Traduci

BARI: 3 PUNTI D’ORO. TORNA A VINCERE IN TRSFERTA E SI AVVICINA ALLA VETTA

Finalmente il Bari, dopo nove partite, torna a vincere fuori casa (ultima vittoria a Modena, il 28 febbraio 2014) e si proietta verso le prime posizioni di classifica. Purtroppo, lo fa proprio nel giorno in cui viene vietata la trasferta ai propri supporters, negando loro la gioia che aspettavano da tempo.

cms_2799/Latina_2.jpg

Vedere il settore ospiti dello stadio di Latina destinato ai tifosi biancorossi, vuoto, fa un certo effetto. E’ la prova di uno sport malato che fatica a trovare la ricetta giusta e a decollare; è la testimonianza, se mai ce ne fosse bisogno, della sconfitta del calcio e anche del diritto. La eventuale responsabilità di pochi, infatti, non può essere riversata sui tanti non colpevoli. Così, non va. Di conseguenza, i tifosi biancorossi, che da tutta Italia si erano organizzati anzitempo per seguire la trasferta di Latina, hanno dovuto rivedere il loro programma, rinunciare al piacevole rito della trasferta, e seguire la squadra solo attraverso radio e televisione.

cms_2799/3_Nicola.jpg

Fortunatamente, questo problema, non ha intimorito la corazzata barese che è scesa al “Francioni” di Latina per vincere, come aveva detto Nicola alla vigilia. Va detto che si è trattato di una partita dai due volti. “E’ stata una partita di qualità – ha dichiarato il tecnico del Bari, Nicola ai microfoni di Radionorba– con il primo tempo in perfetto equilibrio, anche se abbiamo auto 3 o 4 occasioni importanti. Poi è arrivato il vantaggio del Latina quando eravamo momentaneamente in 10. Nel secondo tempo, dopo i primi dieci minuti, non c’è stata partita. Il Latina faceva fatica ad uscire dalla propria metà campo e noi abbiamo messo più coraggio, consci che avremmo potuto rischiare qualcosa in più. La squadra sta crescendo.”

cms_2799/Latina_3.jpg

In effetti, ilprimo tempo è stato sostanzialmente equilibrato, con il Bari più intraprendente che ha provato a fare la partita, rendendosi pericoloso, in particolare, con Maniero, al 21’, (colpo di testa parato dal portiere, Di Gennaro) e con De Luca, alla mezz’ora (il suo tiro finisce fra le braccia dell’estremo difensore nerazzurro). Ma bravo è stato anche Guarna a neutralizzare, precedentemente, il pericoloso tiro di Acosty. Poi, al 45’, Scaglia, con un pregevole tiro dalla distanza, porta, inaspettatamente in vantaggio, la squadra di casa. Nel secondo tempo, invece, si è visto un Bari più solido, ma pochi tiri in porta da entrambe le squadre. La svolta è arrivata con l’ingresso in campo di Rosina e Donati al posto di Sansone e Romizi che ha permesso al Bari di attaccare meglio gli spazi e di cercare maggiormente la profondità.

cms_2799/4_Donati.jpgIl Bari, così, si rende pericoloso con Donati all’80’, ma un salvataggio sulla linea di porta, gli nega il gol del pareggio. Gli sforzi dei biancorossi, tuttavia, vengono ripagati nel finale di partita quando, in 3 minuti, ribaltano il risultato. Ci pensano l’ex di turno, Valiani, con un gran tiro (determinante il velo di Rosina) e Donati che firma la rete del sorpasso definitivo, all’87’, complice una deviazione del solito Rosina. Tre punti importanti per morale e classifica e insperati, soprattutto, per come si era indirizzata la gara. E’ la vittoria del gruppo, dell’orgoglio, del carattere e anche di Nicola. Il tecnico piemontese, infatti, ha cambiato volto alla gara con l’inserimento, a partita in corso, di Donati e Rosina, poi rivelatisi decisivi anche nei gol. Per la seconda volta, in queste prime sei giornate di campionato, il Bari ha saputo ribaltare il risultato di svantaggio (Spezia e Latina). Ha conquistato la terza vittoria, seconda consecutiva, raggiungendo il 6° posto (11 p. ti), a due soli punti dal terzetto di testa (Cagliari Crotone e Cesena, 13 p. ti). Ed ora è tassativo non distrarsi e continuare così.

A presto

(ringraziamo la FC BARI 1908 per la concessione alla pubblicazione della foto di Donati)

Autore:

Data:

3 Ottobre 2015