Traduci

BARI, TERRA DI CONQUISTA. IL VICENZA VINCE AL SAN NICOLA CON IL MINIMO SFORZO

Perdere ci sta, ma non in questo modo. Il Vicenza, dopo 19 anni, torna a vincere a Bari (0-1) e lo fa con merito e senza grossi sforzi. Il Bari, dal canto suo, non solo non ha fatto nulla per impedire che ciò avvenisse, ma ha addirittura agevolato il successo degli ospiti con un atteggiamento attendista, poco propositivo e in alcuni momenti anche irritante, tanto da meritarsi, al termine della partita i sonori fischi di un pubblico generoso, ma spazientito. In effetti, si è vista una partita mediocre, vinta dalla squadra meglio organizzata, il Vicenza (la quinta miglior difesa del campionato), che ha saputo capitalizzare una delle rare occasioni da gol create durante la gara. Una partita avara di emozioni e priva di azioni da raccontare, se non un paio di occasioni, per entrambe le squadre, oltre al gol di Petagna realizzato al 27’ della ripresa.

cms_1850/2_Nicola.jpg“Non mi è piaciuta questa partita – ha dichiarato il tecnico biancorosso Nicola ai microfoni di Radionorba – e non abbiamo creato molto, ma abbiamo anche rischiato meno”. Probabilmente il Bari ha prodotto poco anche per la defezione (squalifiche ed infortuni) di alcuni calciatori come Galano, Schiattarella, Donati, Camporese e con De Luca partito dalla panchina perché in non perfette condizioni. Ma le assenze pur importanti non giustificano la mancanza di tiri, nello specchio della porta avversaria, nell’arco dell’intera gara. Positivo il rientro di Romizi e di Guarna (al suo esordio stagionale). Ma ciò non è bastato ad evitare la sconfitta. I gol si continuano a prendere, a prescindere dagli uomini, perché probabilmente, c’è qualcosa che non funziona nell’organizzazione della fase difensiva. E’ sembrata, inoltre, una squadra priva di un’idea di gioco, timorosa e preoccupata, soprattutto, di non prendere gol (Livorno docet), mostrando limiti anche nella costruzione della fase offensiva. Intanto, è arrivata la dodicesima sconfitta stagionale (la quinta in casa), la sesta di Nicola, alla sua dodicesima partita con il Bari. La cosa più preoccupante, tuttavia, è che ora i biancorossi sono ad un punto dalla zona play – out e soprattutto sembrano non saper uscire da questa pericolosa situazione. E’ necessario, quindi, reagire subito e, soprattutto, cambiare direzione perché si ha la sensazione che questa strada, intrapresa dal Bari, non porti da nessuna parte.

(le foto sono di Max Boccasile)

Autore:

Data:

15 Febbraio 2015