FRANCESCO IN CANADA: IL BILANCIO DEL VIAGGIO PENITENZIALE

FRANCESCO_IN_CANADA_IL_BILANCIO_DEL_VIAGGIO_PENITENZIALE.jpeg

cms_26947/0.jpg"La visita del Papa è stata una benedizione". Con queste parole il capo indigeno Wilton Littlechild, Aquila dorata, ha elogiato il Santo Padre dopo i due giorni trascorsi in Canada. Un viaggio voluto fortemente dal pontefice, che sancisce un punto di rottura con la quotidianità, mettendo in chiaro la direzione che la Chiesa deve intraprendere.

La partenza dalla capitale dello stato canadese per l’aeroporto nazionale del Quebec è l’ennesimo capolavoro targato Bergoglio, che non ha nessuna intenzione di fermarsi. L’intento alla base di questa decisione è stato quello di ristabilire la pace tra le varie comunità indigene. Una popolazione che ha una storia complessa, condita da grandi momenti di tensione. Per questo, la città di Quebec, seconda città più popolosa dopo Montreal, è un punto cruciale nel viaggio canadese di Francesco. Questa città, il cui nome significa letteralmente "là dove si stringe il fiume", ha svariati caratteri europei, come l’architettura francese.

cms_26947/Foto_1.jpg

In questo frangente, Bergoglio non rappresenta solamente il capo della Chiesa cattolica, ma si pone come ambasciatore della pace. La Chiesa sta vivendo una grave crisi spirituale, che vede gli stessi credenti smarriti, incapaci di rialzarsi dinanzi al male che dilaga. Pertanto, l’esempio di un Francesco spiritualmente forte e desideroso di costruire la pace è un tassello fondamentale per tutta l’umanità. In ballo c’è il destino di molti, perché ognuno di noi fa parte di questo enorme mosaico che si chiama vita. Aprirsi al dialogo, anche con altre professioni di fede, non è segno di debolezza, bensì di grande capacità di aprire gli occhi e il cuore al mondo intero.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram