Traduci

BARRY SEARS E LA “DIETA ZONA” MEDITERRANEA

Chissà a quanti di noi, nel corso della propria vita, è capitato di imbattersi o anche di aver solo sentito palare di “Dieta Zona”! Si tratta di un metodo scientifico nutrizionale ideato, circa vent’anni fa, dal Professor Barry Sears, specializzato nel controllo dietetico delle risposte ormonali. Nello specifico, la “Dieta” si basa sulla funzionalità degli eicosanoidi, definiti anche super ormoni, che sovraintendono l’intera fisiologia umana. E i loro livelli vengono regolati attraverso l’assunzione di farmaci o con l’alimentazione.

cms_7436/Foto_1jpg.jpg

Per il ricercatore e biochimico americano, il nostro fisico deve soddisfare il fabbisogno alimentare giornaliero di carboidrati, proteine e grassi in percentuale 40-30-30 (40% carboidrati, 30% proteine, 30% grassi). Con il risultato di stimolare la produzione di “super ormoni” buoni, e di controllare i livelli di insulina nel sangue. In parole povere la giusta quantità di cibo, così come accade con le dosi farmaceutiche né troppo alte né troppo basse, può condurre a un benessere psico-fisico. Addirittura, secondo l’ultima teoria di Sears, la “Dieta Zona” ha dei benefici antinfiammatori. E questo è il tema al centro di uno dei convegni del nuovo tour scientifico del ricercatore di Long Beach, che si terrà oggi al Parco dei Principi di Bari. L’appuntamento è rivolto a opinion leader e operatori del settore farmaceutico, medici, nutrizionisti e biologi desiderosi di approfondire le tematiche legate alla Dieta Zona e alle sue proprietà antinfiammatorie.

cms_7436/Foto_2.jpg

Barry Sears, durante questo incontro, toccherà alcuni argomenti fondamentali della strategia alimentare “Zona”, aggiungendo alcune novità e prendendo spunto anche dal suo ultimo libro: “Positive Nutrition: i pilastri della longevità” edito da Sperling & Kupfer e pubblicato quest’anno in Italia, all’interno del quale Sears spiega il ruolo chiave della “Dieta Zona” come strategia alimentare antinfiammatoria per eccellenza, ricca di polifenoli e omega 3, in grado di mantenere le persone in ottima forma, fisica e mentale. Garantirsi una vita lunga e in salute, quindi, è un’impresa che necessita di preziosi alleati, precisamente due: la restrizione calorica che si ottiene attraverso la strategia alimentare Zona e i superfoodderivanti soprattutto dal mondo vegetale e dall’integrazione attraverso l’uso costante di integratori a base di omega-3, polifenoli, Tè verde, ecc… Tutto questo, per il Prof. Sears, se accompagnato da una regolare attività fisica e da tecniche antistress quali lo yoga, la meditazione e la corretta respirazione, sarà in grado di respingere la costante aggressione dell’infiammazione silente, consentendo alle cellule di vivere meglio e più a lungo.

cms_7436/Foto_3.jpg

All’evento, “POSITIVE NUTRITION: Dieta antinfiammatoria con alimenti mediterranei e stile di vita: le basi scientifiche, le esperienze e le prospettive in ambito clinico per la salute e la performance”, partecipa il Dott. Domenico Meleleo, Pediatra nutrizionista, Dott. Domenico De Mattia, Biologo Nutrizionista e Prof. Giovanni De Pergola, Associato di Medicina Interna – Università degli Studi di Bari. I lavori inizieranno alle 13.30 con la relazione del Prof. Sears, per poi passare a un workshop pomeridiano in cui gli esperti del settore si confronteranno nel dibattito sulla strategia e l’efficacia della “Positive Nutrition”.

(Foto dalla pagina Facebook di Enerzona: si ringrazia)

Autore:

Data:

12 Ottobre 2017