TAIWAN, TAIPEI:"CINA PREPARA INVASIONE"

- Mo, raid Israele a Nablus: ucciso leader Brigate Martiri al_Aqsa - Nato, Biden firma ratifica adesione Svezia e Finlandia

notizie_dal_Mondo.jpg

cms_27103/taiwan_cina_afp.jpgTaiwan, Taipei: "Cina prepara invasione"

"Le forze armate cinesi stanno circondando l’isola di Taiwan con manovre aeree e marittime per preparare un’invasione". Lo ha affermato il ministro degli Esteri di Taiwan Joseph Wu sostenendo che "l’obiettivo finale di Pechino è quello di alterare gli equilibri di potere nell’Asia-Pacifico".

Le forze armate di Pechino, l’Esercito popolare di liberazione, ha annunciato che continueranno oggi le esercitazioni militari attorno all’isola di Taiwan. Attraverso il social network Weibo, l’equivalente cinese di Twitter, l’Esercito popolare di liberazione ha fatto sapere di continuare ’’a svolgere pratiche congiunte nello spazio aereo e marittimo intorno all’isola di Taiwan’’. Le manovre condotte dai militari di Pechino sono state definite da Taiwan ’’irresponsabili’’.

***** ***** ***** ***** *****

cms_27103/mo_israele_afp.jpgMo, raid Israele a Nablus: ucciso leader Brigate Martiri al-Aqsa

Il leader delle Brigate dei Martiri di al-Aqsa, Ibrahim Nabulsi, è stato ucciso in un’operazione israeliana a Nablus, in Cisgiordania. Lo riporta il Jerusalem Post ricordando che Nabulsi era ricercato da tempo e più volte era fuggito al tentativo israeliano di arrestarlo. Le Forze della difesa israeliana hanno confermato che il terrorista ricercato è morto in uno scontro a fuoco tra i miliziani palestinesi e i militari di Tel Aviv che hanno fatto irruzione nell’abitazione di Nabulsi.

Secondo le Forze della difesa israeliane, nel raid ha perso la vita anche un altro palestinese che era all’interno della casa di Nabulsi. Non si sono registrati feriti o vittime tra le forze israeliane.

Secondo quanto riporta la Mezzaluna Rossa palestinese, almeno trenta palestinesi sono rimasti feriti, di cui quattro in modo grave, in seguito al raid. I feriti sono stati trasportati in ospedale per ricevere le cure necessarie. Tra loro ci sarebbe anche una donna.

Le autorità israeliane hanno intanto riaperto il valico di Erez con la Striscia di Gaza per i lavoratori provenienti dall’enclave palestinese. Lo riporta l’agenzia di stampa Walla. Il valico di Erez era stato chiuso in seguito al lancio dell’operazione Breaking Dawn ed era stato riaperto ieri sono per obiettivi umanitari.

***** ***** ***** ***** *****

cms_27103/biden_firma_nato_afp.jpgNato, Biden firma ratifica adesione Svezia e Finlandia

Il presidente americano Joe Biden ha firmato ieri il documento di ratifica dell’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato, dopo il voto favorevole del Senato. E’ un momento "spartiacque per l’Alleanza, per una maggiore stabilità della sicurezza non solo in Europa e gli Stati Uniti, ma nel mondo intero", ha detto Biden, parlando accanto agli ambasciatori di Svezia e Finlandia.

"In un momento in cui la Russia di Putin distrugge la pace e la sicurezza in Europa, mentre gli autocrati sfidano le fondamenta di un ordine basato sulle regole, la forza dell’alleanza transatlantica e dell’impegno americano nei confronti della Nato è più importante che mai", ha aggiunto il presidente citato dal sito The Hill.

Gli Stati Uniti sono il 23esimo dei 30 membri della Nato ad aver ratificato l’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato, un passo provocato dall’aggressione militare russa all’Ucraina. Il Senato americano ha approvato l’adesione dei due Paesi con 95 voti favorevoli e un contrario.

Redazione Esteri

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram