Traduci

ATTENZIONE A QUELLO CHE MANGIAMO

Il cibo è elemento essenziale per la vita. Quello che mangiamo ogni giorno diventa parte integrante di noi. E’ fondamentale sapere quanto sia importante alimentarsi in modo corretto. Non a caso negli ultimi tempi è accresciuta notevolmente l’attenzione verso ciò che portiamo in tavola. Le persone si sono accorte che il corpo reagisce e agisce in modo differente a seconda degli alimenti introdotti. Le intollerenze alimentari sono la prova che le sostanze immesse possono diventare il nostro migliore amico o peggiore nemico. In molti cercano di comprendere i motivi che comportano un’insofferenza così estesa verso il cibo. Si parla di un’aumento delle intolleranze e delle allergie alimentari. Probabilmente la risposta è nel cibo stesso.

cms_2946/foto_2_.jpg

Sappiamo che per produrre una quantità elevata di prodotti dello stesso tipo, di uguale grandezza e -possibilmente- esteticamente soddisfacenti, è necessario ricorrere a dei metodi particolari. Alcuni di questi sono i pesticidi e gli ormoni. Utili perché permettono di soddisfare la domanda generale e imprevedibili perchè ancora non si (ri)conoscono completamente gli effetti che hanno sull’organismo umano. Una cosa è certa, il problema non è il cibo in sé ma il modo in cui viene trattato prima di giungere nei nostri supermercati di fiducia. Pensiamo all’olio extravergine d’oliva, ad esempio. Un ingrediente immancabile della tavola italiana. Tuttavia non molti sanno che non sempre quello che utilizziamo per i nostri piatti è puro olio extravergine d’oliva. Nel senso che talvolta viene mischiato al cosiddetto lampante. Si tratta di olio di scarto trattato e ripulito che viene mescolato insieme all’extravergine per creare quella miscela che poi finisce nelle nostre cucine. Per non parlare del miele importato contraffatto.

cms_2946/foto_3_.jpg

Se la carne rossa è cancerogena come affermano, il resto non sembra da meno. Siamo schiavi di un’alimentazione disturbata e insana poiché spesso non conosciamo ciò che ingeriamo. C’è comunque da mettere ben in evidenza l’onestà dei piccoli e grandi produttori italiani che, nonostante la crisi e le ingenti tasse, si impegnano a mantenere alto il livello di qualità senza giungere a compromessi con il diavolo. Non è vero che sono pochi, al contrario. Si tratta di coloro che combattono le truffe e difendono il made in Italy frutto di una lunga tradizione.

cms_2946/foto_4_.jpg

Poniamo attenzione all’etichette, alla provenienza del prodotto, al trattamento riservato agli animali e a tutto il resto. Informiaci per capire meglio. Usiamo le necessarie accortezze per distinguere il buono dal non buono. Non facciamo orecchie da mercante di fronte ai fatti e sosteniamo i prodotti di qualità. Soprattutto il made in Italy che vale.

Data:

7 Novembre 2015