Traduci

Assange potrà fare appello contro l’estradizione in Usa: la decisione dell’Alta Corte britannica

(Adnkronos) – Il cofondatore di Wikileaks Julian Assange potrà ricorrere in appello contro la sua estradizione negli Stati Uniti. Lo hanno deciso i giudici dell’Alta Corte britannica, secondo quanto riporta Sky News. I giudici britannici hanno infatti riconosciuto che non sono infondate le preoccupazioni della difesa di Assange che il giornalista possa affrontare negli Stati Uniti un processo non equo. Se processato per i 18 capi d’imputazione attribuitigli, il giornalista rischia una condanna fino a 175 anni di detenzione, secondo l’Espionage Act, in condizione come le attuali, che due relatori dell’Onu hanno definito “assimilabili alla tortura”. Questa vecchia legge del 1917 è stata rispolverata in America anche nel caso della whistleblower Chelsea Manning.  Nel processo di primo grado la possibilità di presentare un ultimo appello non era stata concessa al giornalista australiano, per il quale ora l’Alta Corte britannica chiede che – nel caso di estradizione – possa usufruire delle garanzie di tutela offerte dal Primo Emendamento, come qualsiasi altro cittadino degli Stati Uniti, oltre a escludere l’eventualità che le accuse contro di lui siano in qualche modo suscettibili di arrivare alla pena di morte. Sono questi i due punti fondamentali, dei sei sollevati in precedenza dagli avvocati di Assange, i soli accettati dai giudici. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Autore:

Data:

20 Maggio 2024