Traduci

BLACK FRIDAY: RADDOPPIA IL RISCHIO DI CYBERATACCHI

Ormai Il Black Friday è diventato al giorno d’oggi un momento atteso e imperdibile, un trend che si è fatto largo nel tempo ed è arrivato a numeri considerevoli. Dall’inglese “venerdì nero” era il nome informale utilizzato negli Stati Uniti d’America per indicare il venerdì successivo al Giorno del ringraziamento, che si celebra il quarto giovedì di novembre. Al giorno d’oggi, il giorno dopo il Ringraziamento è tradizionalmente considerato negli USA l’inizio della stagione delle compere natalizie e dei relativi saldi: usanza che però le grandi catene commerciali estendono anche oltre i confini americani e che fanno durare tutto il weekend. Lo sviluppo positivo che questo trend ha creato in concomitanza con tale giornata ha provocato una riduzione dei tassi di abbandono dei carrelli in quanto gli utenti, approfittando delle promozioni e prezzi stracciati, finalizzano gli acquisti più velocemente. Ma, sul fronte della cybersecurity, questa frenetica corsa all’ultimo acquisto rappresenta un vero e proprio problema.

cms_28416/FOTO_1.jpg

Secondo i dati della società di sicurezza Kaspersky, il numero di attacchi informatici tramite Trojan bancari che rubano i dati di pagamento sono raddoppiati in questo Black Friday rispetto allo scorso anno, raggiungendo quasi 20 milioni. Infatti, tutta questa frenetica corsa all’ultimo acquisto porterebbe l’utente a prestare meno attenzione all’affidabilità dei siti andando incontro così a truffe: Quando si visita uno store online sospetto, il Trojan insidiatosi salverebbe tutti i dati che l’utente inserisce nei moduli del sito web cosicché i criminali informatici abbiano accesso alla carta di credito o di debito, nonché alle credenziali di login al sito. Una volta ottenute queste informazioni, gli attaccanti possono utilizzarle per svuotare il conto bancario dell’utente, utilizzare i dati della carta per gli acquisti o vendere i dati nei negozi del Dark Web. Quest’anno in particolare, i criminali informatici hanno utilizzato per la prima volta un nuovo tipo di meccanismo di phishing, sfruttando i servizi Buy Now Pay Later (BNPL).

cms_28416/FOTO_2.jpg

Questi strumenti consentirebbero ai clienti di suddividere il costo dell’acquisto in diverse rate senza interessi, attraendo soprattutto i consumatori più giovani, e si sono dimostrati molto popolari proprio il Black Friday. Infine, Olga Svistunova, Security Expert di Kaspersky, sull’accaduto ha commentato: “il Black Friday è un momento cruciale non solo per i venditori e i loro acquirenti, ma anche per i truffatori che vogliono rubare quanto più denaro possibile ai clienti impazienti. Nei giorni ordinari il cliente può facilmente capire: se il prodotto è troppo economico, molto probabilmente si tratta di una truffa, ma durante il periodo degli sconti del Black Friday questo aspetto non è così chiaro. Gli acquirenti diventano meno vigili e sono quindi un facile bersaglio per i criminali informatici. Ecco perché è importante prestare attenzione al sito da cui si acquista, fare attenzione alle aziende sconosciute e utilizzare una soluzione di sicurezza affidabile”.

Data:

24 Novembre 2022