Traduci

“Basilicata Stories”

“Il vino è uno dei maggiori segni di civiltà nel mondo” sosteneva il premio Nobel per la letteratura Ernest Hemingway, che in Italia c’era stato e che ne aveva certamente apprezzato il buon vino. Questa squisita bevanda alcolica è, di fatto, l’eccellenza italiana più antica e famosa nel mondo. Una produzione capace di raccontare l’Italia dei paesi (dei campanili, si diceva una volta) e delle regioni sapendo mettere in luce aspetti propri di ogni territorio e di ogni vigna.

cms_8852/2.jpg

Questa volta, il prodotto vitivinicolo punterà i riflettori sulla storia e sulle tradizioni della Basilicata, una regione che, negli ultimi anni, ha investito molto nel settore registrando una crescita importante.

Prende il via oggi, 4 aprile, “Basilicata stories”, kermesse internazionale sul vino lucano, nella splendida cornice di Palazzo Caracciolo a Napoli. Saranno presenti 18 produttori, 18 pionieri e 18 ambasciatori del settore vitivinicolo lucano, che racconteranno attraverso degustazioni e descrizioni tecniche i proprio vini. “Basilicata stories” ha lo scopo di sostenere le imprese del vino lucano nel percorso di promozione territoriale e nella commercializzazione del prodotto sui mercati stranieri. Infatti, l’evento vedrà presente anche la stampa internazionale del settore vitivinicolo mondiale.

cms_8852/3.jpg

L’evento sarà un’importante vetrina per supportare la crescita all’estero di tutto il settore vitivinicolo della regione Basilicata. Queste le 18 imprese coinvolte in “Basilicata Stories”: Ripanero, Lagala, Musto Carmelitano, Casa Vinicola D’Angelo, Carbone, Basilisco, Battifarano, Cantina di Venosa, Cantine del Notaio, Colli Cerentino, Iacovazzo, Ditaranto, Dragone, Elena Fucci, Martino, Mastrangelo, Tenuta Marino, Vigneti del Vulture.

Data:

4 Aprile 2018