Traduci

ARTE E MISTERO (Parte IV^)

Concludiamo il nostro viaggio attraverso i quadri più misteriosi della storia nell’arte con Las Meniñas di Diego Velázquez In Las Meniñas il grande pittore seicentesco rappresenta se stesso intento a realizzare un ritratto dei Reali di Spagna. Ma i punti di vista si ribaltano e il nostro sguardo arriva a coincidere con quello del re e della regina, che scorgiamo solo in fondo, nel riflesso di uno specchio. La scena appare infatti interamente occupata dagli spettatori del lavoro di Velàsquez, con l’Infanta Margarita circondata dalle damigelle, dal cane e dalla nana Mari-Barbola.

cms_32850/1.jpg

In Las Meniñasil grande pittore seicentesco rappresenta se stesso intento a realizzare un ritratto dei Reali di Spagna. Ma i punti di vista si ribaltano e il nostro sguardo arriva a coincidere con quello del re e della regina, che scorgiamo solo in fondo, nel riflesso di uno specchio. La scena appare infatti interamente occupata dagli spettatori del lavoro di Velàsquez, con l’Infanta Margarita circondata dalle damigelle, dal cane e dalla nana Mari-Barbola.

Nell’opera, Velasquez ritrae la famiglia reale, che posa per uno dei tanti ritratti realizzati dall’artista come quello esposto al Prado che ritrae la figlia di Filippo IV. Un altro celebre ritratto dell’Infanta Margherita si trova al Louvre di Parigi. Anche al centro di questo dipinto si trova la bambina accompagnata da dame di corte. Alla destra di Margherita si trova Doña Maria Augustina de Sarmiento. A sinistra della piccola invece si trova Doña Isabel de Velasco. Sul fondo, dietro le dame di corte, si apre una porta e compare José Nieto che osserva la scena. Ciò che colpisce di più di quest’opera è la complessità spaziale e il gioco di specchi messo in scena da Velazquez. Il pittore nel dipinto sembra guardare noi, ma in realtà fissa la coppia reale collocata al di fuori del quadro in posa e riflessa nello specchio appeso sulla parete di fondo. Noi spettatori ci troviamo quindi nella stessa posizione occupata dal re e dalla regina. Un altro aspetto straordinario di questa grande tela è la tecnica pittorica. Lo si vede bene nelle mani del pittore e del nano a destra: con poche e veloci pennellate l’artista rende perfettamente il movimento delle dita, cogliendo un attimo fuggente, come da effetto fotografico.

Las Meninas è un capolavoro sotto il profilo stilistico e compositivo (e come vedremo molto interessante per una doppia lettura simbolica). Il dipinto raffigura l’Infanta Margherita (e la famiglia Reale spagnola) e lo stesso Diego Velázquez nell’atto di dipingere. Al centro osserviamo l’Infanta Margherita, figlia di Filippo IV e Marianna D’Austria. L’Infanta, di 5 anni circa, è circondata dalle dame di corte, Doña Maria Augustina de Sarmiento, e Doña Isabel de Velasco – da qui il titolo (postumo) Las Meninas. Sulla destra possiamo osservare i due nani di corte Nicolasito Pertusato ed accanto a lui Mari-Bàrbola.

Nello specchio (elemento molto importante nel dipinto) vediamo riflesse le figure dei genitori, i Reali spagnoli. Il cane della famiglia è accucciato sul pavimento.

Il quadro è ambientato nello studio del pittore Velázquez, nel Real Alcázar di Madrid di Filippo IV, a Madrid. Sulla sinistra troviamo un autoritratto del Maestro, intento a dipingere una tela, con la tavolozza e il pennello in mano – il retro della tela occupa una parte importante dell’opera.

Las Meninas è considerato un capolavoro che consente più letture stratificate. Apparentemente, è un semplice ritratto di corte. In realtà, si tratta anche di una operazione di propaganda su quanto l’arte possa riprodurre efficacemente la realtà.

L’interpretazione della scena si presta a considerare diverse letture. Nel dipinto, infatti, compaiono alcuni elementi che creano un senso di mistero. Per questo, nel tempo, l’opera ha suscitato alcuni interrogativi rispetto alle scelte compositive di Velazquez. Un primo interrogativo sorge sul perché i due reali compaiono nel riflesso dello specchio. I commentatori hanno elaborato diverse teorie. Una di queste ipotizza che in realtà i due sovrani spiassero in penombra la scena di posa. La luce proveniente dal fondo, dove si trova Nieto, rivela invece la loro presenza. Poi qualcuno si è chiesto quale dipinto stia realizzando Velazquez.

Probabilmente, lo stesso Diego Velasquez dipinse Las Meninas con l’intenzione di lasciare spazio a diverse interpretazioni. L’arrivo del cortigiano José Nieto sul fondo non ha una spiegazione rispetto alla sua funzione sulla scena. Poi, non è chiara la situazione dei reali riflessi nello specchio, se siano giunti al momento o se stiano osservando l’artista al lavoro. La presenza, infine, di Velasquez nel dipinto sta forse ad indicare l’intenzione di celebrare se stesso oppure di sancire la sua presenza alla corte di Filippo IV. Sicuramente, la sua intenzione fu quella di dichiarare l’assoluta superiorità della pittura sulle altre arti in qualità di esercizio intellettuale.

—————————————————————————————–

https://www.internationalwebpost.org/contents/ARTE_E_MISTERO_(I%5E_Parte)_32604.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/ARTE_E_MISTERO_(II%5E_Parte)_32685.html

https://www.internationalwebpost.org/contents/ARTE_E_MISTERO_(III%5EParte)_32764.html

—————————————————————————————–

Data:

20 Dicembre 2023