Traduci

Arriva l’app anti-spreco “VAI NON SPRECO”

L’app “Vai non spreco” è stata lanciata a Baranzate, in provincia di Milano, con un finalità solidaristica importante: aiutare le famiglie meno agiate ad accedere a prodotti scontati, alimentari e non. Il progetto porterà vantaggi anche all’economia locale, che vive un serio momento di crisi con sempre più saracinesche chiuse ogni anno per colpa della crisi.

In concreto, come funzionerà l’app denominata “anti-spreco”?

cms_7412/2.jpgIl programma aiuterà gli esercenti locali a mettere in rete i prodotti scontati a fine giornata, dando la possibilità alle famiglie di acquistare in tempo reale articoli alimentari (e non solo) a un prezzo decisamente più conveniente. Questa innovazione tecnologica è inserita nell’ambito del #Vai, il progetto sostenuto dal bando “Welfare di comunità” della Fondazione Cariplo. «È nata come un’azione di sostegno alimentare, ma è diventata molto di più», spiega Samantha Lentini – direttrice dell’Associazione Rotonda, tra i partner del progetto – che si è occupata proprio di seguire lo sviluppo e la diffusione dell’app. Un meccanismo semplice, che permette ai negozianti di postare le proprie offerte a fine giornata e alle persone di geolocalizzarle e visualizzarle sul proprio smartphone. «Per le persone che vivono difficoltà economiche è un modo per risparmiare ma anche una maniera per avere accesso a prodotti che altrimenti non comprerebbero». Gli sconti si aggirano, in genere, intorno al 30%. «Siamo riusciti a coinvolgere nel circuito anche negozi di abbigliamento. L’obiettivo è quello di includere tutte le categorie merceologiche», continua Lentini. L’app è costata 7mila euro per lo sviluppo e conta oggi 92 utenti attivi, che interagiscono con una rete di otto esercenti, tra cui due bar, un panificio, una salumeria, un ortofrutta, una cartoleria, un negozio di giocattoli e uno di vestiti. In realtà, questa non è solo una piattaforma su cui monitorare gli sconti. Sull’appsi possono consultare anche molte altre iniziative anti-spreco legate a #Vai, come gli swap parties, incontri in cui ci si scambiano oggetti usati, vestiti, giocattoli, articoli sportivi e di bricolage. Insomma, si tratta di una visione solidaristica a 360 gradi, basata sul concetto che quello di cui io non ho più bisogno, magari può diventare utile per qualcun altro. Ben vengano iniziative così interessanti, che possano in concreto dare una mano ai più bisognosi.

Data:

10 Ottobre 2017