all’età di 82 anni in ospedale a Milano. Lascia la moglie Vittoria e la figlia Veronica, giornalista del Tg5. E’ stato anche un popolare personaggio della tv dove appariva sempre con il suo immancabile papillon ed è noto per i suoi aforismi.

Roberto Gervaso è nato a Roma il 9 luglio 1937. Ha studiato in Italia e negli Stati Uniti e si è laureato in lettere moderne, con una tesi sul filosofo Tommaso Campanella. Ha collaborato a quotidiani e periodici, alla radio e alla televisione, e per decenni si è dedicato alla divulgazione storica, sua grande passione, come testimoniano decine di libri pubblicati da Rizzoli, Bompiani e Mondadori.

Gervaso inizia l’attività giornalistica nel 1960 al “Corriere della Sera”, presentato da Montanelli. Tra il 1965 e il 1970 firma, insieme a Montanelli, i primi sei volumi della “Storia d’Italia” edita da Rizzoli, acquisendo grande notorietà. E’ Gervaso che cura con dettagliata precisione la scansione cronologica dell’Italia “dai secoli bui” del Medioevo a quella del Settecento illuminista e riformatore. Nel 1967, per uno di quei volumi, “L’Italia dei Comuni. Il Medio Evo dal 1000 al 1250”, Gervaso e Montanelli vinceranno il Premio Bancarella. Gervaso è poi tornato a vincere da solo il suo secondo Premio Bancarella nel 1973 con la biografia “Cagliostro” (Rizzoli; nuova edizione con il titolo “Il grande mago. Vita, morte e miracoli del conte di Cagliostro”, Rizzoli, 2002).

Dopo lo straordinario successo di vendite di “Cagliostro”, Gervaso ha pubblicato altre sei biografie storiche da Nerone a Casanova, dai Borgia a Claretta Petacci, tutti volumi usciti tra gli anni ’70 e ’80 da Rizzoli. Ha scritto anche “La monaca di Monza. Venere in convento” (Bompiani, 1984). Con “La bella Rosina. Amore e ragion di Stato in Casa Savoia” (Bompiani, 1991) ha fatto conoscere a un vasto pubblico Rosa Vercellana, l’amante e in seguito la moglie morganatica del re d’Italia Vittorio Emanuele II di Savoia.

Nella sua vasta bibliografia di oltre 60 titoli, un grande giallo storico, “Scandalo a corte”; due raccolte di grandi storie d’amore, “Appassionate” e “Amanti”; sei raccolte d’interviste; una raccolta d’interviste immaginarie, tre raccolte di aforismi; un volume di confessioni, uno di galateo erotico, uno sui sentimenti. Tra i suoi libri più recenti: “Italiani pecore anarchiche” (2003), “Qualcosa non va” (2004), “Ve li racconto io” (2006) e “Io la penso così” (2009). Le sue opere sono tradotte negli Stati Uniti, in Canada, in America Latina, Spagna, Portogallo, Gran Bretagna, Francia, Germania, Giappone, Bulgaria, Polonia, Romania.

Gervaso è stato tra i primi commentatori della nascente tv commerciale di Silvio Berlusconi, dove il pubblico imparò subito a conoscerlo per il papillon che indossa quotidianamente e per l’eloquio brillante e pungente. A partire dal 1996 ha condotto il programma “Peste e Corna”, andato in onda dal lunedì al venerdì su Retequattro, fino al 1999, con share del 10-15% (dal 2000 al 2005 è diventata la rubrica “Peste e corna… e gocce di storia”).

PAPILLON – Mai in cravatta, solo con il papillon. Secondo Dagospia, l’informatissimo sito di gossip e mondanità di Roberto D’Agostino, nel guardaroba di Roberto Gervaso ci sono 300 cravatte a farfalla, oltre a cento cappelli (“tutti Borsalino, li porto sempre. Un po’ per proteggermi, un po’ per vezzo”). Ma perché ha una predilezione per i papillon? “Per farmi notare”, rispose anni fa lo scrittore e giornalista in un’intervista. “Di quelli veri, che annodo io – spiegò – La differenza che passa tra un farfallino finto già annodato e uno vero da annodare è come quella tra le uova di lompo e il caviale beluga”. Tra i creatori di papillon per Gervaso anche lo stilista romano Alberto Valentini. E qualcuno dei grandi papillon indossati dal giornalista è partito anche dal laboratorio ’Al ties’ di Novara, tagliato su misura per lui che amava il formato extra large.

AFORISMI – Scrittore, giornalista e… aforista. Gervaso era considerato ’il principe degli aforismi’, da lui disseminati in libri, articoli e in discorsi televisivi e radiofonici. Ha scritto: “L’aforisma è un lapillo dell’intelligenza”. E sulla breve frase fulminante e brillante che condensa un principio morale, filosofico o esistenziale ha aggiunto: “La concisione è l’arte di dire molto con poco; la prolissità, di dire niente con troppo”. I suoi tanti aforismi sono stati raccolti in quattro volumi: “Il grillo parlante” (Bompiani, 1983), “La volpe e l’uva” (Bompiani, 1989), “Aforismi” (Ten, 1994), “La vita è troppo bella per viverla in due” (Mondadori, 2015). Eccone alcuni:

*L’uomo è nato per soffrire. E ci riesce benissimo.

* Ci adattiamo a tutto. Ma guai a saperlo prima!

* Non è nessuno, ma credendosi tutto, riesce a sembrare qualcuno.

* Niente ci fa perdere più tempo della fretta.

* Donne: diavoli senza i quali la vita sarebbe un inferno.

* La bellezza si vede; il fascino si sente.

* La verità è più facile dirla che conoscerla.

* Quando un’alba o un tramonto non ci danno più emozioni, significa che l’anima è malata.

* “Siamo nati per morire”. Se l’avessi saputo prima!

* Com’è difficile parlar bene di qualcuno in sua assenza.

* Se Dio è imperscrutabile nell’aldiqua perché non dovrebbe esserlo nell’aldilà?

* Cìè una sola cosa peggiore di un amore che finisce: uno che ricomincia.

*Ci sono matrimoni felici, ma non ci sono matrimoni perfetti.

* Chiediamo agli altri quelle cose che preferiremmo non fare se venissero chieste a noi.

* Niente mi fa più ridere di chi vuol farmi ridere a qualunque costo.

* L’Italia: un Paese che sta in piedi perché non sa da che parte cadere.

* L’ozio è il padre di quei vizi che ce lo fanno amare.

* Quando si ama, anche la gassosa sa di champagne; quando non ci si ama più, anche lo champagne sa di gassosa.

* Il matrimonio nasce da un equivoco che l’adulterio svela e il divorzio risolve.

* Ricordiamo il bene che abbiamo fatto e il male che ci hanno fatto.

* Scendere a compromessi è un modo come un altro per salire.

* Se tutti si sposano vuol dire che nel matrimonio qualcosa di perverso c’è.

* La fortuna è il nome che diamo al successo altrui.

* Adulteri si nasce; cornuti si diventa.

* Non si è mai felicemente sposati. O si è felici o si è sposati.

* L’italiano non giudica i politici per quello che fanno – o non fanno – nell’interesse della nazione, ma per quello che fanno – o non fanno – nell’interesse suo.

* Diamo volentieri una mano a chi sta in basso purché non salga troppo in alto.

* Il Paradiso è pieno di santi che non hanno avuto abbastanza occasione di peccare.

* L’italiano vorrebbe più leggi per avere più occasioni di trasgredirle.

Lombardia, piogge e allagamenti

cms_17747/Milano_maltempo_nuvole_cielo_Fg.jpg

Una violenta ondata di maltempo ha colpito la Lombardia, in particolare le zone di Como, Lecco, Milano e Bergamo, ha provocato allagamenti e problemi nella circolazione. Nel Bergamasco si sono registrati eccezionali grandinate, in particolare nelle cittadine di Alzano Lombardo e Nembro, dove le strade sono state coperte da un manto bianco alto fino a trenta centimetri. Tra le strade chiuse la provinciale 36 Nembro-Selvino. I forti temporali hanno fatto scattare l’allarme esondazione a Milano, rientrato solo in serata dopo che è spiovuto, con il Seveso che è rimasto sotto controllo.

Brescia, ucciso a colpi di roncola durante lite

cms_17747/carabinieri_auto_Fg_7.jpg

Omicidio nella notte ad Esine, nel bresciano. Un uomo di 53 anni ha ucciso un conoscente, di 59 anni, a colpi di roncola nel corso di una lite per futili motivi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Esine, della compagnia di Breno e del nucleo investigativo del comando provinciale di Brescia.

A quanto si apprende, la vittima era stata allontanata da casa sua per maltrattamenti in famiglia e stava scontando i domiciliari a casa del 53enne. Quest’ultimo, in una lite per futili motivi, ha preso la roncola e ha ucciso il conoscente. L’omicidio è avvenuto in un contesto di degrado. I carabinieri hanno trovato l’assassino sporco di sangue e l’arma del delitto. L’uomo è stato arrestato.

Autore:

Data:

3 Giugno 2020